Arrivano (finalmente) buone notizie per la Statale 36. Ad annunciarle sono da una parte Gian Mario Fragomeli, deputato dem e dall’altra il collega del Carroccio Ugo Parolo.

LEGGI ANCHE Sblocca Cantieri, Statale 36, e gli elogi a Salvini: niente da fare per la senatrice Faggi L’EDITORIALE

Il Commissario straordinario per la Statale 36

“Il Governo – spiega il deputato democratico Fragomeli- ha detto sì alla mia richiesta di nominare un Commissario straordinario che si occupi di gestire e coordinare gli interventi di ammodernamento e di messa in sicurezza della SS 36. Nel corso del mio intervento in Aula, ho ribadito quanto questa arteria sia fondamentale, sotto tutti i punti di vista, per il nostro territorio. I terribili eventi di ieri, infatti, ci hanno dimostrato, una volta di più, come la parte alta della SS 36 rappresenti – anche in occasione di eventi calamitosi che costringano alla chiusura della viabilità secondaria – la principale via di transito in caso di emergenze ed è quindi fondamentale curarne al meglio la manutenzione, la percorribilità e la messa in sicurezza”.

La messa in sicurezza del tratto tra Lecco e Colico

“E’ stato accolto favorevolmente il mio Ordine del Giorno al Dl Sblocca cantieri che impegna il Governo a inserire tra le priorità strategiche nazionali l’adeguamento e la messa in sicurezza della viabilità tra il capoluogo lombardo e la Provincia di Sondrio” aggiunge Parolo . “In pratica, attraverso la nomina di un Commissario sarà garantita una gestione unitaria dei vari interventi di riqualificazione, messa in sicurezza, adeguamento e completamento del tratto della SS36 tra Lecco e Colico”.

Leggi anche:  Farinetti, patron di Eataly deliziato dai formaggi made in Lecco

I lavori alla galleria Monte Piazzo

“Le criticità delle gallerie della SS36, e specialmente delle “Monte Piazzo”, sono oggetto di studio da parte di Anas e potrebbero comportare, analogamente a quanto verificatosi alla fine degli anni 2000, dei radicali interventi di rifacimento di alcuni tratti” prosegue ParOLO. “Per questi motivi, grazie a questo ordine del giorno, il Commissario nominato dovrà prioritariamente garantire un’adeguata viabilità alternativa alla SS36 che potrà concretizzarsi a partire dal completamento degli svincoli di Piona e di Dervio ma anche con interventi di adeguamento della SP72. Si tratta di un passo importante che va a favore di tutti i cittadini. Un ringraziamento particolare va alla Senatrice Antonella Faggi, relatrice del provvedimento al Senato, e il Senatore Paolo Arrigoni, che avevano depositato analogo emendamento durante la discussione a Palazzo Madama”.