A poche ore dal voto Matteo Salvini irrompe nella campagna elettorale di Valmadrera e bacchetta il vicario parrocchiale don Tommaso Nava.

Salvini irrompe a Valmadrera e “bacchetta” don Tommaso

LEGGI ANCHE Chi vota la Lega non è cristiano” sacerdote lecchese nella bufera

La Lega, guidata dall’aspirante sindaco Alessandro Leidi, ha chiuso la sua campagna questa sera, con un aperitivo in piazza Monsignor Citterio con i cittadini, alla presenza dei candidati in lista e di alcuni ospiti come il sottosegretario regionale Antonio Rossi e i senatori del Carroccio Paolo Arrigoni e Antonella Faggi. Ma l’ “incursione” più attesa l’ha fatta il segretario federale del movimento, Matteo Salvini, che ha parlato in collegamento telefonico alla piazza. Un intervento di poco più di due minuti in cui ha chiesto il voto alla Lega per dare una svolta in Europa, per poi arrivare al livello locale, facendo gli auguri a Leidi e alla sua squadra. Senza però lesinare una stoccata al vicario parrocchiale di Valmadrera, don Tommaso Nava, che dalla sua pagina Facebook ha attaccato il leader del Carroccio, arrivando a dire che “Chi vota Lega non è cristiano”. Parole che sono arrivate fino all’orecchio di Salvini che non le ha gradite affatto.

“Sono orgoglioso di testimoniare con i miei atti e le mie opere  la mia Fede”

“Vi abbraccio, sto incontrando una marea di gente bella da nord a sud che domenica cambierà la storia di Europa, però da ministro e da lombardo ci terrei anche a cambiare la storia di Valmadrea – ha esordito Salvini – Quindi faccio l’imbocca al lupo ad Alessandro e faccio in bocca al lupo alle donne e agli uomini della sua squadra, anche perchè ho visto che lì c’è una partita politica molto dura, in cui interviene ogni tanto anche qualche parroco… Va beh, io invece sono orgoglioso di testimoniare con i miei atti e le mie opere, umilmente, la fede che mi ha donato il buon Dio senza voler convincere nessuno. Siccome si vota per l’Europa io sono offeso di come l’Europa abbia negato le radici cristiane nella sua costituzione e mi arrabbio ogni volta che si toglie un crocifisso, un presepe, che si cancellano i canti di Natale o non si festeggia la Pasqua. Mi piacerebbe che qualche parroco fosse altrettanto attento  quando vengono offesi i simboli della nostra cultura, della nostra storia, del nostro futuro. Detto questo, avanti ragazzi nel nome di Valmadrera: dove governa la Lega le cose funzionano e sono sicuro che domenica vinceremo”.