In vista delle prossime elezioni il listone unico ha spaccato il centrosinistra e non piace a tutti. Il matrimonio tra Abbadia insieme e Avanti Abbadia ha sollevato un coro di proteste. Non piace al vice sindaco Aiello e all’assessore Butti. Ma anche Amedeo Bellini, che era stato indicato come candidato alla poltronissima, storce il naso….

Frizioni e malumori anche nella stessa maggioranza

Se da una parte la formazione bulgara piace al sindaco Cristina Bartesaghi e al suo predecessore Rocco Cardamone dall’altra i malumori non sono pochi e c’è chi prende le distanze all’interno della stessa maggioranza. A dividere non è soltanto la decisione di accorpare il centrosinistra con il centrodestra, ma alcuni sono perplessi proprio sulla figura del candidato sindaco Roberto Azzoni, attuale consigliere di opposizione.

Tanti no

La soluzione non piace al vicesindaco Domenico Aiello, mentre l’assessore all’Ambiente Piero Butti si è chiamato fuori dopo aver inizialmente espresso un parere favorevole al listone e i dubbi sulla figura di Azzoni. Anche Amedeo Bellini, papà di Gaia Bellini, consigliere di maggioranza, non è convinto a pieno dalla lista bulgara. Al coro dei no si aggiunge anche Sergio Migliarese, ex vice sindaco che aveva lasciato la maggioranza e aveva costituito il Gruppo Civico Abbadia Lariana

Leggi anche:  Raduno di Pontida, Nogara: "Ci riprenderemo la nostra libertà" FOTO

Ipotesi seconda lista di centrosinistra

Intanto in paese c’è chi sta cercando anche di costituire una seconda lista di centrosinistra. In attesa di nuove notizie, solo il tempo potrà sciogliere gli ultimi dubbi sulle liste e i candidati che saranno presenti ad Abbadia nelle prossime elezioni primaverili.