Il Governo, con un provvedimento del Ministro dell’Ambiente Costa relativo al ‘Piano Nazionale per la mitigazione del rischio Idrogeologico, il ripristino e la tutela delle risorse ambientali’, ha finanziato con 315 milioni di euro 263 interventi urgenti sul dissesto in Italia, di cui 23 in Lombardia in altrettanti Comuni, per un importo di 29 milioni di euro”. Lo dichiara il portavoce del M5S Lombardia Massimo De Rosa promotore e protagonista del tavolo di confronto fra l’assessore Pietro Foroni e il sottosegretario Salvatore Micillo, dal quale sono emersi gli interventi prioritari al fine della messa in pratica di questo piano Marshall contro il dissesto in Lombardia.

Dissesto idrogeologico, dal Ministero 750mila euro per la sp 72

Per quanto riguarda la provincia di Lecco sono stati stanziati  750mila euro per interventi sulla Sp 72 a Mandello del Lario. I lavori riguarderanno la  messa in sicurezza scarpata rocciosa che sovrasta la  provinciale dal km 61+095 al km 60+600. (La determina del Ministero è a questo link: https://www.lombardia5stelle.it/wp-content/uploads/2019/07/m_amte.UDCM_.REGISTRO-UFFICIALEU.0015767.02-07-2019-1.pdf)

Leggi anche:  Moto Guzzi Open House 2019, si parte il 6 settembre

Il commento

“Sono interventi fondamentali per prevenire il dissesto idrogeologico e tutelare i nostri suoli”, specifica l’esponente del M5S”,  “In generale questo tipo di azioni sono un investimento fondamentale anche in un’ottica di mitigazione degli effetti del cambiamento climatico, sono determinanti per la sicurezza dei cittadini. L’Italia, per conformazione, è un paese costantemente a rischio. Ce ne accorgiamo ogni volta che, dopo una tempesta o una piena, ci troviamo a commentare costernati i danni, a volte purtroppo anche le vittime, del maltempo chiedendoci cosa avremmo potuto fare per evitarlo. Oggi, stanziando queste risorse, diamo una risposta concreta a una domanda: “cosa avremmo potuto fare?” che a posteriori, non vorremo più porci. Fino a ieri in materia di prevenzione e sicurezza del territorio si facevano chiacchiere e si mostravano slide, oggi agiamo in maniera concreta”.