“Giovedì 1° marzo il Ministro delle politiche agricole Maurizio Martina sarà a Lecco per una breve visita al nostro territorio. E anche per sostenere gli ultimi giorni di campagna elettorale dei nostri candidati alle elezioni politiche e regionali del prossimo 4 marzo”. Lo annuncia il segretario provinciale del Partito Democratico di Lecco Fausto Crimella.

Il ministro Martina a Lecco

Alle 12.30 è fissata una visita presso Cesea. E’ il servizio socio occupazionale di titolarità del Comune di Lecco, che si occupa di inserimenti e reinserimenti lavorativi di adulti, donne e uomini, in situazione di forte criticità personale. Attualmente quindi  fornisce sostegno a circa una sessantina di persone in età compresa tra i 18 e i 65 anni . “Un progetto che opera e dialoga quotidianamente in connessione con altri progetti e servizi territoriali” spiega Crimella. “Cerca di favorire nelle persone il riscatto di un potenziale lavorativo e personale che non è o non è stato valorizzato”.

L’incontro pubblico

Alle 13.00 spostandosi di qualche centinaio di metri è previsto un incontro pubblico con i candidati e le associazioni, presso la Pizzeria Fiore. “Si tratta dello  storico bene confiscato alla mafia locale, gestita dal boss Coco Trovato, di proprietà del Comune di Lecco.  E’ gestito gratuitamente a partire dal 2016 da un’associazione di scopo, un progetto che in questi ultimi quattro anni ha visto coinvolti cittadini, studenti delle scuole del territorio e Istituzioni nei percorsi di “LegaliTour”.  Un simbolo quindi di legalità e di sfida della sostenibilità del lavoro vero e onesto”. Deus ex machina di Fiore è stato Paolo Cereda di Libera Lecco, scomparso a settembre.

Leggi anche:  La gita in Grignetta si trasforma in un incubo: salvati due ventenni

“Due realtà lecchesi positive”

“Doppio appuntamento quindi in due luoghi simbolo del nostro territorio” concluide Crimella. ” Due realtà “positive” dove la volontà e la tenacia hanno permesso di imbastire progetti di rinascita, impegno sociale e di legalità a dimostrare quanto il nostro Paese non è o non è solo quel quadro di antipolitica, intolleranza che qualcuno tenta di dipingere”.