La pallavolista lecchese Miriam Sylla, cresciuta da ragazzina nelle file della Pallavolo Olginate ed ora schiacciatrice dell’Imoco Conegliano in Serie A e della Nazionale Italiana, ha già staccato il biglietto per le Olimpiadi di Tokyo 2020. Dopo questa grande impresa con le sue compagne azzurre, l’abbiamo contattata in esclusiva per farci raccontare le emozioni di questa importante qualificazione che proietta l’Italia tra le favorite per la conquista della medaglia d’oro.

LEGGI ANCHE:

La bellezza statuaria della pantera lecchese Sylla protagonista di un calendario benefico

La campionessa italiana Miriam Sylla è uno dei volti di #25 novembre

Miriam Sylla e Sylvia Nwakalor: le nostre campionesse azzurre ricevute dal Presidente Mattarella

Come sono stati le qualificazioni?

Miriam Sylla

“Quelli vissuti a Catania, per le qualificazioni alle Olimpiadi, sono stati tre giorni importanti e decisivi, anche a livello emotivo. Ci serviva, infatti, questa qualificazione per staccare il biglietto per Tokyo 2020 – racconta in esclusiva Miriam – In queste tre partite è stato un crescendo per noi, infatti abbiamo dovuto affrontare Kenia, Belgio ed infine l’Olanda. Abbiamo però giocato sempre alla grande, soprattutto con le Orange olandesi, un match in cui abbiamo messo in campo tanta determinazione e voglia di conquistare il nostro importante obiettivo”.

Una dedica speciale?

“Ci tengo tanto a ringraziare tutte le persone che ci hanno seguito anche da lontano e non hanno mai smesso di credere in noi. Nei momenti difficili di preparazione abbiamo avuto dei cali e sembrava quasi che si stesse perdendo la fiducia nel mondo del volley, perché è molto facile perderla. Per questo ringraziamo le persone che ci sono state sempre vicine e alla fine questa vittoria e la qualificazione sono anche merito loro”.

Leggi anche:  KTM PROTEK DAMA: a Pergine Huez è oro e Valerio d'argento FOTO
La Nazionale italiana che si è qualificata alle Olimpiadi di Tokyo 2020

Chi è Miriam Sylla

Miriam Sylla, pallavolista lecchese classe 1995, è nata a Palermo prima di trasferirsi da giovane con la famiglia a Valgreghentino. Qui è iniziata la sua carriera pallavolistica prima tra le fila del Grenta, poi della Pallavolo Olginate e dell’Orago. Nella stagione 2011-12 il grande salto con il passaggio a Villa Cortese, prima dell’esperienza a Bergamo nel 2013-14. Al club bergamasco resta legata per cinque stagioni, conquistando la Coppa Italia 2015-16. Nello stesso anno arriva anche la prima convocazione con la Nazionale maggiore dell’Italia, con cui vince la medaglia d’argento al World Grand Prix e, nel 2018, l’argento al campionato mondiale. La scorsa stagione 2018-19 Miriam si trasferisce all’Imoco Conegliano ed è protagonista di un super stagione con la conquista della Supercoppa italiana e dello scudetto di serie A1 femminile. Ora un altro successo con la Nazionale che vale la qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020, dove le azzurre saranno sicuramente protagoniste.

a cura di Mario Stojanovic