“La politica è una passione, ma ancora di più l’amministrazione di un Comune”. Il 29enne Matteo Colombo spiega così i motivi che l’hanno spinto ad accettare la candidatura a sindaco alle prossime elezioni amministrative per il gruppo civico “Rinnovamento e Partecipazione” a Valgreghentino.

Come è nata la sua candidatura?

“Quando Sergio Brambilla (attuale sindaco, ndr) ha deciso di non ricandidarsi, il gruppo mi ha fatto questa proposta che ho accettato con grande entusiasmo dopo le ovvie valutazioni con la mia ragazza, la famiglia e tutti i membri del gruppo”.

Fare il sindaco a 29 anni è una grande responsabilità: è preoccupato?

“Non c’entra l’età, penso che tutti siano preoccupati, perché il sindaco è il vertice di una pubblica amministrazione con mille responsabilità. La cosa però non mi spaventa perché dopo cinque anni da assessore ho imparato a conoscere la macchina comunale e poi ho l’aiuto e l’esperienza del mio gruppo, oltre a quella dei tecnici e dipendenti comunali. Penso quindi di essere pronto e la persona giusta per questo ruolo”.

Leggi anche:  Il paese Barzago esce allo scoperto e presenta il candidato sindaco

Il gruppo “Insieme per cambiare” candida la maestra Anna Clara Bassani: se lo aspettava?

“Me lo aspettavo perché il suo nome stava girando da qualche tempo. Io non l’ho mai avuta come maestra, ma chi l’ha avuta dice che è molto brava… Credo però che non basti per fare il sindaco perché servono competenze e tanto tempo…”.

L’intervista completa sul Giornale di Lecco in edicola da lunedì 25 febbraio 2019. (Da pc clicca qui per la versione sfogliabile, mentre sul tuo cellulare cerca e scarica la app “Giornale di Lecco” dallo store).