Presentato questa mattina a Villa Olmo il Giro di Lombardia 2018. La nota manifestazione ciclistica quest’anno si terrà il weekend del 13 e 14 ottobre. Partenza a Bergamo e arrivo, per il secondo anno consecutivo, a Como. Ecco quindi tutto quello che c’è da sapere.

Giro di Lombardia 2018: percorso e arrivo

Partenza da Bergamo in direzione sud attraversando nei primi 40 km la pianura bergamasca per risalire la val Cavallina fino a Casazza dove si affronta la prima salita della corsa il Colle Gallo (763 m). Colle seguito da una discesa veloce fino a rientrare dalla val Seriana su Bergamo. Ci si immette quindi nuovamente in strade di pianura che conducono in Brianza. Passaggio breve per Colle Brianza (533 m) e discesa su Pescate per puntare su Valmadrera e poi in direzione Oggiono e, infine, attraverso Pusiano, Asso e la discesa su Onno portarsi a Bellagio dove inizia la salita del Ghisallo (754 m). Salita con pendenze fino al 14% su strada ampia con diversi tornanti. La discesa, molto veloce, si svolge per lunghi rettilinei e si interrompe a Maglio dove immediatamente dopo la svolta a destra inizia la salita della Colma di Sormano (1124 m).

Alcuni km di media pendenza e quindi poche centinaia di metri dopo Sormano si imbocca sinistra il Muro di Sormano (2 km al 15%) su strada stretta, molto ripida, in parte all’interno di un boschetto, con tornanti strettissimi e con pendenze che attorno ai 1000 m di percorrenza che superano il 25% fino a sfiorare il 30%. Superata la Colma segue la discesa (in falsopiano nella prima parte, poi molto impegnativa con molti tornanti e carreggiata stretta) su Nesso dove si riprende la strada costiera per raggiungere Como. Si affronta la dura salita verso Civiglio (614 m) con pendenze praticamente sempre attorno al 10% per ridiscendere e riattraversando Como superare l’ultima breve salita ai piedi di San Fermo della Battaglia.

Foto LaPresse – Fabio Ferrari
08/10/2017 Como (Italia)

La modifica degli ultimi chilometri per la frana in Valfresca

Come ampiamente anticipato, il percorso di arrivo a Como dei ciclisti è stato modificato per la chiusura della Valfresca a seguito di una frana. Per gli ultimi 10 km, che iniziano dentro l’abitato di Como, si seguono larghi vialoni fino al sottopasso ferroviario dove inizia la breve rampa in salita finale circa 1500 m al 5% medio. Giunti alla rotatoria di Largo Ceresio iniziano i 3 km finali e la discesa che porta al Lungo Lario. La discesa su strada larga, incontra due gallerie e due ampie rotatorie, termina all’ultimo chilometro. Ai 600 m dall’arrivo ultima ampia curva verso sinistra. Retta di arrivo su asfalto, larghezza della carreggiata 7 m.

Leggi anche:  Mini ZacUP tutto l'entusiasmo dei più piccoli. FOTO

L’indotto turistico della manifestazione

A presentare questa mattina la nuova edizione della manifestazione per il Comune di Como l’assessore allo Sport Marco Galli mentre per Bergamo il portavoce Francesco Alleva. Con loro l’assessore allo Sport di Regione Lombardia Martina Cambiaghi e gli organizzatori di Rcs Sport, Mauro Vegni e Andrea Trabuio che ha seguito la seconda edizione della Gran Fondo.

“E’ bello ritrovarci dopo un anno e comunicare il secondo arrivo consecutivo sul nostro lago – ha sottolineato Galli – Speriamo sia emozionante al pari dello scorso anno. Turismo e ciclismo sono un grande motore e il Giro di Lombardia è una bellissima vetrina per il nostro territorio”.

Andrea Trabuio, Martina Cambiaghi, Mauro Vegni, Marco Galli e Francesco Alleva

Dello stesso avviso Vegni che ha spiegato: “E’ una delle gare ciclistiche più belle di fama internazionale, una delle ultime classiche. Il percorso attraversa un bellissimo panorama e anche tappe, come il Museo della Madonna del Ghisallo, che celebrano il ciclismo”.

Ha concluso l’assessore regionale Cambiaghi: “La Lombardia si riconferma ancora una volta terra di ciclismo, terra di passione e di sforzo che poi portano a dei risultati. Caratteristiche che sono in comune con il ciclismo. Questa manifestazione sportiva così come molte altre sono un volano, un biglietto da visita fondamentale, per far conoscere il nostro territorio con l’obiettivo di rilanciare quell’economia che vive di turismo”.

La Gran Fondo per gli amatori

Sono già 1200 gli iscritti al secondo appuntamento ciclistico del fine settimana del Giro di Lombardia 2018. Domenica 14 ottobre, dopo la gara dei professionisti, si terrà quella degli amatori, la Gran Fondo. Con partenza da Como, i partecipanti affronteranno tre salite storiche della gara dei professionisti: il Ghisallo, il Muro di Sormano e Colma e finale sul Civiglio. Per chi volesse partecipare le iscrizioni sono ancora aperte su www.gflombardia.it.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU