A Carenno, dove i “bookmakers” davano un risultato incerto, è invece l’attuale sindaco Luca Pigazzini a stravincere con i 537 voti della sua lista Progetto Carenno con i 331 di Carenno Ideale del candidato Giuseppe Brini. Un largo 62% che consegna a Carenno altri cinque anni di Amministrazione Pigazzini.

Pigazzini bis

“Sono contento per la riconferma e per la fiducia che i carennesi hanno avuto nel nostro gruppo – commenta un entusiasta Luca Pigazzini – Abbiamo ottenuto lo stesso risultato dell’ultima elezione di cinque anni fa e non possiamo che esserne felici. Per questo motivo ringrazio tutti i cittadini che ci hanno votato, ma ora la festa è già finita e mettiamoci subito al lavoro per continuare quanto di buono fatto in questi anni”.

Lo sconfitto Brini: “Sapevamo sarebbe stata dura”

“Sapevamo sarebbe stata dura, purtroppo i dati dello spoglio l’hanno confermato – ha commentato il candidato Brini – Carenno rimane ancorato all’usato sicuro e non vuole cambiare. Prendiamo atto del voto popolare, ringraziando i 331 elettori che hanno creduto in noi”.

Leggi anche:  Conferenza Sindaci Oggionese, eletto presidente Chiarella

Tutte le preferenze

Per “Progetto Carenno”, insieme al sindaco Luca Pigazzini, entrano in consiglio anche Michele Gamba (31 voti), Gabriella Zaina (31), Alberto Cattaneo (25), Patrizia Malagisi (14), Nicola Pigazzini (14), Valentino Perucchini (13), Marta Pagliara (10). Restano, invece, fuori Pierangelo Rotasperti (9), Berizzi (9) e Davide Carsana (3). La minoranza di “Carenno Ideale”, invece, sarà composta dal capogruppo Brini e da Stefano Rosa (31 voti) e Daniele Brusadelli (30). Gli altri: Moira Rosa (20), Pierfrancesco Mazzoleni (20), Livia Valentini (19), Vittorio Zaccanti (11), Raffaello Brini (8), Stefano Rigamonti (5), Rossana Valsecchi (3) e Simone Rossi (3).

).a cura di Mario Stojanovic