Elezioni Lecco 2020: renziani pronti a correre da soli. Il neonato gruppo lecchese di Italia Viva, realtà politica nazionale fondata dall’ex segretario del Partito Democratico Matteo Renzi, si smarca dalle “voci” che davano già per cosa fatta un alleanza con i dem lecchesi per la poltrona più prestigiosa di Palazzo Bovara.

LEGGI ANCHE L’avanguardia lecchese di Italia Viva si presenta

Elezioni Lecco 2020: renziani pronti a correre da soli

In una nota che infiamma una campagna elettorale che di fatto è già iniziata,  i coordinatori Raffaele Grega, ex sindaco di Colico, Marco Panzeri, ex sindaco di Rovagnate e lo storico socialista meratese Giacomo Ventrice innanzitutto vogliono sgombrare il campo da illazioni e dal gossip politico che “serpeggia” in questi i giorni in città: ” In questi giorni, per le strade della Città, molti ci chiedono conto in merito alla voce secondo cui Italia Viva sosterrà il candidato Sindaco espresso dal Partito Democratico della Città di Lecco alle elezioni comunali del prossimo anno. Occorre per chiarezza dire a tutti i nostri sostenitori che questa narrazione non corrisponde alla realtà”. Una presa di distanze netta, una volontà di sbandierare indipendenza e soprattutto la non “sudditanza” a quello che in un certo senso parrebbero gli alleati naturali.

“Parteciperemo alle Elezioni Lecco 2020”

Italia Viva è il partito che porta avanti il progetto riformatore di Matteo Renzi. Siamo una forza politica nuova: parteciperemo alle prossime elezioni comunali e diremo la nostra nei tempi e nei modi che definiremo assieme a tutti i Vivaci lecchesi” aggiungono.

Aperti al confronto ma non alle strumentalizzazioni

E ancora: “Abbiamo idee e progetti per la Città, siamo aperti al confronto con le forze politiche e civiche ma certamente non accettiamo di essere strumentalizzati”. Salvo poi dare una sorta di colpo al cerchio e uno alla botte… “Non escludiamo, quindi, il sostegno ad un candidato Sindaco che riuscirà ad incarnare un vero progetto riformatore per la Città di Lecco ma – concludono –  per contro, non escludiamo nemmeno la possibilità di partecipare al confronto elettorale con una nostra lista”.