Pronti ad accogliere le Olimpiadi 2026, ma non senza collegamenti adeguati. In particolare, sul lecchese e la Valtellina, attraverso la strada statale 36 e la linea ferroviaria Milano-Lecco-Sondrio-Tirano. E su questo tema il Gruppo regionale del Pd ha organizzato per lunedì 8 luglio, dalle 15, nella sala conferenze della Confcommercio, a Palazzo Falck, in piazza Garibaldi, a Lecco, il convegno dal titolo “Riqualifichiamo i collegamenti tra Milano e la Valtellina”.

Olimpiadi invernali 2026: a Lecco un convegno sulle infrastrutture

“Lo scopo dell’incontro è quello di mettere a fuoco gli obiettivi per la riqualificazione dei collegamenti viari e ferroviari fra Milano e la Valtellina, in funzione delle Olimpiadi 2026, ma non solo. Sappiamo bene che queste due direttrici, stradale e ferroviaria, presentano elementi di criticità e inadeguatezza, quotidiani, costanti, che pagano i tanti pendolari e che, dunque, non possono essere più elusi – spiega Raffaele Straniero, consigliere regionale del Pd –. E infatti questo sarà il primo di una serie di convegni che ripeteremo sul territorio, raccogliendo le istanze, facendole nostre e trasformandole in precise richieste di cui ci faremo portavoce con la Giunta regionale, già a partire dal prossimo assestamento di bilancio”.

Leggi anche:  Milano-Cortina 2026: a Lecco impazza l'Olimpiadi-mania tra gioia e ironia

I partecipanti

Al convegno parteciperanno, fra gli altri, oltre a Straniero, che curerà l’introduzione all’argomento, Virginio Brivio, sindaco di Lecco, Luciano Minotti, esperto di viabilità e infrastrutture, Luigi Legnani, esperto di imprese ferroviarie, Claudio Usuelli, presidente della Provincia di Lecco, Gian Mario Fragomeli, deputato Pd, Antonio Rusconi, sindaco di Bellano, Lorenzo Riva, vicepresidente della Camera di Commercio di Como Lecco, Mauro Gattinoni, direttore Api Lecco. Trarrà le conclusioni  Fabio Pizzul, capogruppo del Pd in consiglio regionale.