L’appello al voto di Brivio per le Regionali e i 12 punti su cui “lavorare”. “Può un sindaco fare una sorta di appello al voto lontano dalle ore calde della vigilia? Secondo me non solo può, ma deve, soprattutto se, come è mia intenzione, il profilo non è quello della chiamata alle armi di parte, ma l’occasione per sottolineare la delicatezza del momento e soprattutto accompagnare il richiamo con un ventaglio di proposte da intestare in primis ai Comuni e alle Province”. Lo ha scritto questa mattina il sindaco di Lecco Virginio Brivio nel consueto messaggio ai cittadini inviato attraverso la newsletter settimanale.

 

Brivio per le Regionali

“Sento ancor più questo dovere in qualità di presidente di Anci Lombardia, alla guida di oltre 1.500 Comuni della Regione, e alle prese con questioni che devono andare oltre la tornata elettorale” scrive quindi Virginio Brivio. “Quali che siano i Governi che si insedieranno e che i cittadini possono determinare con un’affluenza al voto che mi auguro sorprenda i sondaggisti, ci sono temi ineludibili sui quali sin da ora occorre catalizzare l’attenzione di Milano e di Roma”.

Focus su 12 punti

“In estrema sintesi, sono stati individuati dodici punti che in misura differente e con specifiche peculiarità attraversano le nostre comunità e sulle quali ieri, in Anci, si sono confrontati i candidati alla presidenza di Regione Lombardia”

  1. rafforzamento della legalità e proseguimento nella lotta alle mafie;
  2. riordino della finanza locale, dando certezza ai bilanci comunali;
  3. impegno per un riordino istituzionale e s superamento degli equivoci sul ruolo delle Province, definendone chiaramente compiti e attribuendo risorse;
  4. lavorare per la semplificazione amministrativa;
  5. un unico referente per il Welfare, unendo veramente sanità e sociale;
  6. sostenere le politiche abitative;
  7. sviluppare il trasporto pubblico locale;
  8. ampliare e qualificare l’offerta formativa ai giovani;
  9. usare meglio le risorse europee;
  10. lavorare diversamente per la qualità ambientale;
  11. una pianificazione territoriale che crei sviluppo;
  12. potenziare Polizia Locale e Protezione civile
Leggi anche:  Violenza sulle donne, "Com'eri vestita?" in mostra gli stereotipi che colpevolizzano vittime di stupro

“Il voto non cambierà il nostro impegno e il nostro programma”

“Trovo utile ricordare che in città il voto non cambierà il nostro impegno e il nostro programma, certificato non solo dal voto politico della maggioranza, ma anche dalla recente approvazione del bilancio 2018” conclude il sindaco di Lecco. “Mi piacerebbe che guardando alla nostra attività nel suo complesso, circolassero giudizi meno superficiali e scontati, perché la dialettica tra maggioranza e opposizione è sacrosanta, ma quando diventa un tiro al bersaglio capita che le frecce avvelenate si trasformino in boomerang”.