Elezioni a Valmadrera, la Lega assicura: “Saranno un referendum sul forno inceneritore”.  In attesa della presentazione ufficiale del candidato sindaco leghista, che avrà luogo con tutta probabilità l’ex segretario provinciale del Carroccio Flavio Nogara entra a gamba tesa sull’argomento. “Le parole del candidato sindaco Antonio Rusconinon ingannano nessuno…lo spegnimento del forno secondo lui non dev’essere materia di campagna elettorale? Si sbaglia di grosso! Il forno è uno dei principali problemi del territorio ed in particolare di Valmadrera, quindi se ne discuterà, eccome! Inoltre in democrazia non è certo Rusconi a poter decidere quali siano i temi sui quali gli attori in campo vorranno e/o dovranno confrontarsi”.

Si scalda la campagna per le elezioni a Valmadrera

“Comprendo che lui, il padre del forno, faccia fatica a staccarsene e dalle sue parole si evince in modo evidente che non muoverà un dito per spegnerlo. Valmadrera non può spegnere il forno? Questo sarà tutto da vedere, certo che finché si sta con le mani in tasca e non si portano avanti valutazioni alternative sia per conferire altrove che per un nuovo sistema di riciclo e riuso il forno è scontato che lo vedremo in vita ancora per secoli” afferma Nogara.

Leggi anche:  Don Giorgio replica (da lontano) a Salvini: "Beneficenza? darò i soldi ai clandestini che arrivano in Italia"

Progetto Vamadrera

Nei giorni scorsi la lista Progetti, che sostiene Rusconi, all’indomani dell’assemblea di Silea aveva sottolineato che “riguardo all’ipotesi dello spegnimento del forno solo il sindaco può chiedere la chiusura dell’impianto a tutela della salute dei cittadini: una condizione difficile da immaginare per la nostra struttura di Valmadrera che rispetta tutti i limiti imposti dalle normative europee”.

LEGGI ANCHE Forno inceneritore chiuso entro il 2032: i Comuni danno l’ok

Referendum sul forno

“Non prendiamoci in giro, le prossime amministrative saranno di fatto un referendum tra la Lega che ha la volontà di spegnerlo e Rusconi e il vecchio PD che il forno, tramite Silea, l’hanno sempre sostenuto e potenziato, tra il PD che ha amministrato per una vita Valmadrera e le partecipate lecchesi che hanno svenduto negli ultimi anni tutti i gioielli di famiglia come fossero propri e la LEGA che porta rinnovamento e buonsenso nella gestione della macchina amministrativa. Non si spiegherebbe altrimenti la folle paura di perderlo che ha portato ad accelerare il bando per il teleriscaldamento e la sua candidatura a sindaco – conclude Nogara –  La vita mi ha insegnato che volere è potere! E la LEGA vuole!