Il Piano Marasche di Osnago ha prodotto una interrogazione consigliare a Merate. A presentarla, ieri, è stato il gruppo di opposizione consigliare Prospettiva Comune, a firma di Massimo Panzeri e Andrea Robbiani.

Piano Marasche

Il piano di lottizzazione è stato approvato dalla Giunta di Osnago lo scorso mese di aprile. Riguarda una superficie di 31mila metri quadrati affacciati sulla ex statale 36. Si contempla la realizzazione di una superficie commerciale di 7mila metri quadrati. “Presumibilmente di grande distribuzione” sottolinea Prospettiva Comune. Ricordando che “attualmente il piano è al vaglio dei competenti uffici regionali, a cui seguirà la convocazione della conferenza dei servizi che darà facoltà agli enti coinvolti di esprimersi”.

Quanto ne sa Merate?

“Considerata l’imponenza dell’intervento avrà inevitabilmente ripercussioni sia sulle attività commerciali già presenti sul territorio meratese sia sulla, già congestionata, viabilità della strada provinciale 342 dir”  premettono Panzeri e Robbiani, quanto è stato coinvolto il Comune di Merate?

Nel dettaglio Prospettiva chiede: “Quali attività informative ha assunto il competente assessorato al commercio di Merate rispetto all’intervento in oggetto? Quali iniziative di confronto sono state avviate con le competenti associazioni di categoria locali? Quale è l’impatto atteso sia per le attività commerciali meratesi sia per la viabilità locale? Quali gli orientamenti a proposito della giunta comunale di Merate ed in particolare dell’assessorato al Commercio? Quali le relative intenzioni rispetto al confronto in sede di Conferenza dei Servizi?”

Leggi anche:  Dissesti e "fiumi pericolosi": nel Lecchese arriveranno oltre 600mila euro

Tema urgente in Commissione

Il gruppo di minoranza conclude chiedendo che il tema venga urgentemente discusso in Commissione Ambiente e Territorio.