Italia Viva Lecco, in attesa di definire l’organizzazione territoriale che sarà indicata in ambito nazionale, si è dotata di un coordinamento territoriale.

LEGGI ANCHE 

Elezioni Lecco 2020: renziani pronti a correre da soli con una lista

L’avanguardia lecchese di Italia Viva si presenta

Italia Viva Lecco: nasce il coordinamento territoriale

Il coordinamento raggruppa tutti i comitati attivi ed ha lo scopo di raccordare l’attività delle persone che intendono spendersi per costruire questo nuovo soggetto politico.
A poco più di un mese dalla Leopolda 10 che ha sancito la nascita di Italia Viva, in provincia di Lecco sono attivi otto comitati che raggruppano circa una cinquantina di persone: Comunicare! (Brivio), Società aperta Calolziocorte, Europa Merate, Colico Viva, Italia Viva Lecco, Destinazione Domani – Lecco Viva, Lecco per l’ambiente, Il futuro è adesso Lecco (Missaglia);

Il Coordinamento provinciale è costituito da Salvatore Aloisio, Raffaele Grega, Marta Morea, Marco Panzeri, Luigina Perozzi, Roberta Rivellini, Giacomo Ventrice, Giacomo Vitali e Giulia Vitali.

Marco Panzeri portavoce

Marco Panzeri è stato indicato quale portavoce del Coordinamento. “Stiamo lavorando per ampliare il consenso in tutto il territorio e saremmo lieti se altri cittadini ed amministratori locali vorranno partecipare a questo percorso: insieme possiamo fare molto per questa provincia”.

Leggi anche:  "Lecco non si Lega": sardine di Lecco in piazza il 5 dicembre

A Colico il primo gruppo consiliare

Non solo ma sa oggi, il partito fondato da Matteo Renzi ha il suo primo gruppo consiliare nella Provincia di Lecco. Questa primogenitura è da riconoscere a Colico, ultimo paese lariano ai confini della Valtellina. A darne comunicazione formale in sede della seduta Consiliare odierna, è stato il capogruppo di minoranza della Lista Civica Nuovo Progetto Colico, Raffaele Grega, già Sindaco di Colico dal 2011 al 2016. Grega ha motivato le ragioni della scelta riassumendo i passaggi più salienti del suo impegno amministrativo a partire dalla sua discesa in campo. In sostanza Grega, sostenuto in questa scelta anche dal Coordinamento provinciale di Italia Viva, ha affermato la necessità, in questa fase di sostanziale distacco dell’attuale Amministrazione Comunale dalle reali esigenze dei cittadini di Colico, di contrastare anche sul piano politico un certo modo di intendere il governo amministrativo di una comunità.  L’ex primo cittadino ha inoltre “stigmatizzato il comportamento di Sindaco, Giunta e Consiglieri di maggioranza per aver gestito esclusivamente con logiche di appartenenza partitica l’inaugurazione del nuovo plesso scolastico di Colico che, è giusto ricordare, venne finanziato dal piano per l’edilizia scolastica approvato dal Governo Renzi”.