Colpo di scena a Villa Locatelli: il presidente della Provincia di Lecco Claudio Usuelli ha tolto al consigliere Pd Bruno Crippa la delega ai Rapporti con gli enti Parco.

Via la delega a Crippa

Il decreto di revoca della delega ai Parchi al consigliere del Pd deciso dal presidente della Provincia di Lecco è l’ultimo atto (in ordine di tempo) dello scontro politico innescato con l’elezione a presidente del Parco Adda Nord di Francesca Rota. Il Carroccio lecchese, come il resto del centrodestra che siede a Villa Locatelli,  ha ritenuto un colpo di mano del Pd, anzi un vero e proprio tradimento,  il voto a favore della nomina dell’avvocatessa garlatese dem espresso da Bruno Crippa a nome della Provincia di Lecco.

La Lega sull’Aventino

“Un fatto politico grave” lo ha definito il segretario provinciale della Lega Stefano Parolari, mentre i due consiglieri provinciali leghisti Elena Zambetti e Stefano Simonetti  venerdì scorso hanno restituito a Usuelli le loro deleghe. Un atto di protesta per quanto avvenuto alle elezioni del nuovo comitato di gestione del  Parco Adda Nord. “Il consigliere Crippa e il Pd hanno violato il Patto di Governo per la Provincia” argomentava Parolari con riferimento all’accordo bipartisan (centrodestra-centrosinistra) che un anno fa aveva portato all’elezione di Usuelli in nome di una Provincia intesa quale “Casa dei Comuni”, nella quale i partiti facevano un passo indietro a vantaggio del governo concreto del territorio. “In mancanza di una visione condivisa e comune sul Parco, la Provincia si sarebbe dovuta astenere nell’interesse generale del territorio. Invece si è portata l’Istituzione ad essere l’ago della Bilancia e a votare per il candidato per noi oggettivamente più sbagliato in questo momento per il bene del Parco” accusava Parolari.

Leggi anche:  Regione in campo per il rilancio di Province e Autonomie Locali, Usuelli esulta

Autonomia e Libertà con il presidente Usuelli

Nel contempo, sabato scorso, Mattia Micheli, capogruppo di Autonomia e Libertà, l’altra anima del centrodestra a Villa Locatelli, tuonava un “la Provincia non è un giocattolo nelle mani dei partiti” con chiara accusa rivolta al Partito democratico. Ma anche “noi siamo pronti a sostenere il presidente Usuelli”.

La palla è così passata al presidente della Provincia. Che ha levato dal fuoco le castagne messe da Crippa e dalla Lega. Secondo alcuni mandando un segnale forte al Pd.

Segnale forte al Pd

La revoca  a Crippa della delega ai Parchi è stata decisa nelle scorse ore e dovrebbe essere ufficializzata con la pubblicazione all’albo questa mattina. Usuelli ha avocato a sé la titolarità del ruolo “nell’interesse dell’Ente”. Al sindaco di Missaglia ha però lasciato la vicepresidenza e delega alla “Pianificazione territoriale”.  Il presidente manterrà (per ora) nelle proprie mani anche le deleghe rimesse da Simonetti (Ambiente e Ecologia, Rapporti con l’autorità di Bacino) e Zambetti (Protezione Civile), che quindi non saranno redistribuite ad altri consiglieri.

Leggi anche:

L’avvocato Rota Nuova presidente del Parco Adda Nord

Nomine Parco Adda Nord, Ghezzi: “Atto di arroganza politica”

Provincia di Lecco: consiglieri della Lega restituiscono le deleghe

Polemica Parco Adda, Micheli: “La Provincia non è un giocattolo nelle mani dei partiti”