“Basta   giocare a  scaricabarile. Ora la Regione  eserciti la sua funzione di regia”. Questa la risposta lapidaria del consigliere dem lecchese all’assessore ai Trasporti di Regione Lombardia che ieri, dopo l’ennesima giornata nera (oggi non sta andando purtroppo meglio) per i pendolari aveva criticato Trenord.

Straniero replica a Terzi

“L’assessore Terzi e la Regione scaricano le responsabilità su Trenord, Trenord su FS, FS su Fnm”. Il consigliere regionale del Pd, Raffaele Straniero commenta così le dichiarazioni  dell’assessore ai Trasporti di Regione Lombardia, che ha scritto una lettera infuriata a Trenord dopo i numerosi disagi che si sono verificati ieri sulle linee di Bergamo, Como e Lecco. In particolare   su due linee che toccano da vicino il territorio lecchese, la Lecco-Molteno e la Lecco-Como.

Balletto indecente

“A pagare le spese di questo balletto indecente- commenta Straniero- sono i lavoratori e i pendolari. E’ giò un passo avanti che l’assessore  ammetta che le condizioni dei trasporto ferroviario in Lombardia  sono a un punto di non ritorno.  Si tratta di una consapevolezza che è mancata  totalmente al suo predecessore. Ma  certamente prendersela con una partecipata  che non riescono a controllare non basta;  quali sono le proposte? Per la Regione è venuto il momento di esercitare la sua funzione di regia”.

Leggi anche:  Di Maio contro i negozi aperti 7 giorni su 7