Dopo aver letto un corsivo irriverente, ci sono politici che perdono le staffe, gridano al “gomplotto” o all’attentato di lesa maestà, ma ci sono anche politici che interagiscono, spiegano, argomentano. Ecco perché pubblichiamo volentieri la lettera del senatore Paolo Arrigoni sul caso innescato dalla richiesta di commissario per la Statale 36.

LEGGI ANCHE Commissario per la Statale 36, una vicenda di “cuore” e… testa L’EDITORIALE

Commissario per la Statale 36,  le lettera di Arrigoni

Caro Ferrario,
non confondere un vacuo e non vincolante – per il governo – ordine del giorno (sul decreto Sblocca Cantieri) che conta come il due di picche, con un emendamento che ha portata di legge approvato con il decreto crescita.
Non è stato certo Fragomeli e il PD a portare a casa il commissario per la SS 36, la SP72 e la ex SS 639.
Questo per dovere di cronaca!!!
A disposizione per chiarimenti

Paolo Arrigoni