“Dimettermi dalla Giunta? Devo riflettere ancora”. Il giorno dopo essersi visto togliere in Consiglio comunale la fascia di vicesindaco dal borgomastro Roberto Ferrari, l’amarezza è ancora grande per Lamberto Lietti.

“Non ho ancora deciso nulla, una notte non è bastata per riflettere”, così Lietti, che anche se spogliato del ruolo di vicesindaco al momento detiene ancora le deleghe a Bilancio e Personale, ha risposto alla domanda se a questo punto intenda dimettersi dalla Giunta.

La “sfiducia” è stata notificata a Lietti poche ore prima del Consiglio

La decisione del sindaco Ferrari, maturata dopo che il suo braccio destra, in quota Forza Italia, ha deciso di scendere in campo con una propria lista alle elezioni comunali, è stata notificata a Lietti ieri mattina, lunedì, poche ore prima del Consiglio comunale. “Venerdì sera eravamo seduti vicini e non mi ha detto nulla – ha raccontato Lietti – Poi ieri mattina (lunedì, ndr) mi è arrivata la comunicazione che mi era stata tolta la carica di vicesindaco”.

Leggi anche:  Linea ferroviaria Como-Lecco e stazione di Olgiate Molgora: se ne parla in Regione

“Sono sempre stato corretto, non capisco le ragioni di questo provvedimento”

“Francamente non capisco le ragioni di questo provvedimento – ha continuato l’ormai ex vicesindaco che stamattina si è regolarmente presentato in Comune, come assessore – In questi cinque anni sono sempre stato allineato all’Amministrazione e non ho mai fatto un atto che potesse scavalcare il sindaco, limitandomi a sostituirlo quando lui non c’era senza prendere decisioni in solitaria. E nonostante le nostre strade si divideranno alle elezioni, non veniva meno il mio impegno in questa Giunta fino alla fine del mandato per il bene della città. Andando avanti sempre con la trasparenza e la correttezza con cui ho svolto il mio impegno in tutti questi anni”.