Il Presidente Sergio Mattarella convocato a Cisano Bergamasco dal sindaco Andrea Previtali. L’invito ha infatti lo scopo di “mostrare al Presidente della Repubblica la vera Italia”. Almeno  secondo il primo cittadino. Un invito che farà sicuramente discutere. Stamani, su carta intestata,  il primo cittadino cisanese ha invitato formalmente Sergio Mattarella.

Mattarella convocato per conoscere gli italiani

La lettera non lascia dubbi. Il Presidente Mattarella  “convocato” a Cisano Bergamasco dal sindaco leghista Andrea Previtali. La scelta del Presidente della Repubblica, a quasi tre mesi dalle elezioni, non è stata gradita e non solo dal sindaco cisanese viste le tante reazioni anche nel Lecchese.

“Scenda dal Colle, le presento Italia e Italiani”

“Sono sindaco di Cisano Bergamasco, un paese della Provincia di Bergamo. Le scrivo perché, dopo la Sua scelta di ieri sera, mi risulta difficile credere ancora nella democrazia. Per sei anni ho lottato e “combatto” ogni giorno per i miei cittadini. Lei ha detto che avrebbe agito così per salvare i soldi ed i risparmi degli italiani… , ma mi chiedo se Lei conosca veramente gli italiani. Quelli che la mattina vanno al lavoro (per quelli che un lavoro ce l’hanno), che pagano le tasse ma si ritrovano senza servizi: strade con le buche perché i comuni e le Province non hanno soldi per sistemarle, o i pendolari dei treni che, quando ci sono, sono sempre in ritardo ed i cittadini sono ammassati come animali.

Per non parlare dei tanti e sempre maggiori problemi in ambito sociale: gli anziani soli, i giovani senza lavoro, i padri di famiglia alla soglia della pensione che hanno perso il lavoro… Lei li ha mai visti piangere? Hanno perso la dignità e Lei – per salvare gli interessi di chi? – avrebbe preso la scelta di non accettare i ministri proposti dal professor Conte?

Per ricordare i morti delle guerre, a malapena il comune può acquistare una corona che depositiamo al monumento dei caduti, i fiori ai piedi delle lapidi dei nostri morti in guerra li acquistiamo personalmente noi amministratori.

E questa sarebbe l’Italia che lei vorrebbe salvare?

Credo che dovrebbe scendere dal “colle del Quirinale” e venire al mio paese.

La invito ufficialmente, così Le farò vedere veramente l’Italia e, soprattutto, Le farò conoscere gli Italiani.”