Non solo Genova, anche se le riflessioni  sulla tragedia del Ponte Morandi   sono state centrali nel discorso che ieri sera Matteo Salvini, ospite d’onore della festa della Lega  a Pontida, ha fatto davanti al suo pubblico. Dagli stranieri in Italia ai rapporti con l’alleato Luigi di Maio, dalla sicurezza alla mafia: il Ministro dell’Interno ha scaldato il suo popolo, ricevendo applausi e consenso.

Salvini e l’immigrazione

Salvini  ha “cavalcato” il suo cavallo di battaglia, ovvero i flussi migratori. “Lo scorso anno da gennaio ad agosto erano sbarcati in Italia 100.000 migranti. Quest’anno sono meno di 20.000. Vuol dire che si poteva gare qualcosa”.  Non solo ma anche aggiunto “Non più 35 euro per migrante, ma la metà. E i soldi che risparmiamo li investiamo in sicurezza”.

 

Mafia e sicurezza

“Le forze dell’ordine in Italia sono eccezionali. Stanno sequestrando beni su beni alla Mafia”. E ancora. “Non batteremo quelli dell’antimafia delle chiacchiere con i fatti… perchè la mafia non ca combatti con i film, ma portandogli via le ville, le macchine, i trattori”.

Leggi anche:  Don Giorgio replica (da lontano) a Salvini: "Beneficenza? darò i soldi ai clandestini che arrivano in Italia"

Bergamo e Gori

“Noi non sbaglieremo perchè qualcuno ci paga per sbagliare, come ha fatto qualcuno. Noi abbiamo la responsabilità di governare tanti Comuni e tante ragioni. Però vi chiedo una cortesia: l’anno prossimo tocca a Bergamo!”. E poi con ironia tagliente. ” E’ giusto che un uomo importante ed  effervescente come Gori non sia costretto a fare solo il sindaco di Bergamo, ma possa girare i mondo”.

Il rapporto con il Movimento Cinque Stelle

“Son contento di avere accettato una scommessa rischiosa” ha detto parlando della scelta di Governare con i Cinque Stelle. “Se fossimo andati nuovamente al voto la Lega avrebbe raddoppiato il numero dei parlamentari, ma abbiamo pensato al bene degli Italiani, così come faremo nella prossima Manovra economica. Ho trovato degli alleati di Governo e in Luigi di Maio persone serie ed affidabili”.

 

Nota finale romantica

Nota finale all’insegna del romanticismo con Salvini che ha impartito una “benedizione” speciale a due novelli sposi in maglia verde.