Ritardi alla Motorizzazione di Bergamo, in estate stop alle code con il nuovo personale. A chiedere lumi sulla vicenda, che sembrava finita nel dimenticatoio, è stata la deputata Elena Carnevali (Pd).

Ritardi alla Motorizzazione

«Ad un anno di distanza dalla legge di Bilancio 2018, in cui il governo Gentiloni e il ministro Delrio avevano inserito le risorse necessarie per incrementare il personale delle Motorizzazioni, ho richiesto un incontro nella sede centrale della Motorizzazione Civile a Roma – dichiara Elena Carnevali, dell’ufficio di presidenza del gruppo Pd alla Camera – perché nonostante le rassicurazioni del governo in carica l’effettiva assegnazione del personale tardava».

Nuovo personale a Bergamo

Dall’incontro sono emerse due buone notizie: la prima è che la Motorizzazione si è presa l’impegno di far arrivare entro l’estate il nuovo personale previsto, che ora ha completato il percorso concorsuale. Stiamo parlando, per la Direzione Generale Territoriale del Nord-Ovest (che comprende Bergamo, Sondrio, Lecco e Como) di 7 ingegneri, di cui 4 sono stati assicurati a Bergamo. Inoltre, dovrebbero aggiungersi anche 2 assistenti tecnici e 1 amministrativo: è stata chiesta a Formez PA (il Centro servizi, assistenza, studi e formazione per l’ammodernamento delle Pubbliche Amministrazioni) di contribuire a far sì che questo personale sia al più presto disponibile.

Leggi anche:  Lavoro e famiglia: la conferenza dell'Udc a Milano con politici ed esperti

Personale abilitato come esaminatore

«Finalmente, dunque, dopo mesi di dilazioni rispetto ai tempi preventivati, abbiamo un orizzonte temporale definito per l’entrata in servizio del nuovo personale, e questo è certamente positivo. L’altra buona notizia per aumentare il contingente degli esaminatori – prosegue la deputata – è data dal corso di formazione che permetterà al personale attuale di poter essere “abilitato” al ruolo di esaminatore. Quest’ultimo gruppo, per la Dgt Nord-Ovest, verrà così ridistribuito: 3 lavoratori a Bergamo, 3 a Como e 1 a Lecco.
Positiva, infine, la disponibilità a valutare anche l’aiuto da sedi “esterne” se questi interventi non fossero sufficienti per smaltire in tempo utile gli arretrati segnalati dalle scuole guida».

Troppi arretrati a Bergamo

«Tali arretrati – conclude Carnevali – rimangono comunque motivo di preoccupazione – in un territorio come quello di Bergamo che ha un fabbisogno mensile di 2 mila esami di guida -, sia perché nel 2018 è stata registrata una riduzione di 5mila patenti emesse, sia perché il protrarsi delle difficoltà della motorizzazione può tradursi in importanti perdite economiche: in tal senso, queste novità nel loro complesso possono rappresentare il respiro di sollievo tanto atteso».

TORNA ALLA HOME