Dieta del traffico: è questa la singolare proposta  che Fiab-LeccoCiclabile avanza ai candidati alle prossime elezioni del 4 marzo.

La dieta del traffico

“Le nostre città hanno bisogno di soluzioni concrete e urgenti per i problemi legati all’inquinamento. Ma anche  al consumo dello spazio pubblico, alla salute e benessere dei cittadini. Senza dimenticareinoltre la  sicurezza sulle strade” spiega Lodovico Cameroni, presidente di Fiab-LeccoCiclabile. “La bicicletta ha ampiamente dimostrato di essere una soluzione efficace ai problemi sopra elencati. Ciò perchè a fronte di investimenti contenuti, si ottengono risultati positivi in tempi brevi”. Pensiamo quindi che ci siano le condizioni, oggi più di ieri, per fare un salto di qualità a favore di un concreto sviluppo della mobilità ciclistica”.

Cosa propone Fiab-LeccoCiclabile

“Diminuire del 20% la percentuale delle auto private in circolazione, in particolare attraverso una serie di azioni che sviluppino una “Mobilità Attiva”, a piedi, in bici, e a favore del trasporto Pubblico Locale”aggiunge Cameroni. “Per questo chiediamo alla prossima legislatura di porsi un preciso obiettivo”. Quale? ” il pieno rispetto e adempimento dell’accordo di Parigi sul climate change.

Leggi anche:  Stop ai veicoli diesel inquinanti per chi deve andare a Milano – ECCO DA QUANDO

E ancora

Le altre proposte contenute del nostro documento riguardano l’attuazione della legge per incentivare la mobilità ciclistica, la riforma del codice della strada, il sostegno economico all’acquisto del mezzo bicicletta, incentivi fiscali per i negozi che riservano spazi pubblici per le biciclette, l’istituzione nei grandi Comuni del Mobility Manager

Per la lettura completa del documento http://fiab-leccociclabile.it