Andrea Ferrari tenta il tris. Giunto al termine del suo secondo mandato, il sindaco uscente di Barzio, giovedì, ha confermato ufficialmente la sua candidatura.
«Dopo vari confronti interni, il gruppo Nuova Barzio mi ha indicato come candidato sindaco alle prossime consultazioni amministrative del 26 maggio», conferma Ferrari che aggiunge: «Mi presento quindi nuovamente, insieme al gruppo Nuova Barzio, senza appoggi partitici, per far fronte ad una situazione storicamente paradossale. Le prossime elezioni saranno l’occasione, per noi Barziesi, per decidere e scommettere sul nostro futuro. Saranno anche l’occasione per cercare di cambiare o di mantenere le politiche e i criteri con cui sono stati amministrati il bene pubblico e il territorio. Oggi noi sappiamo di dover cambiare, ma sappiamo anche di non poterlo fare nel breve periodo. Contestualmente sappiamo di dover porre le basi affinché ciò avvenga nel medio termine».

Elezioni Barzio 2019: Andrea Ferrari tenta il tris

Ferrari poi traccia un quadro dell’attuale situazione. Quella in cui si troverà a operare chi verrà eletto alla guida del paese: «Per chi ha un minimo di competenza in materia e non millanta facili rimedi la situazione è questa: impossibilità, indipendentemente dalla volontà di chi amministra, di fare investimenti e progetti, e necessità di mettere in campo proposte che portino finanziamenti nelle casse comunali e che mettano in condizione il comune di restituire una prospettiva di ripresa all’intero territorio. Chiunque amministrerà nei prossimi anni si troverà di fatto a garantire servizi pubblici quantitativamente e qualitativamente al di sotto di quelli che tutti vorremmo e dovremmo poter erogare».

Uno sguardo a quanto fatto

Nonostante le difficoltà il primo cittadino uscente ha portato a termine il suo secondo mandato e, prima iniziare la campagna elettorale vera e propria, rivolge un ringraziamento a quanti in questi anni ha lavorato per tenere vivo il paese.
«Penso alle tante associazioni che con passione ed entusiasmo animano Barzio e per le quali, questa amministrazione, ha investito oltre 180mila euro in 9 bilanci. Penso alle numerose attività produttive che, grazie a questa Amministrazione e alla lungimiranza di quanto contenuto nel Pgt, hanno investito sul nostro territorio e hanno creduto nelle potenzialità di Barzio. Infine, penso a chi ha permesso a Barzio di essere conosciuta in tutto il mondo: mi riferisco ai grandi eventi che si sono tenuti in questi anni sul territorio: il passaggio giro d’Italia, il campionati mondiali di Trial… Al Nameless Music Festival, che ho cercato e voluto, e nonostante il dichiarato malcontento di pochi, oggi rappresenta l’unico evento che satura la ricettività provinciale e aiuta il comune da un punto di vista finanziario e d’immagine».

Leggi anche:  Il 30 inizia la stagione ai Piani di Bobbio VIDEO IN DIRETTA DALLE PISTE

L’impegno per il futuro

In chiusura del suo intervento Ferrari parla, invece, come candidato: «La mia promessa, il mio impegno e quello di tutti i candidati del gruppo della Nuova Barzio, continuerà a riguardare il quotidiano, il rapporto con le persone e con la popolazione di Barzio. Il dialogo, la centralità di Barzio, l’informazione, l’attenzione verso le numerose associazioni che animano Barzio, lo sviluppo urbanistico del territorio con la tutela dell’ambiente al primo posto, le manifestazioni e i grandi eventi che promuovono il territorio. Tutto questo senza dimenticare che, in questo periodo di drammatica crisi, illudere il cittadino promettendo grandi opere irrealizzabili, non rientra né nel mio né nello stile del gruppo della Nuova Barzio».