Nella nostra provincia andrebbe a meno del 5% delle famiglie… a Crotone a quasi una famiglia su tre. Stiamo parlando del reddito di cittadinanza. A dirlo è la classifica stilata dal Sole 24Ore relativa alla presenza, nelle varie province italiane, di famiglie con Isee ordinario inferiore ai 9mila euro che avrebbero quindi diritto al reddito di cittadinanza. Classifica che vede Lecco  piazzata al 104° posto. Il nostro territorio risulta quindi essere tra quelli in cui le famiglie indigenti sono le meno numerose.

La misura di sostegno a Lecco

Secondo i calcoli del più noto dei quotidiani economici a Lecco potrebbero fare affidamento sulla misura circa 7000 famiglie, ovvero poco meno del 5%.

A chi andrà il reddito di cittadinanza?

Rispetto a  quanto annunciato M5S ad aver diritto al reddito di cittadinanza saranno le famiglie con Isee fino a 9.360 euro, ma i criteri potrebbero essere ancora rivisti. Il parametro che determinerà chi ha diritto all’assegno è proprio quello dell’Isee, e in base ai dati riportati verrà pagato un assegno che può raggiungere la cifra massima di 780 euro.

Ecco la “classifica”

Ecco l’info grafica realizzata dal Sole.

(Fonte: elaborazione del Sole 24 Ore su dati “Il nuovo Isee. Rapporto di monitoraggio 2016”, ministero del Lavoro, e Istat).

 

Divario tra nord e sud

Le prime dieci posizioni in classifica, ovvero i territori dove il reddito di cittadinanza avrà un “peso specifico” maggiore sono tutti al sud. Di contrasto gli “ultimi”, tra i quali ci siamo anche noi lecchesi, sono tutti al nord. “Queste cifre – sottolinea il quotidiano economico – vanno rapportate agli abitanti. Se a Napoli e Palermo l’incidenza supera il ­20% delle famiglie residenti, a Torino e Roma è intorno al 9%, mentre a Milano non arriva al 7 per cento”. In pratica se prendiamo  100 le famiglie con i requisiti d’ammissione, 48,6 sono al Sud e nelle Isole, 19 al centro e 32,4 al Nord.

Leggi anche:  Elezioni Lecco 2020: Lecco merita di più, Mambretti coordinatore della lista

E i nostri vicini di casa?

Anche a Como e Sondrio, sempre in proporzione al numero totale dei residenti, la misura non andrà a favorire molte famiglie. 11mila circa a nel Comasco (con un indice addirittura inferiore al nostro ovvero 4.3 e poco 2600 a Sondrio, ovvero un indice di 3.3). Anche Bergamo e Monza Brianza sono in fondo  a questa particolare classifica, anche se precedono il nostro territorio. Sono praticamente appaiate in posizione 100 e 101.

In Lombardia

Tra le province della nostra regione  quella con più famiglie che avrebbero diritto all’erogazione è Brescia, al 52º posto della classifica (8,2%), seguita da Mantova al 64º (7.6%), da Lodi all’83º (6,9%), da Milano all’86º (6,7%) e da Pavia al 91º (6,5%).