Governo del Cambiamento arriva in città per la prima volta.

LEGGI ANCHE I vaccini obbligatori fanno litigare M5S e Lega: “Il Movimento è a favore”

Governo del Cambiamento, primo incontro a Lecco

Il primo incontro di un esponente del  Parlamento con il territorio è fissato per venerdì prossimo, alle 20.30 a Palazzo Falck in piazza Garibaldi. Sarà la parlamentare del Movimento 5 Stelle Fabiola Bologna, con trascorsi da medico neurologo all’ospedale Manzoni di Lecco, ad inaugurare un appuntamento che dovrebbe poi ripetersi con periodicità.

Un appuntamento per tutti

Tra gli attivisti di Lecco e Merate c’è grande attesa, ma l’incontro è aperto a tutti i cittadini visto che si tratta del primo incontro tra i rappresentanti del Parlamento e il territorio dopo il voto del 4 marzo. Gli argomenti che saranno affrontati nel corso della serata saranno tanti, primo fra tutti quello dei rifugiati. La provincia di Lecco, infatti, ospita numerosi profughi in strutture private e pubbliche e questo in passato ha creato diversi momenti di tensione.

Costruire un rapporto con il territorio

Ma la parlamentare, che fa parte della Commissione affari sociali della Camera dei deputati, intende tessere un rapporto stretto con il territorio, previsto dal Contratto di governo, che si pone l’obiettivo di “rafforzare la fiducia nella nostra democrazia e nelle istituzioni dello Stato…”.

“Dialogare per valorizzare il territorio”

Quello di venedì sarà quindi un banco di prova per la neo deputata eletta nel Collegio plurinominale che comprende Lecco, ma sarà anche l’occasione per toccare con mano il clima che si respira tra gli attivisti del territorio, dopo la maratonsa che ha portato alla formazione del Governo giallo-verde.

“Il nostro territorio ha bisogno di essere valorizzato, ma per far questo bisogna conoscersi – ha commentato la deputata pentastellata Fabiola Bologna – ma soprattutto dialogare, per intercettare i giovani che hanno voglia di impegnarsi in politica, una pratica che richiede studio e sacrificio”.

I temi della serata

I temi che terranno banco saranno quelli concreti del territorio, dal turismo che sta vivendo una fase di rilancio con la ritrovata collaborazione storica nata dalla fusione delle Camere di commercio di Lecco e Como, all’ambiente e all’ecologia, passando dalla salute al lavoro e infine – non certo in ordine di importanza – alla cultura.

Leggi anche:  Tassa rifiuti a Lecco: ultimi giorni per mettersi in regola

Il turismo può offrire un futuro

“Il turismo rappresenta uno dei settori che può dare più lavoro ai giovani – ha aggiunto l’onorevole Bologna – A livello di strategia va recuperata una gestione efficiente ed efficace del marketing Paese, realizzato attraverso l’Ente di Promozione del turismo che verrà poi declinata da tutte le realtà locali con la creazione di un circolo virtuoso pubblico-privato e una maggiore efficacia nei rapporti con le Regioni”.

M5S e la battiglia per la salvaguardia dell’ambiente

Per quanto riguarda l’ambiente, il Movimento 5 Stelle si batte per la promozione e la diffusione di modelli di sviluppo sostenibile, dalla green economy all’economia circolare, “ma soprattutto – ha proseguito la deputata – appoggiamo le battaglie contro l’anomalia che permette ai cementifici di bruciare rifiuti Css del cemento come “normali combustibili”, ma anche per lo spegnimemto dei forni inceneritori che bruciano i rifiuti urbani”.

I forni di Lecco

Un tema, quello dei “forni” particolarmente sentito nel lecchese, vista la presenza dell’inceneritore di Valmadrera e del progetto per il teleriscaldamento da un lato e del forno del cementificio di Calusco d’Adda, dove vengono appunto bruciati rifiuti speciali.

Un incontro ricco di argomenti caldi

“Ma vogliamo anche dialogare con chi decide le rotte degli aerei – ha annunciato la deputata, riferendosi ad un tema strettamente Meratese – ma anche con i cittadini e i comuni interessati per trovare soluzioni accettabili che non incidano sulla qualità della vita”. Nel corso dell’incontro si parlerà anche di salute e di lavoro. La parola passerà poi agli attivisti e ai cittadini, che potranno far sentire la loro voce e consegnare le loro istanze all’onorevole Bologna.