Domani, venerdì 6 ottobre, scioperano per tutto il giorno le lavoratrici e i lavoratori delle Province e citta’ metropolitane.

Province e citta’ metropolitane, lavoratori in subbuglio

La mobilitazione è stata indetta a livello nazionale per lanciare l’allarme rosso sulle condizioni degli enti locali. “Mancano le risorse economiche per mantenere i servizi – spiega Franco Berardi, segretario generale Fp Cisl Lombardia -. Nella nostra regione alcune attività sono già state chiuse o fortemente ridimensionate, al punto che in alcuni territori è ormai impossibile garantire la manutenzione delle scuole e delle strade”.

Rischi per i cittadini

Il dissesto economico degli enti locali minaccia i servizi fondamentali alla cittadinanza, il posto di lavoro dei dipendenti e anche le buste paga. “Non si può andare avanti così – sottolinea Berardi – . Servono risorse economiche e umane se si vuole continuare a garantire quanto finora hanno garantito le Province. I tagli sono una perdita per i lavoratori ma anche per i cittadini”.

L’iniziativa a Lecco

In tutte le province lombarde sono state organizzate iniziative unitarie. A Lecco in Provincia si terrà un’assemblea dalle 9 alle 11.

Leggi anche:  Elezioni Lecco 2020, dopo l'addio al Pd Appello "svela i punti del proprio programma

Il caso di Milano

Il caso della Città Metropolitana di Milano è emblematico, con gli oltre 30 precari, addetti ai servizi ambientali e stradali, a casa da inizio ottobre per via di un bilancio 2017 non ancora approvato. Intanto lavoratrici e lavoratori hanno interrotto l’occupazione di Palazzo Isimbardi. Il sindaco Giuseppe Sala, incontrando ieri i sindacati, si è detto abbastanza ottimista, mentre i tecnici della Città metropolitana sono al lavoro per capire attraverso quali risparmi reperire le risorse mancanti.

La speranza del sindacato

Auspicando in una risposta ufficiale positiva, la Cisl Fp LOmbardia sottolinea che resta irrisolto il problema strutturale dell’ente, che senza fondi fatica a sopravvivere ogni anno.