Come avevamo annunciato ieri la Prefettura di Lecco è scesa in campo con una secca smentita dopo erano circolate voci sull’arrivo di una settantina di migranti a Calolziocorte. In particolare nell’ex Albergo Italia. Oggi il gruppo consiliare “casa delle sinistre” punta il dito contro la Lega Nord.

Migranti a Calolziocorte: “La Lega chieda scusa”

“In questi giorni la Lega Nord di Calolzio nel solco di un suo rinnovato tentativo di turbare la città e forse per cercare di rubacchiare un qualche voto in più ha lanciato una pesante bufala (fake news) inerente l’arrivo di oltre 50 migranti presso l’ex Albergo Italia” si legge in una nota del gruppo. “Tanto da lanciare per la giornata di mercoledì 21 una manifestazione all’esterno dell’ex albergo in ristrutturazione nella zona della stazione. Una zona trascurata che anche secondo noi però andrebbe ridisegnata e colorata socialmente”.

Nessun arrivo di migranti in città

“La Prefettura di Lecco ha però smentito ufficialmente la falsa notizia della Lega Nord. Una notizia falsa, tendenziosa e turbativa per la quale la Lega Nord dovrebbe scusarsi per rispetto della città” sostengono dalla Casa delle Sinistre.

Leggi anche:  Da Regione Lombardia 77 milioni per Garanzia Giovani

Il gran cuore di Calolzio

“Calolzio ha una grande sensibilità civica e un forte impegno civile” concludono. “Basti pensare a quel grande numero di cittadini impegnati, ad esempio, nel volontariato sociale, nelle associazioni sportive e culturali, nel sindacato, nei partiti progressisti, negli oratori, nelle parrocchie e così via. Questa Calolzio è nei fatti già di per sé una risposta alle insensate e forsennate cacce al diverso che la Lega Nord vorrebbe far lievitare”.