“Regione Lombardia, compatibilmente con le risorse a bilancio, si attiverà per “potenziare e migliorare i servizi ferroviari sulla Lecco-Sondrio-Tirano” anche in previsione della possibilità che si tengano i Giochi Olimpici nel 2026 in Lombardia” È questa, in sintesi, la richiesta in un ordine del giorno che il M5S ha portato all’approvazione del Consiglio regionale nella seduta di discussione del bilancio di ieri.

Lecco-Sondrio-Tirano

Stiamo parlando della linea ferroviaria più utilizzata dai pendolari Valtellinesi e Lecchesi che, nelle ultime settimane è stata al centro di non poche polemiche visto che a causa del protrasi di alcini lavori, nella giornata dell’11 dicembre 2018 la circolazione è stata improvvisamente  sospesa. Un vero e proprio incubo per centinaia di persone

LEGGI ANCHE 

Ripresa la circolazione tra Colico e Lecco ma le linee sono completamente nel caos

Stop ai treni tra Colico e Lecco: “Chi ha sbagliato deve pagare

I passaggi a livello

Proprio sul fronte lavori Rfi ha recentemente annunciato l’eliminazione di 8 passaggi a livello nel tratto della linea  Colico-Sondrio-Tirano. Il primo, quello di Berbenno di Valtellina, sarà eliminato entro il 2018. Gli altri sette saranno eliminati entro il 2021 dopo la realizzazione delle opere sostitutive: due sottopassi ciclo pedonali di attraversamento della sede ferroviaria e della vicina Strada Statale 38 dello Stelvio nei comuni di Colorina e Villa di Tirano. Inoltre, saranno realizzate nuove viabilità di ricucitura e la riqualificazione di quelle esistenti.

Leggi anche:  Terzo settore, Piazza (FI): “Regione finanzia 5 progetti lecchesi per 192.500 euro”

Raffaele Erba, consigliere regionale del M5S Lombardia

 “Siamo molto soddisfatti, la Lecco-Sondrio-Tirano è una direttrice strategica che merita un occhio di riguardo da parte di Regione Lombardia e ha bisogno di interventi prioritari per migliorare la qualità dei servizi offerti”  sottolinea Raffaele Erba, consigliere regionale del M5S Lombardia. “Con l’ordine del giorno abbiamo ottenuto anche che saranno effettuati monitoraggi sulla puntualità e adeguatezza dei servizi sostitutivi di bus. Anche qui la Lombardia deve garantire un servizio puntale e accettabile”.