“Lecco non si Lega”: sardine di Lecco in piazza il 5 dicembre. Le arborelle lecchesi, come si sono auto ribattezzate, assicurano che quello di dopodomani sarà “un grande appuntamento in piazza contro violenza, odio e discriminazioni, al grido di Lecco non si Lega!”. Come annunciato infatti  Il movimento delle “sardine”, nato a Bologna lo scorso 14 novembre e che si è presto diffuso in tutta Italia, arriva anche a Lecco. L’appuntamento sarà a partire dalle 19, in Piazza XX Settembre a Lecco.

Sardine di Lecco in piazza il 5 dicembre

“L’evento, riconosciuto tra quelli ufficiali delle sardine a livello nazionale, è aperto a tutte le persone che come noi si sono stancate della retorica vuota del populismo di destra, che semina odio e inquina i pozzi con insulti e fake news” spiegano dal coordinamento lecchese del movimento. “Ma non sarà solo una piazza contro la destra più becera. Sarà una piazza per riaffermare valori che dovrebbero essere universali ma che troppo spesso vengono messi in discussione: i valori dell’accoglienza, della solidarietà, dei diritti, della non-violenza, dell’antifascismo. Noi crediamo che ci sia un’Italia migliore da quella di Salvini e Meloni. Un’Italia che non cede all’odio, e che si è stancata di questo clima e di questo linguaggio”.

Leggi anche:  De Corato, stretta sul narcotraffico

“Lecco non si Lega”

“Sarà una manifestazione apartitica, trasversale e aperta, organizzata con la collaborazione di una rete di associazioni del nostro territorio. Ma non sarà un evento apolitico, anzi: sarà una manifestazione politica nel senso più alto e nobile che ha questa parola, quello di sognare un mondo diverso e migliore da quello attuale” aggiungono le Alborelle. “Ci saranno interventi, tanta musica e condivisione, oltre alle immancabili fotografie e video dei manifestanti in piazza per dimostrare che anche Lecco non si Lega. L’iniziativa prenderà il via a partire dalle 19, per proseguire per un paio di ore”.

Gli organizzatori invitano tutti a presentarsi in piazza già da qualche minuto prima dell’inizio della manifestazione, senza bandiere ma con sagome di sardine e cartelloni creativi.