“Uno stanziamento di 2 milioni per soccorso civile e 624.267 euro per opere infrastrutturali in 19 comuni del lecchese sono frutto dell’azione che come gruppo consiliare abbiamo condotto in aula del Consiglio regionale lombardo durante la discussione dell’assestamento di bilancio di Regione Lombardia” dichiara il Consigliere regionale lombardo Mauro Piazza

LEGGI ANCHE Piccoli Comuni: da Regione 11 milioni di euro per interventi urgenti sul territorio ECCO DOVE

2 milioni per soccorso civile e 624.267 euro per opere infrastrutturali in 19 comuni del Lecchese

“L’emendamento che stanzia 2 milioni di euro per il soccorso civile è finalizzato a garantire nell’anno 2019 le risorse per fronteggiare le spese sostenute dagli Enti Locali per pronti interventi a seguito dei recenti e intensi eventi metereologici di maggio-giugno, nonché per gli interventi che saranno presumibilmente necessari in caso si verifichino ulteriori eventi metereologici calamitosi nel corso dell’anno” afferma Piazza. “Con l’ordine del giorno appena approvato stanziamo ulteriori 624.267 euro per quei comuni lecchesi che hanno partecipato al bando, chiuso ad ottobre 2018, destinato a proposte di manutenzione urgente del territorio, ma che non avevano ottenuto i finanziamenti per esaurimento delle risorse disponibili;”-spiega il consigliere regionale.

Leggi anche:  De Capitani sulla Comunità Montana Lario Orientale e Valle San Martino: "Negli ultimi anni peggior governo mai visto"

I fondi

“ Si potrà perciò procedere nella realizzazione dei progetti nei comuni di Valgreghentino (25.650 €), Unione di Bellano Vendrogno (40.000 €), Carenno (40.000 €), Erve (36.000 €), Malgrate (40.000 €), Monte Marenzo (37.800 €), Cremeno (24.431 €), Cernusco Lombardone (40.000 €), Ballabio (40.000 €), Premana (40.000 €), Imbersago (18.900 €), Margno (40.000 €), Osnago (40.000 €), Airuno (36.000 €), Morterone (40.000 €), Sirone (39.600 €), Viganò (13.275 €), Barzago (36.611 €), Bosisio Parini (36.000 €). Regione Lombardia in questa sessione di assestamento di bilancio ha dimostrato come, ancora una volta, la cultura del sì alle infrastrutture, se pur piccole, è insita nell’azione di governo della Giunta di Attilio Fontana” conclude il Consigliere Piazza.