Una mozione urgente che chiede che Regione Lombardia effettui la richiesta di risarcimento danni in sede civile (sede civile ex art. 2043 c.c. Ai sensi e per gli effetti del comma 2 dell’art. 185 del Codice penale) a seguito della condanna in via definitiva per corruzione del Presidente Roberto Formigoni.  A depositarla, durante l’ultima seduta del Consiglio Regionale, è stato il Movimento 5 Stelle della Lombardia.

LEGGI ANCHE 

Formigoni condannato in via definitiva

Condanna di Formigoni, Cdo Lecco: “Un’ingiustizia”

Formigoni condannato, Rifondazione: “Il re nudo è caduto, ma l’impero rimane”

Formigoni, per M5S “i lombardi devono essere risarciti”

“Roberto Formigoni è stato condannato definitivamente a 5 anni e 10 mesi di reclusione per corruzione e ha danneggiato tutti i cittadini lombardi che vanno risarciti. È possibile per la Regione Lombardia avanzare in via autonoma un’apposita richiesta di risarcimento danni in sede civile” spiega il consigliere  regionale del M5S Lombardia Luigi Piccirillo. “È possibile per la Regione Lombardia avanzare in via autonoma un’apposita richiesta di risarcimento danni in sede civile”.

Leggi anche:  Dirigente della Questura di Lecco candidato sindaco in Brianza

La mozione in  discussione martedì

Come confermato dal presidente del Consiglio Regionale, la mozione verrà discussa nella seduta della prossima settimana, martedì 5 marzo. “Ci auguriamo che il Consiglio regionale dia seguito alla nostra richiesta , nonostante le parole del Presidente Fontana che si è detto “amareggiato e dispiaciuto per Formigoni che per diciotto anni ha contribuito a sviluppare una incontestabile serie di importanti primati in Lombardia”. Ma l’illegalità non può mai essere la strada maestra per raggiungere risultati e un sistema che favorisce gli amici e gli amici degli amici non è in assoluto un esempio di buona amministrazione.