E’ diventato famoso quando, il 23 ottobre scorso, a Strasburgo, calpestò con una scarpa gli appunti di Pierre Moscovici, Commissario europeo agli Affari economici, nel bel mezzo della polemica tra Italia e Ue sulla manovra economica.  Ma l’eurodeputato Angelo Ciocca, 44 anni, non è un provocatore di professione. E’ un politico che ha fatto la gavetta e ha alle spalle una carriera di tutto rispetto: nel 1996 ha iniziato come semplice militante della Lega ed oggi siede al Parlamento europeo.

Parte da Merate la “crociata” del leghista Ciocca: “Cambiamo l’Europa”

Sabato scorso il noto esponente del Carroccio  ha fatto tappa a Merate, dove si è incontrato con un gruppo di amici del Carroccio guidati da Massimo Panzeri e dal segretario Franco Lana, e molti lecchesi, guidati da Giorgio Siani, ex sindaco di Mandello e titolare di un avviato studio di ingegneria a Lecco. E proprio da Merate è partita la sua “crociata” per “cambiare l’Europa”.

“L’Ue deve essere  meno soffocante, ingombrante e costosa”

“Occorre tutelare maggiormente il Made in Italy” ha detto. “Dobbiamo imparare a conoscere, sfruttare e gestire meglio le risorse europee. Dobbiamo impegnarci a modificare anche gli stessi bandi perché, delegando ad altri, questi strumenti sono stati ritagliati su misura per Germania, Francia e un po’ meno per l’Italia”.  Nessuna opposizione all’Ue quini, ma senza dubbio la necessità di tutelare meglio e con più forza gli interessi del nostro Pese. “Dobbiamo cambiare questa Europa, tornando ai valori dei padri fondatori. Deve essere meno soffocante, ingombrante e costosa; non deve essere uno strumento nella mani delle banche e delle multinazionali”.

Leggi anche:  Dopo la crisi di Governo le consultazioni, Lupi: "Non appoggeremo una coalizione Pd-M5S" VIDEO

Una pagina speciale sul Giornale di Merate in edicola da oggi, martedì 5 febbraio 2019.  Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Merate” dallo store.