Decreto immigrazione e sicurezza: il tema continua a tenere banco in città. L’altra settimana  Anpi provinciale di Lecco, Arci Spazio Condiviso, DinamoCulturale, Les Cultures, Comunità Il Gabbiano Onlus, ARCI Lecco, Qui Lecco Libera, Comitato Noi Tutti Migranti, CGIL, CISL, UIL, ANOLF, ANPI, ARCI, Ass. Senegalesi di Lecco, Circolo Arci Lezioni al campo, Comunità Via Gaggio, L’altra Via, Mani Tese, Pax Christi, Rete Radiè Resh avevano organizzato in città una serata per parlare delle conseguenze del Decreto Salvini.
LEGGI ANCHE Le conseguenze del Decreto Sicurezza a Lecco: l’appello agli amministratori FOTO E VIDEO

Decreto immigrazione e sicurezza: le conseguenze nel lecchese

Un evento, quello andato in scena in una gremita sala Ticozzi, che era stato organizzato anche con il patrocinio del Comune di Lecco e che aveva visto la partecipazione, tra gli altri,  Filippo Galbiati, primo cittadino di  Casatenovo e presidente dei sindaci del distretto di Lecco. In sala anche il vicesindaco di Lecco Francesca Bonacina e l’assessore di Palazzo Bovara Riccardo Mariani che avevano ascoltato lo stesso Galbiati, ma anche Brizida Haznedari, operatrice della cooperativa L’Arcobaleno di Lecco e l’avvocato Giulia Vicini, socio dell’Associazione studi giuridici sull’immigrazione, parlare delle conseguenze negative nel Lecchese della nuova legge in materia di immigrazione.

Il patto per la sicurezza di Lecco

Nei giorni scorsi poi i sindaci di Calolziocorte, Casatenovo, Mandello del Lario, Merate, Valmadrera e Lecco hanno sottoscritto,a insieme al Prefetto Liliana Baccari, all’assessore regionale Riccardo De Corato il Patto per la sicurezza di Lecco che il primo cittadino Virginio Brivio ha definito “protocollo per l’attuazione concreta e calibrata sulla città del decreto sicurezza”. Proprio all’indomani della firma il numero uno di Palazzo Bovara ha invitato tutti a lasciare d parte le ideologie si questo tema.

LEGGI ANCHE Patto per la sicurezza di Lecco che attua il Decreto Salvini, Brivio: “Mettiamo da parte l’ideologia”

Proprio dopo le dichiarazioni del primo cittadino lecchese  Qui Lecco Libera, Circolo Arci Spazio, Condiviso DinamoCulturale e Les Cultures hanno deciso di scrivergli un lettera aperta che pubblichiamo integralmente.

Lettera aperta a Brivio

Egregio signor Sindaco,
presentando il “Patto per la sicurezza cittadina” sottoscritto anche dal Comune di Lecco lo scorso 23 gennaio per “dare attuazione” al recente decreto legge “immigrazione e sicurezza”, Lei ha preso una posizione sul provvedimento voluto dal governo che riteniamo profondamente sbagliata. E che tende a sminuire e a ridurre la portata delle drammatiche conseguenze del DL esplicitate peraltro al convegno dello scorso 17 gennaio in sala Ticozzi a Lecco anche dal presidente del distretto dei sindaci, Filippo Galbiati.
Secondo quanto Lei ha riferito, oggi sarebbe “necessario e utile cogliere quegli aspetti del provvedimento che hanno come obiettivo il cosiddetto ordine pubblico”. “Confortati” del resto “da una legge che, al di là di ferite aperte sul versante dell’immigrazione, offre su altri interventi un quadro realistico e fattibile”.
Al netto del fatto che la lodata eterogeneità delle materie disciplinate dal decreto legge costituisce invece una delle principali ragioni della sua manifesta illegittimità costituzionale, ci chiediamo come si possa derubricare ad “al di là di ferite aperte” la cancellazione -ad esempio- della protezione umanitaria, tra i “diritti umani inviolabili” che “traggono la loro legittimazione direttamente dalla carta costituzionale”, come ha recentemente sottolineato la Procura generale della Corte di Cassazione (15 gennaio 2019). O come si possa sorvolare sull’abolizione dello SPRAR, il prolungamento dei tempi di trattenimento, la revoca della cittadinanza, gli ostacoli all’iscrizione anagrafica, la marginalizzazione di soggetti vulnerabili come giovani madri, espulse dal circuito di accoglienza, e tanto altro ancora.
Lei ha aggiunto inoltre che “un’applicazione rigorosa e non rigida del decreto, declinata sulla peculiarità di ogni realtà urbana, concorra anche ad ammorbidire l’impatto con l’immigrazione ed a stemperare stati d’animo che, talvolta, si accendono su pretesti e su piccoli accadimenti che si possono evitare od almeno arginare”.
Di quale provvedimento stiamo parlando? Inaugurando l’anno giudiziario 2019, il procuratore generale di Palermo, Roberto Scarpinato, ha ricordato infatti che con il decreto sicurezza sono state introdotte nove nuove figure di reato, tra cui la sanzione per l’accattonaggio che prevede l’arresto e la sanzione al parcheggiatore abusivo. Misure che “ingolfano i carichi degli uffici giudiziari”. E ha poi fatto notare “la tendenza di una accentuata strumentalizzazione politica del diritto penale in chiave di rassicurazione collettiva e di captazione di un facile consenso rispetto a problemi sociali e fenomeni complessi”. Che alimenta soltanto “l’illusione repressiva”.
Un’illusione che si accompagna alla sperimentazione di armi ad impulsi elettrici da parte delle polizie locali (taser), anche nei comuni capoluogo di provincia, all’estensione del divieto di accesso in specifiche aree urbane (DASPO), alla limitazione del diritto di manifestare (anche attraverso le sanzioni in materia di blocco stradale). Potremmo andare avanti ancora ma ci limitiamo a ricordare un passaggio della relazione del Procuratore generale della Corte d’Appello di Roma, Giovanni Salvi: “La legalità non è solo repressione”.
Egregio signor Sindaco, Le chiediamo coerenza, oltreché una presa di posizione in merito alla questione dell’iscrizione in anagrafe che è discriminante per l’accesso a molti diritti e che rientra nell’ambito di competenza del sindaco. Poche settimane fa, Lei stesso aveva dichiarato che “l’opposizione ai contenuti di un provvedimento normativo può avvenire per via giuridica e non tramite la trasgressione degli obblighi di legge”.
Circolo Arci Spazio Condiviso
DinamoCulturale
Les Cultures
Qui Lecco Libera