Ieri, domenica 25 novembre, un centinaio di volontari del Pd delle varie sezioni dell’Isola che lo scorso luglio hanno partecipato alla festa de “l’Unità” di Calusco e Carvico si sono riuniti per un pranzo. Un momento conviviale per ringraziare chi ha reso possibile questa “festa dei record”.

Cento volontari al ristorante “da Giovanni” di Carvico

Sono più di un centinaio i volontari del Pd di Calusco, di Carvico e degli altri circoli dell’Isola bergamasca che ieri, domenica 25 novembre, si sono riuniti al ristorante “da Giovanni” di Carvico per il consueto pranzo di ringraziamento di tutti coloro che hanno reso possibile la festa de “l’Unità” svoltasi dal 19 al 29 luglio 2018. Presenti a questo momento anche due importanti figure istituzionali del Partito Democratico: il segretario di zona Pd Isola Bergamasca Raffaello Teani e la parlamentare bergamasca Pd Elena Carnevali.

“Quest’anno è stata la festa dei record: sarebbe stato impossibile senza il lavoro di ognuno di voi”

Il segretario del circolo Pd di Calusco Lino Cassese, accompagnato dagli altri organizzatori Angela Reggiani e Edy Guarnaroli, ha ringraziato in prima persona tutti i volontari per la buona riuscita della festa: “Quest’anno è stata la festa dei record, con più di 15mila presenze. Risultato che sarebbe stato impossibile da raggiungere senza il grandissimo lavoro di ognuno di voi. Record che è il risultato dell’affiatamento di tutti i volontari e soprattutto di tutti i circoli dell’Isola Bergamasca coinvolti, che hanno dimostrato una grandissima compattezza. Ci vediamo l’anno prossimo, quando la festa de “l’Unità” di Calusco e Carvico celebrerà il suo 15esimo anniversario!”.

Leggi anche:  L'avanguardia lecchese di Italia Viva si presenta

Una rosa rossa a tutte le donne per non dimenticare

Durante il pranzo, inoltre, a tutte le volontarie della festa presenti è stata donata una rosa rossa: un omaggio alla Giornata internazionale contro la violenza sulle donne che cade proprio il 25 novembre. Queste le parole di Lino Cassese: “Abbiamo deciso di donare una rosa rossa a tutte le nostre splendide volontarie, così da omaggiare la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Ogni 72 ore viene uccisa una donna e dal 2000 le donne uccise quasi sempre per mano di compagni o mariti sono ben  tremila. Il nostro augurio è che questi dati vengano tenuti a mente durante tutti i 365 giorni dell’anno e non solo il 25 novembre. Chiediamo inoltre al Partito Democratico di continuare con forza a sostenere tutte le associazioni e i movimenti che si battono contro la violenza sulle donne e che tutelano i bambini che purtroppo, a causa di un femminicidio in famiglia, rimangono senza genitori”.