Beppe Grillo al Circo Massimo: “Politici? Siamo pieni di autistici”. Due giorni dopo, polemica Grillo autistici ancora in primo piano: contro il “patron” del Movimento 5 Stelle molte voci, dalla politica, ma soprattutto dalla società civile più sensibile al tema.

Le parole di Beppe Grillo

“Siamo pieni di autistici, l’autismo è la malattia del secolo. L’autismo non lo riconosci, per esempio è la sindome di Asperger, c’è pieno di questi filosofi in televisione che hanno la sindrome di Asperger, di quelli che parlano in quel modo e non capiscono che l’altro non sta capendo. Hanno quel tono, c’è pieno di psicopatici”, ha detto Grillo, suscitando risate tra i presenti ma indignazione tra associazioni e famiglie che hanno a che fare con l’autismo tutti i giorni.

Polemica Grillo autistici

Come riporta GiornaledeiNavigli.it, una delle prime sollevazioni contro Beppe Grillo è arrivata da Cesano Boscone, a Sud di Milano, dove si trova la Fondazione Sacra Famiglia Onlus (ricordate, dove anche Silvio Berlusconi aveva trascorso un periodo di affidamento in prova ai servizi sociali dopo la condanna per frode fiscale nel processo Mediaset?).

A parlare è stato il direttore dei servizi innovativi per l’autismo di Sacra famiglia, Lucio Moderato:

“Grillo chieda scusa a tutte le persone con autismo che si sono sentite offese dalle sue parole (…) Tra l’altro erano Asperger alcuni geni assoluti del passato come Leonardo da Vinci e Mozart, e in tempi più recenti personaggi importanti del mondo culturale come Steve Jobs e Susanna Tamaro. Mancanza di responsabilità, infine”, continua il professore, “perché in quanto leader politico con migliaia di seguaci dovrebbe prestare attenzione alle proprie dichiarazioni e documentarsi, prima di offendere una persona su 70, perché tale è l’incidenza delle sindromi dello spettro autistico a livello mondiale”.

L’INTERVISTA COMPLETA SU GIORNALEDINAVIGLI.IT

Leggi anche:  Approvato il decreto sicurezza in Senato. Ci spiega tutto Nicola Molteni VIDEO

La politica: il sindaco di Mantova

Mattia Palazzi contro Beppe Grillo: il sindaco di Centrosinistra di Mantova non ha affatto gradito questo genere di ironie e, dalla sua pagina Facebook, ha lanciato un messaggio inequivocabile a Grillo:

“E se l’avessi tu la sindrome di Asperger? Cosa diresti, patetico arruffapopoli?”.

LEGGI ANCHE: Mattia Palazzi si scaglia contro Beppe Grillo dopo le ironie 

La politica: la consigliera regionale forzista

Polemica Grillo autistici: tutti contro il comico genoveseChe il comico Beppe Grillo non facesse più ridere da tempo era cosa risaputa, ma le sue ultime “battute” sull’autismo sono un vero e proprio calcio nello stomaco per chi soffre di queste patologie.

Così la bresciana Simona Tironi, consigliere regionale di Forza Italia e vice presidente della Commissione Sanità.

Qui non si tratta di difendere il diritto di satira, ma di capire che uscite di questo tipo (soprattutto se proferite dal fondatore del movimento che oggi governa il Paese) sono vergognose e inaccettabili. L’autismoè un argomento molto serio, e come Regione Lombardia ci stiamo impegnano per favorirne la prevenzione, con percorsi di cura e riabilitazione. Negli scorsi mesi abbiamo avviato un dialogo con una rete di 40 associazioni e negli ultimi 5 anni sono stati stanziati 13 milioni di euro per una migliore presa in carico di questi pazienti. A Grillo – conclude l’azzurra – chiediamo di mordersi la lingua prima di dire sciocchezze su cose che non conosce; ma forse è chiedere troppo a chi, dell’improvvisazione e del dilettantismo, ha fatto la sua cifra politica, con i risultati che vediamo ogni giorno.