La notizia della discesa in campo ufficiale, o per meglio dire del ritorno, di Antonio Rusconi come candidato sindaco alle elezioni amministrative del prossimo  maggio a Valmadrera, ha immediatamente scatenato le “reazioni” di Flavio Nogara, ex segretario provinciale della Lega. Dichiarazioni  le sue, per altro non le prime in merito alla campagna elettorale valmadrerese, che “portano acqua al mulino” di quanti vedono proprio in Nogara il futuro “avversario” di Rusconi in casa Carroccio.

 

Elezioni a Valmadrera

Già in occasione della manifestazione “Salvini non mollare” infatti non era passata inosservata la presenza di Nogara al gazebo valmadrerse della Lega.“Moltissimi hanno espresso la propria volontà per la presentazione di una lista solo Lega – aveva infatti detto lo scorso 3 febbraio Nogara.  “Molte anche le disponibilità a mettersi in gioco in prima persona e se servisse a far parte della lista. La tentazione è seria e forte, ma faremo la scelta migliore per Valmadrera, ossia per portare un vero cambiamento. Certo è che con certa gente che sbraita senza sapere ciò che dice non potremo allearci. Noi vogliamo per Valmadrera un progetto serio, concreto e realizzabile. Responsabilmente non ci possiamo alleare con chi, presentando proposte irrealizzabili,  diventerebbe di fatto il miglior alleato del Forno a Valmadrera”.

Nogara parla di nuovo del forno inceneritore

 

Oggi, dopo  che l’ex senatore dem ha reso nota la sua candidatura, Nogara ha subito commentato: “Sarà un referendum tra chi condivide la politica di questi anni del PD di Rusconi e chi al contrario non ne può più e vuole che Valmadrera cambi rotta; tra chi vuole che il forno inceneritore continui a vivere con il teleriscaldamento e chi il forno lo vuole spegnere; tra chi ha sempre comandato senza ascoltare nessuno e chi al contrario vuole mettere al centro l’ascolto e il cittadino. Ebbene chi vuole un nuovo modo di amministrare Valmadrera dovrà votare con convinzione Lega!”

Leggi anche:  Elezioni Europee: l'Europa del futuro secondo Confcommercio

La “chiamata alle armi”

“Ora partirà una fase dove chiederemo a chiunque voglia lavorare con noi di contattarci, perché comprendo che in questi anni chi governava Valmadrera comandava, ma per noi la politica è al contrario veramente condivisione, partecipazione e poi sintesi, dopo aver ascoltato tutti…tantissimi ci stanno scrivendo ma ora dobbiamo capire se di questi qualcuno vorrebbe impegnarsi in prima persona, non vogliamo escludere nessuno e negare a nessuno la possibilità di far parte della nostra squadra… Questo il nostro indirizzo mail per chi non volesse contattarci tramite Facebook… legavalmadrera@gmail.com per chi volesse anche solo esprimere un’idea, un sogno…”