Giornale di Lecco https://giornaledilecco.it Sat, 19 Jan 2019 08:59:00 +0000 it-IT hourly 1 Le modifiche alla viabilità la prossima settimana a Lecco https://giornaledilecco.it/attualita/le-modifiche-alla-viabilita-la-prossima-settimana-a-lecco/ https://giornaledilecco.it/attualita/le-modifiche-alla-viabilita-la-prossima-settimana-a-lecco/#respond Sat, 19 Jan 2019 09:00:03 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77947 Ecco, puntuale come ogni sabato, l’elenco delle modifiche alla viabilità previste per la prossima settimana a Lecco. A comunicare cantieri e deviazioni è Palazzo Bovara. Modifiche alla viabilità VIA MAGGIORE, tratto intersezione con corso Carlo Alberto, totale chiusura dalle ore 7 alle 13 del 21 gennaio per lavori di smontaggio parapetti di protezione in copertura per consentire […]

Continua la lettura di Le modifiche alla viabilità la prossima settimana a Lecco su Giornale di Lecco.

]]>
Ecco, puntuale come ogni sabato, l’elenco delle modifiche alla viabilità previste per la prossima settimana a Lecco. A comunicare cantieri e deviazioni è Palazzo Bovara.

Modifiche alla viabilità

VIA MAGGIORE, tratto intersezione con corso Carlo Alberto, totale chiusura dalle ore 7 alle 13 del 21 gennaio per lavori di smontaggio parapetti di protezione in copertura per consentire lavori edili (Impresa Fratelli Ramaj di Lecco per conto di privati);

VIA ASPROMONTE per lavori di posa infrastruttura fibra ottica, dal 21 al 25 gennaio parziale restringimento (Impresa Sittel per conto Telecom Italia Spa);

VIA CAVOUR, tratto all’altezza del civico 51, parziale restringimento per lavori di rinnovo per fuga di gas, dal 21 al 22 gennaio (Impresa Devizzi Srl di Cremeno per conto di Lario Reti Gas Srl);

VIA TRIESTE per lavori di posa infrastruttura fibra ottica, dal 21 al 25 gennaio parziale restringimento (Impresa Sittel per conto Telecom Italia Spa);

VIA PESCATORI, tratto compreso tra via Plava e via Del Barcaiolo, proroga  parziale restringimento per lavori di rinnovo rete gas, dal 21 gennaio all’1 febbraio(Impresa Devizzi Srl di Cremeno per conto di Lario Reti Gas);

VIA APPIANI, tratto intersezione corso Martiri, dal 21 al 22 gennaio parziale restringimento per lavori di allacciamento alla rete di bassa tensione (Impresa Piazza & C. di Introbio per conto di Enel Distribuzione Spa);

CORSO MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, tratto intersezione via Appiani, dal 21 al 22 gennaio parziale restringimento per lavori di allacciamento alla rete di bassa tensione (Impresa Piazza & C. di Introbio per conto di Enel Distribuzione Spa);

VIA LEGNANO, tratto all’altezza del civico 4, totale chiusura per lavori di allacciamento acquedotto, il  23 gennaio  (Impresa Edile Antonetti Mattia di Ballabio per conto di privati);

VIA TOMMASO GROSSI angolo VIA CORNELIO, dal 24 al 30  gennaio totale chiusura per lavori di realizzazione rete antincendio a servizio Teatro Comunale (Impresa Notarimpresa spa di Novara per conto del Comune di Lecco);

Per maggiori informazioni:
Servizio viabilità – 0341 481233
Servizio manutenzione – 0341 481372

 

Continua la lettura di Le modifiche alla viabilità la prossima settimana a Lecco su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/attualita/le-modifiche-alla-viabilita-la-prossima-settimana-a-lecco/feed/ 0
Lo “sturziano” Gagliardi (Fi): “Noi giovani cristiani abbiamo delle responsabilità” https://giornaledilecco.it/politica/lo-sturziano-gagliardi-fi-noi-giovani-cristiani-abbiamo-delle-responsabilita/ https://giornaledilecco.it/politica/lo-sturziano-gagliardi-fi-noi-giovani-cristiani-abbiamo-delle-responsabilita/#respond Sat, 19 Jan 2019 08:59:00 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=78038 Roberto Gagliardi, giovane azzurro berlusconiano, ma anche novello sturziano nell’anniversario. “Dal Nazionale ci è stato chiesto come giovane Forzista di scrivere qualche comunicato per i 25 anni del Partito. Io da “sturziano” (don Luigi Sturzo, fondatore del Partito popolare nel 1919) ho preso spunto dal centenario del PPI” scrive. ecco dunque il suo contributo. “Non […]

Continua la lettura di Lo “sturziano” Gagliardi (Fi): “Noi giovani cristiani abbiamo delle responsabilità” su Giornale di Lecco.

]]>
Roberto Gagliardi, giovane azzurro berlusconiano, ma anche novello sturziano nell’anniversario. “Dal Nazionale ci è stato chiesto come giovane Forzista di scrivere qualche comunicato per i 25 anni del Partito. Io da “sturziano” (don Luigi Sturzo, fondatore del Partito popolare nel 1919) ho preso spunto dal centenario del PPI” scrive. ecco dunque il suo contributo.

“Non solo futuro”

Da Giovane azzurro BERLUSCONIANO ho deciso visto il periodo e l’importante giorno di scrivere un piccolo pensiero per noi giovani e non solo .
Oggi si ricorda la nascita centenaria del PPI di Don Sturzo “ A tutti gli uomini liberi e forti “ e del 25 esimo anno di celebrazione della nascita del Partito Liberale , Forza Italia.
Non è un caso infatti che il Presidente Berlusconi scelse proprio questa data per far nascere un partito di base Liberale ispirato ai valori cristiani.
Credo che il messaggio di Don Sturzo, poco studiato nelle nostre scuole, anche se scritto cento anni fa sia assolutamente odierno e calzi a pennello con la situazione di questi giorni .
Infatti oggi come allora vi è una grande confusione ideologica ma ancor più vi è un forte bisogno di ristabilire e ritrovare quella serenità e quell’attaccamento alla cosa pubblica che purtroppo manca e mancava .

Il Partito Popolare infatti volle essere un tentativo non di trovare una zona intermedia tra la fede e la storia in cui si potesse mettere fra parentesi l’identità cristiana, ma di far lievitare dal basso alcuni valori fondamentalmente cristiani presenti nella realtà popolare, rivendicando una responsabilità diretta ai cattolici impegnati in politica e un’autonomia nei confronti della gerarchia ecclesiastica, di cui tuttavia non intendeva mettere in dubbio la missione di illuminare le coscienze alla luce del Vangelo.

Oggi più che mai noi giovani Cristiani abbiamo delle responsabilità che non possiamo trascurare o lasciar cadere. Il Bene comune è di fondamentale importanza, cultura, moralità, religiosità e economia sono assolutamente dei beni a cui tutti noi dobbiamo puntare, soprattutto noi giovani.
Ogni giorno vi sono Giovani che scappano, siamo a 50 mila nel 2016, 20 mila in Lombardia, 4 lecchesi tra i 18 e i 30 su mille. C’è quindi bisogno di una svolta. Una svolta che solo i Politici e chi ci governa può darci, dando credibilità , fiducia alle nuove generazioni , investendo sulla ricerca e sull’istruzione non tagliando o fare populismo propagandistico, giocando con la vita delle persone.

Cerchiamo quindi di andare a riprendere quello che il passato di questo paese ci ha offerto e metterlo in pratica.
Credo che oggi sia necessario ricostruire una relazione naturale con la società civile, col popolo. Tornare a essere “popolari” dentro un’azione di testimonianza cristiana, potenziando una rete di relazioni stabili tra le varie associazioni e realtà sensibili al sociale per realizzare un “pluralismo ordinato”. In questo senso credo un’attualizzazione dei valori del popolarismo sturziano potrà dare sicuramente fiducia nella buona politica e aiutare a superare la grave crisi culturale e politica attuale rappresentando un antidoto all’antipolitica e alla deriva populista .
Per noi giovani basta guardare solo al futuro cerchiamo di imparare qualcosa anche dal nostro passato e da quello che i nostri avi ci hanno lasciato.

Roberto Gagliardi

Continua la lettura di Lo “sturziano” Gagliardi (Fi): “Noi giovani cristiani abbiamo delle responsabilità” su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/politica/lo-sturziano-gagliardi-fi-noi-giovani-cristiani-abbiamo-delle-responsabilita/feed/ 0
Ultimo fine settimana lecchese per la mostra sull’Ottocento lombardo https://giornaledilecco.it/cultura-e-turismo/ultimo-fine-settimana-lecchese-per-la-mostra-sullottocento-lombardo/ https://giornaledilecco.it/cultura-e-turismo/ultimo-fine-settimana-lecchese-per-la-mostra-sullottocento-lombardo/#respond Sat, 19 Jan 2019 08:00:33 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77939 Quello che inizia oggi, sabato 19 gennaio, è l’ultimo fine settimana per poter visitare la mostra Ottocento Lombardo allestita a Palazzo delle Paure dalle 10 alle 19 fino a domenica. Mostra sull’Ottocento lombardo La rassegna, inaugurata a Lecco nel mese di ottobre 2018,  propone un viaggio esplorativo nella pittura e, più in generale, nella cultura della Lombardia […]

Continua la lettura di Ultimo fine settimana lecchese per la mostra sull’Ottocento lombardo su Giornale di Lecco.

]]>
Quello che inizia oggi, sabato 19 gennaio, è l’ultimo fine settimana per poter visitare la mostra Ottocento Lombardo allestita a Palazzo delle Paure dalle 10 alle 19 fino a domenica.

Mostra sull’Ottocento lombardo

La rassegna, inaugurata a Lecco nel mese di ottobre 2018,  propone un viaggio esplorativo nella pittura e, più in generale, nella cultura della Lombardia del XIX secolo, attraverso oltre cinquanta opere, tra dipinti e disegni dei principali protagonisti dell’Ottocento lombardo: da Hayez al Piccio, da Faruffini a Cremona, da Medardo Rosso a Segantini. Partendo dalla stagione romantica, passando per le esperienze risorgimentali e le ribellioni scapigliate, la rassegna approda all’impegno sociale delle generazioni di fine secolo e alla ricerca divisionista.L’Ottocento italiano è un secolo ricco di motivi d’interesse e di personalità artistiche da scoprire. Se alcune aree italiane, su tutte la Toscana, sono state già portate all’attenzione del grande pubblico, la scena artistica della Lombardia del XIX secolo, a eccezione di alcuni grandi nomi che hanno già conosciuto la loro importante riscoperta, continua a essere poco nota.

Sarà accessibile invece sino al 15 febbraio (orari: martedì e mercoledì 9.30-14; giovedì, venerdì, sabato e domenica 15-18) la mostra Santi della porta accanto allestita in torre visconte alla Torre Viscontea.

Gli altri appuntamenti del fine settimana lecchese

Al Planetario di Lecco

  • Sabato 19 alle 15 e alle 16.30 per il sabato dei bambini “Gruby il maialino spaziale”.
  • Domenica 20 alle 16 proiezione in cupola “I gioielli del cielo invernale”.

Continua la lettura di Ultimo fine settimana lecchese per la mostra sull’Ottocento lombardo su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cultura-e-turismo/ultimo-fine-settimana-lecchese-per-la-mostra-sullottocento-lombardo/feed/ 0
Auto ribaltata in Statale 36: due feriti SIRENE DI NOTTE https://giornaledilecco.it/cronaca/auto-ribaltata-in-statale-36-due-feriti-sirene-di-notte/ https://giornaledilecco.it/cronaca/auto-ribaltata-in-statale-36-due-feriti-sirene-di-notte/#respond Sat, 19 Jan 2019 06:06:29 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=78036 Incidente all’alba di oggi, sabato 19 gennaio 2019, con un’auto ribaltata in Statale 36. Due le persone coinvolte che, nonostante l’incredibile spavento, non hanno fortunatamente riportato gravi ferite. Auto ribaltata in Statale 36 L’incidente è avvenuto intorno alle 5 nel tratto di ponte tra l’attraversamento di Lecco e la rampa del Bione. Il mezzo  si […]

Continua la lettura di Auto ribaltata in Statale 36: due feriti SIRENE DI NOTTE su Giornale di Lecco.

]]>
Incidente all’alba di oggi, sabato 19 gennaio 2019, con un’auto ribaltata in Statale 36. Due le persone coinvolte che, nonostante l’incredibile spavento, non hanno fortunatamente riportato gravi ferite.

Auto ribaltata in Statale 36

L’incidente è avvenuto intorno alle 5 nel tratto di ponte tra l’attraversamento di Lecco e la rampa del Bione. Il mezzo  si è ribaltato mentre percorreva la carreggiata sud quindi in direzione Milano. Al vaglio delle forze dell’ordine l’esatta dinamica del sinistro. Sul posto, inizialmente in codice rosso, sono intervenuti gli uomini del 118 a bordo dell’auto medica e i volontari della Croce Rossa di Lecco. Allertati anche i Vigili del Fuoco. Due come detto le persone coinvolte: due uomini di 35 e 36 anni. Fortunatamente dopo le cure sul posto i sanitari hanno capito immediatamente che le loro condizioni non erano gravi. Per il trasporto al Manzoni di Lecco infatti il codice è passato da rosso a verde.

Continua la lettura di Auto ribaltata in Statale 36: due feriti SIRENE DI NOTTE su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cronaca/auto-ribaltata-in-statale-36-due-feriti-sirene-di-notte/feed/ 0
Rimborsopoli in Lombardia, arriva la sentenza di primo grado: 52 condannati LE PENE DEI LECCHESI https://giornaledilecco.it/cronaca/rimborsopoli-in-lombardia-arriva-la-sentenza-di-primo-grado-52-condannati-le-pene-dei-lecchesi/ https://giornaledilecco.it/cronaca/rimborsopoli-in-lombardia-arriva-la-sentenza-di-primo-grado-52-condannati-le-pene-dei-lecchesi/#respond Fri, 18 Jan 2019 15:05:27 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77970 E’ stata emessa questa mattina, 18 gennaio, la sentenza di primo grado per il processo sulle cosiddette spese pazze in Regione  Lombardia che aveva ben 57 imputati. La pena più pesante è stata inflitta a un nostro ex consigliere, Stefano Galli, già capogruppo della Lega in Regione. La sentenza Il Tribunale di Milano ha condannato […]

Continua la lettura di Rimborsopoli in Lombardia, arriva la sentenza di primo grado: 52 condannati LE PENE DEI LECCHESI su Giornale di Lecco.

]]>
E’ stata emessa questa mattina, 18 gennaio, la sentenza di primo grado per il processo sulle cosiddette spese pazze in Regione  Lombardia che aveva ben 57 imputati. La pena più pesante è stata inflitta a un nostro ex consigliere, Stefano Galli, già capogruppo della Lega in Regione.

La sentenza

Il Tribunale di Milano ha condannato in primo grado 52 dei 57 ex assessori ed ex consiglieri regionali  accusati di peculato. Fra i condannati anche volti molto noti della politica come Renzo Bossi, per lui il giudice ha disposto una pena di  2 anni e 6 mesi, e Nicole Minetti, 1 anno e 8 mesi. In generale le pene sono andate da un anno e 5 mesi fino a 4 anni e 8 mesi. Assolti o prescritti 5 ex consiglieri: Davide Boni (prescrizione per l’accusa di truffa) e assolti Romano Colozzi, Daniel Luca Ferrazzi, Carlo Maccari, Massimo Ponzoni.

Stefano Galli, Giulio Boscagli e Giulio De Capitani-

La pena più alta, 4 anni e 8 mesi, è stata inflitta al lecchese  Stefano Galli, ex capogruppo della Lega in Regione. Galli è  accusato di peculato e truffa. Per il pm Paolo Filippini avrebbe pagato con soldi pubblici il matrimonio della figlia a e avrebbe fatto assumere dal Pirellone il genero con uno stipendio di 196mila euro lordi per 19 mesi di lavoro. Condannato anche l’ex sindaco di Lecco Giulio Boscagli. A lui è stata inflitta una pena di  2 anni e 7 mesi. Un anno invece ad un terzo lecchese, il leghista Giulio De Capitani. Infine un anno e sei mesi con pena sospesa anche per Ugo Parolo

Rimborsopoli

Lo scandalo delle spese pazze in Regione era scoppiato nel 2012; secondo i pm gli ex assessori e gli  ex consiglieri regionali avrebbero speso illecitamente 3 milioni di euro, facendoli figurare come spese di rappresentanza e chiedendo, e ottenendo, il relativo rimborso spese. Nelle spese contestate ad alcuni imputati c’erano gratta e vinci e fuochi d’artificio.

Continua la lettura di Rimborsopoli in Lombardia, arriva la sentenza di primo grado: 52 condannati LE PENE DEI LECCHESI su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cronaca/rimborsopoli-in-lombardia-arriva-la-sentenza-di-primo-grado-52-condannati-le-pene-dei-lecchesi/feed/ 0
Anziano trovato morto in casa: non rispondeva da giorni ai famigliari https://giornaledilecco.it/cronaca/anziano-trovato-morto-in-casa-non-rispondeva-da-giorni-ai-famigliari/ https://giornaledilecco.it/cronaca/anziano-trovato-morto-in-casa-non-rispondeva-da-giorni-ai-famigliari/#respond Fri, 18 Jan 2019 20:03:31 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=78003 Un anziano di circa 70 anni è stato trovato senza vita all’interno della sua abitazione, in cui viveva da solo, all’ultimo piano di una palazzina al civico 9 di via Gasparotto. È successo a Paderno d’Adda, nei pressi della stazione. Anziano morto in casa L’uomo non rispondeva da giorni ai famigliari che, preoccupati, hanno chiesto un […]

Continua la lettura di Anziano trovato morto in casa: non rispondeva da giorni ai famigliari su Giornale di Lecco.

]]>
Un anziano di circa 70 anni è stato trovato senza vita all’interno della sua abitazione, in cui viveva da solo, all’ultimo piano di una palazzina al civico 9 di via Gasparotto. È successo a Paderno d’Adda, nei pressi della stazione.

Anziano morto in casa

L’uomo non rispondeva da giorni ai famigliari che, preoccupati, hanno chiesto un intervento per sincerarsi delle condizioni del 70enne. Intorno alle 19 di oggi, venerdì 18 gennaio, si è infatti reso necessario l’intervento di un’autoambulanza della Croce Rossa di Merate, di un’automedica, dei Carabinieri e di due mezzi dei Vigili del Fuoco con un’autoscala per introdursi nell’abitazione. Ma non c’è stato niente da fare.

Generalità dell’anziano ancora ignote

Ancora ignote l’identità dell’anziano e le cause del decesso, che sono al vaglio delle forze dell’ordine, tuttora intente a effettuare tutti i rilievi del caso.

 

Continua la lettura di Anziano trovato morto in casa: non rispondeva da giorni ai famigliari su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cronaca/anziano-trovato-morto-in-casa-non-rispondeva-da-giorni-ai-famigliari/feed/ 0
Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica “E non sarà una spolverata” https://giornaledilecco.it/attualita/gli-esperti-confermano-la-prossima-settimana-nevica-e-non-sara-una-spolverata/ Fri, 18 Jan 2019 11:39:03 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77928 Gli esperti lo confermano. Settimana prossima nevica in Lombardia e non sarà “una semplice spolverata”. Le nostre interviste a Flavio Galbiati (Centro Epson Meteo) e all’esperto lecchese Christian Brambilla. Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica Viste le ultime previsioni apparse online, anche un po’ allarmistiche, abbiamo deciso di fare chiarezza interpellando due esperti meteo, […]

Continua la lettura di Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica “E non sarà una spolverata” su Giornale di Lecco.

]]>
Gli esperti lo confermano. Settimana prossima nevica in Lombardia e non sarà “una semplice spolverata”. Le nostre interviste a Flavio Galbiati (Centro Epson Meteo) e all’esperto lecchese Christian Brambilla.

Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica

Viste le ultime previsioni apparse online, anche un po’ allarmistiche, abbiamo deciso di fare chiarezza interpellando due esperti meteo, per fare il punto su quello che accadrà nei prossimi giorni in Lombardia.

“Cerchiamo sempre di essere cauti – ci ha spiegato Flavio Galbiati, del Cnetro Epson Meteo – al momento, per settimana prossima, si conferma effettivamente l’arrivo di una perturbazione che porterà neve anche in Pianura al Nord. Non sarà una spolverata, ma qualcosa di più consistente“.

“I primi effetti li stiamo già sentendo in queste ore, in cui tutti noi abbiamo avvertito un repentino abbassamento delle temperature” – ci ha detto Galbiati.

La situazione andrà via via peggiorando nei prossimi giorni, fino a mercoledì, quando le precipitazioni a carattere nevoso coinvolgeranno gran parte della Lombardia.

Dall’inizio dell’inverno 70% di piogge in meno

“Una situazione più chiara, anche per parlare di eventuali centimetri di neve, comunque si potrà avere solo lunedì – ha voluto precisare Galbiati. “Quel che è certo è che i dati statistici del Centro Epson Meteo ci raccontano che la prima parte dell’inverno è stata caratterizzata da temperature sopra la media di un grado e da un 70% in meno di precipitazioni“.

Al posto della pioggia, al Nord, hanno fatto capolino per diversi giorni i venti di “Foehn”. Aria secca, spesso tiepida, che ha sicuramente aiutato a spazzare via l’inquinamento ma non ha favorito la salute, in particolare dei bambini.

Una fine di gennaio movimentata

“Concludendo possiamo affermare che dopo un inizio 2019 mite e anomalo, la fine di gennaio sarà decisamente più movimentata e caratterizzata da un freddo più intenso e pungente” – ha concluso Galbiati.

Sempre sulle previsioni in queste ore abbiamo sentito anche l’esperto lecchese Christian Brambilla che ci ha confermato che:

“Prevedere neve con cinque giorni d’anticipo non ha alcun senso. Parlare addirittura di centimetri ancora meno. Al minimo domenica mattina sarà possibile avere un’idea più chiara di ciò che accadrà la prossima settimana”.

Continua la lettura di Gli esperti confermano: la prossima settimana nevica “E non sarà una spolverata” su Giornale di Lecco.

]]>
“Il Pronto Soccorso del Mandic rimarrà aperto 24 ore su 24” https://giornaledilecco.it/attualita/il-pronto-soccorso-del-mandic-rimara-aperto-24-ore-su-24/ https://giornaledilecco.it/attualita/il-pronto-soccorso-del-mandic-rimara-aperto-24-ore-su-24/#respond Fri, 18 Jan 2019 17:23:46 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77996 “Il Pronto Soccorso del Mandic rimarrà aperto 24 ore su 24”. Ad assicurarlo sono Andrea Massironi, sindaco di Merate e Filippo Galbiati, primo cittadino di Casatenovo e Presidente del Distretto che questa mattina “a seguito delle notizie apparse in questi giorni, circa una possibile chiusura del servizio di Pronto Soccorso nel DEA e del Servizio di Ostetricia / […]

Continua la lettura di “Il Pronto Soccorso del Mandic rimarrà aperto 24 ore su 24” su Giornale di Lecco.

]]>
“Il Pronto Soccorso del Mandic rimarrà aperto 24 ore su 24”. Ad assicurarlo sono Andrea Massironi, sindaco di Merate e Filippo Galbiati, primo cittadino di Casatenovo e Presidente del Distretto che questa mattina “a seguito delle notizie apparse in questi giorni, circa una possibile chiusura del servizio di Pronto Soccorso nel DEA e del Servizio di Ostetricia / Sala parto dell’Ospedale Mandic” hanno  incontrato incontro il direttore generale  dell’Asst di Lecco Paolo Favini. Al summit hanno preso parte anche i Direttori sanitario e sociosanitario.

LEGGI ANCHE  Mandic di Merate: Piazza e Formenti smentiscono le ipotesi di chiusura del Pronto Soccorso

Il Pronto Soccorso del Mandic rimarà aperto 24 ore su 24

“Possiamo confermare che non è intenzione in alcun modo della Direzione dell’ASST di prevedere una chiusura del Pronto Soccorso nelle ore notturne, né ora né in futuro (il Pronto Soccorso del Mandic rimarrà operativo 24/24 h). Parimenti non sono previsti alcuna dismissione né alcun ridimensionamento del Punto nascite Sala parto del Mandic” scrivono i due sindaci in una nota congiunta che pubblichiamo integralmente .

Pronto Ss e Sala Parto  servizi fondamentali e strategici per il territorio

Il riferimento del Direttore Generale al rispetto delle Regole di Regione Lombardia, rilasciato a margine di una conferenza stampa, è da intendersi come una conferma circa l’autonomia che viene riconosciuta alle Aziende sanitarie che, nel rispetto delle dotazioni minime previste dalla norma che recepisce il D.M. 70, organizzano i servizi sanitari secondo le esigenze del territorio, potendo giustappunto mantenere e garantire, per il presente ed il futuro, dotazioni superiori al livello minimo dei requisiti previst i.Per inciso, l’ASST rispetterà le regole che definiscono le dotazioni minime. E nell’ambito di questo rispetto, proseguirà nel mantenere attivi 24/24 h il Pronto Soccorso e la Sala Parto del Mandic, servizi fondamentali e strategici per il nostro territorio.

Serve uno sforzo per trovare altri medici

Per il Pronto soccorso, si è avuta conferma della difficoltà a reperire personale medico specializzato in emergenza urgenza, difficoltà che attiene non solo il Mandic, ma diversi Ospedali lombardi (problematica che deriva anzitutto dalle politiche degli ultimi anni relative al numero chiuso nei percorsi universitari ed all’insufficienza delle borse di studio per la Medicina d’urgenza). Sono stati recentemente assunti tre medici a tempo indeterminato, ma in un caso si è trattato di stabilizzazione di un professionista che già lavora a Merate. Abbiamo ribadito come sia necessario uno sforzo ulteriore da parte di ASST nel reperire, attraverso altri bandi, medici formati e specializzati in modo specifico per Merate, dove il servizio è costantemente sotto organico, perché sia garantita l’autonomia e specificità del PS meratese. Il PS del Mandic è infatti la regia di un DEA che gestisce casi sempre più complessi; si conviene pertanto che vanno promosse e salvaguardate le sue professionalità sanitarie, che non possono subire demotivazioni per le croniche difficoltà operative.Per la Sala Parto si è confermato l’apprezzamento nella conduzione del reparto di Ostetricia e Ginecologia meratese, che certo come tanti presidi ha visto negli ultimi anni calare il numero di parti / anno, ma in linea con un calo progressivo e costante della natalità, aspetto che non può in alcun modo mettere in discussione un servizio di grande rilevanza. La Sala Parto a Merate è e sarà attiva anche per il futuro, nel rispetto delle regole regionali, ma anzitutto quale scelta autonoma di politica aziendale per il nostro territorio.

Il servizio di Hospice

Abbiamo apprezzato lo sforzo dell’ASST per la dotazione di un servizio di Hospice, con una dotazione di 10 letti, a favore di tutto il territorio, nell’ottica di ampliare l’offerta garantita egregiamente da diversi anni dall’Hospice il Nespolo di Airuno. Crediamo anche noi che sia un servizio importante per le famiglie del nostro territorio e ci fa piacere sapere che la gestione è prevista in carico al Dipartimento fragilità, guidato dal Dr. Scaccabarozzi, la cui professionalità ed esperienza in questo campo è indiscussa. Abbiamo rimarcato come tuttavia ci appare da ridiscutere la conversione di altrettanti letti previsti ed accreditati per la Medicina del Mandic, certo non utilizzati attualmente, ma risorsa preziosa per possibili esigenze del futuro. Su questo aspetto abbiamo favorevolmente colto una disponibilità ad affrontare e rivedere la questione, nell’ambito di un equilibrio tra i presidi ospedalieri, che non sottragga potenzialità al Mandic.

Il prossimo incontro coi sindaci

Il Direttore Generale ci ha confermato inoltre la disponibilità all’incontro con la Conferenza dei Sindaci del Meratese-Casatese richiesto da Adele Gatti, Presidente dell’Ambito di Merate, per il giorno 30 gennaio. Abbiamo condiviso che sarà il momento opportuno per avere, da parte di tutti i Sindaci, un quadro chiaro della visione della Direzione generale per il futuro del Mandic.  Abbiamo quindi sottolineato come sia necessario, nell’ambito di questo incontro, affrontare in modo specifico:

  • Il tema dei finanziamenti previsti e preventivabili per le dotazioni del Mandic, compresa la riqualificazione degli stabili a fianco dell’Ospedale da dedicare a servizi di integrazione territoriale

  • Un quadro chiaro di politica per il personale dell’Ospedale meratese, affrontando da subito le note criticità

  • La conferma dell’attivazione del reparto di Pneumologia, in collaborazione con INRCA, prevista per il 4 di febbraio pv

  • Il tema della salvaguardia della dotazione di posti letto e delle attività operatorie

  • Il consolidamento dei rapporto con Retesalute per i progetti territoriali di integrazione socio sanitaria, in attuazione della L. 23, tra cui anche i Presst (Casatese, Olgiatese) ed i servizi di Psicologia medica / oncologica, gestiti nell’ambito delle intese con Faresalute

Il futuro dell’Ospedale Mandic

Pensiamo sia opportuno, in questa fase di ulteriore preoccupazione, che emerga con trasparenza l’investimento complessivo sul futuro dell’Ospedale Mandic.  Abbiamo la necessità di un confronto che faccia chiarezza su un punto che ci sembra condiviso con il Direttore generale, da cui abbiamo avuto stamattina rassicurazioni in tale senso: il Mandic è un ospedale di I livello, con forte integrazione territoriale, grande qualità interna, una storia importante, che merita la salvaguardia e la promozione della sua autonomia nell’ambito di una collaborazione intraziendale che nulla sottragga al presidio meratese, ma sia di supporto al suo ulteriore sviluppo. Ne hanno bisogno i cittadini, ne ha bisogno il personale che troppo spesso è sollecitato da contrazioni di dotazioni ed allarmi circa il futuro dell’Ospedale e che invece merita di guardare al proprio futuro con serenità.  Ci aspettiamo che questa consapevolezza, si traduca, come è avvenuto per la Pneumologia, in atti concreti su personale, investimenti, dotazioni. Ringraziamo il dr. Favini, per quanto ci ha riferito stamattina; avremo modo di incontrarci ancora il giorno 30 gennaio assieme a tutti i Sindaci. Come noi i Sindaci si attendono una conferma della strategia aziendale che definisca un futuro di sviluppo e consolidamento del Mandic, strategia rispetto alla quale garantiamo collaborazione, vigilanza ed attenzione, in particolare per gli atti concreti che dovranno essere assunti

 

 

Continua la lettura di “Il Pronto Soccorso del Mandic rimarrà aperto 24 ore su 24” su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/attualita/il-pronto-soccorso-del-mandic-rimara-aperto-24-ore-su-24/feed/ 0
Incidente: auto finisce nel fosso FOTO https://giornaledilecco.it/cronaca/incidente-auto-finisce-nel-fosso-foto/ https://giornaledilecco.it/cronaca/incidente-auto-finisce-nel-fosso-foto/#respond Fri, 18 Jan 2019 11:10:38 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77904 Incidente: auto finisce nel fosso. Il sinistro è avvenuto questa mattina alle 10.30 a Carvico ed ha coinvolto una ragazza di 26 anni. L’automobile è finita fuori strada, cadendo nel fosso di via Don Angelo Pedrinelli, difronte allo store Scavolini. Auto finisce nel fosso La ragazza, alla guida di una Kia, ha dichiarato alle autorità […]

Continua la lettura di Incidente: auto finisce nel fosso FOTO su Giornale di Lecco.

]]>
Incidente: auto finisce nel fosso. Il sinistro è avvenuto questa mattina alle 10.30 a Carvico ed ha coinvolto una ragazza di 26 anni. L’automobile è finita fuori strada, cadendo nel fosso di via Don Angelo Pedrinelli, difronte allo store Scavolini.

Auto finisce nel fosso

La ragazza, alla guida di una Kia, ha dichiarato alle autorità di essersi distratta.Ha perso il controllo della sua auto e il mezzo  ha divelto un palo prima di cadere nel fosso. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Calusco d’Adda, l’ambulanza ed un auto medica. Dopo gli accertamenti di routine, la ventiseienne è stata trasportata all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo in codice verde. Fortunatamente per lei ferite non gravi ma un forte shock  dovuto allo schianto. Nessun’altra automobile è stata coinvolta nell’incidente.  I carabinieri hanno bloccato una corsia per poter procedere con i rilievi. Alle 11.20, con l’arrivo del carro attrezzi, la circolazione sul provinciale che collega Carvico a Sotto il Monte è tornata scorrevole.

 

Continua la lettura di Incidente: auto finisce nel fosso FOTO su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cronaca/incidente-auto-finisce-nel-fosso-foto/feed/ 0
Una grande novità per i vostri cuccioli https://giornaledilecco.it/casa/una-grande-novita-per-i-vostri-cuccioli/ Fri, 18 Jan 2019 16:25:33 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77985 Sabato 19 gennaio la catena leader in Italia nel pet care inaugurerà contemporaneamente 7 store in 5 regioni. Prevista una giornata non stop di festa in ogni location e una massiccia campagna pubblicitaria multicanale. Oltre 300 il totale dei punti vendita e oltre 1500 i dipendenti. Tre in Lombardia e gli altri quattro suddivisi tra […]

Continua la lettura di Una grande novità per i vostri cuccioli su Giornale di Lecco.

]]>
Sabato 19 gennaio la catena leader in Italia nel pet care inaugurerà contemporaneamente 7 store in 5 regioni.

Prevista una giornata non stop di festa in ogni location e una massiccia campagna pubblicitaria multicanale. Oltre 300 il totale dei punti vendita e oltre 1500 i dipendenti.

Tre in Lombardia e gli altri quattro suddivisi tra Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Toscana e Marche.
Questi i nuovi sette punti vendita che verranno inaugurati contemporaneamente sabato 19 gennaio da Arcaplanet, l’insegna leader nel pet care in Italia che conta oltre 300 negozi.

Una lunga giornata di festa non stop, dedicata ai padroni e ai pet, in ognuna delle sette città in diversi punti d’Italia: Dalmine (BG), Castegnato e Lonato del Garda in provincia di Brescia, Cuneo, Villesse (GO), Montemurlo (PO) e Ascoli Piceno.

Si tratta di un’operazione curiosa e straordinaria che nel mondo della grande distribuzione specializzata rappresenta un unicum e porta la firma di Arcaplanet ormai da 3 anni. L’insegna infatti ha già proposto nei due anni precedenti multi inaugurazioni diffuse sul territorio italiano: nel 2017 erano stati 17 mentre l’anno scorso 9 i nuovi store inaugurati con successo contemporaneamente.

Quest’anno ad accompagnare l’iniziativa oltre al dispiegamento di forze del team di vendita, tutte le nuove risorse affiancate da quelle più esperte, è prevista una massiccia campagna pubblicitaria multicanale che comprende televisione (in tutte le reti nazionali con spot on air dal 17 al 26 gennaio), stampa (i principali quotidiani territoriali delle città coinvolte), programmatic digitale e palinsesto social, guerriglia marketing (con zaini luminosi, leafleting, palloni mongolfiere brandizzate) oltre alle affissioni in città.

L’operazione prevede oltre 4.400 i mq di superficie di vendita in più per l’insegna, 32 nuove risorse impiegate e ulteriori 14 casse.

Si tratta di grandi negozi di varie superfici (dai 350 agli 890 mq) che vantano spazi adatti per ospitare i servizi di ultima generazione dell’insegna: Pet Wash per la toelettatura dei pet, aree Agility e aree lavanderie per l’igiene e la pulizia degli accessori dell’amico peloso.

Tutti gli store sono riforniti con assortimenti completi per il food e il non food per gli animali da compagnia grazie a oltre 10.000 referenze in vendita in ciascuno, tra accessori e alimenti per cani, gatti, piccoli animali, roditori, pesci, anfibi e uccelli, un’ampia selezione trasversale di prodotti esclusivi e specializzati, dietetici e veterinari, di alimentazione biologica e vegetariana, cibo secco e umido, accessori dai tappetini igienici per cani alle lettiere per gatto, dai giochi ai guinzagli, ai “trasportini” ecc.

Sabato ci saranno omaggi per tutti, promozioni dedicate e tutte le novità pensate per l’alimentazione e il benessere degli animali da compagnia, in casa, all’aperto e in viaggio. Per tutti sarà possibile iscriversi all’interno del circuito “ArcaCard”, il programma fedeltà che oggi annovera oltre un milione di clienti attivi e permette una serie di vantaggi di scontistica a punti e servizi personalizzati. Per coloro che si presenteranno con il proprio animale, sarà poi possibile scattare foto e riceverne subito la stampa.

La giovane (poco più di vent’anni) e dinamica azienda ha visto in questi ultimi due anni una forte crescita dimensionale sia di punti vendita che di fatturato e di addetti, attraverso lo sviluppo e la continua innovazione di un layout del tutto simile a un supermercato dedicato solamente ai pet e agli ambienti da essi frequentati, con spazi moderni, personale competente e preparato e un grandissimo assortimento specializzato per tutti i tipi di animali domestici.

Arcaplanet è la catena italiana leader nella distribuzione di prodotti per animali domestici. In oltre vent’anni dalla sua costituzione, il Gruppo è cresciuto notevolmente espandendosi oltreconfine con 2 punti vendita in Svizzera e conta oggi dopo l’acquisizione di Fortesan, oltre 300 punti vendita diretti in 17 regioni italiane, una piattaforma di vendita online e oltre 1.500 dipendenti. Attualmente, il Gruppo conta oltre un milione di clienti attivi, rispondendo alle esigenze di tutti gli animali domestici, attraverso un’offerta innovativa di prodotti e servizi, inclusi i marchi privati Start, Expecial, Next, HiFish e Virtus. I punti vendita del Gruppo sono caratterizzati da molteplici format e dimensioni, da un minimo di 150 mq fino agli oltre 1.000 mq dei formati Large. Nel giugno 2016, i Fondi Permira hanno acquistato la maggioranza del capitale della società, divenendo l’azionista di riferimento.

INDIRIZZI NUOVI STORE

LOMBARDIA
DALMINE – Via Provinciale 37. Orario di apertura: lun – sab 9.00-20.00 dom 9.30-13.00 e 15.00-19.30
CASTEGNATO (BS) – Via Rita Levi Montalcini, 104. Orario di apertura: lun – dom 9.00-20.00
LONATO DEL GARDA (BS) – Via Battaglie. Orario di apertura: lun – dom 9.00-20.00

PIEMONTE
CUNEO: Via Margarita C/o CC Auchan. Orario di apertura: lun – dom 9.00-20.30

FRIULI VENEZIA GIULIA
VILLESSE (GO): Località Maranuz, 2 C/o CC Tiare Shopping. Orario di apertura: lun – ven 9.30-20.00; sab e dom 9.30-21.00

TOSCANA
MONTEMURLO (PO). Via Livorno, 51 C/o CC Coop. Orario di apertura: lun – sab 9.00-20.30, dom chiuso.

MARCHE
ASCOLI PICENO. Via Piceno Aprutina, 98. Orario di apertura: lun – sab 9.00-20.00; dom 9.00-13.00 e 15.00-20.00.

Continua la lettura di Una grande novità per i vostri cuccioli su Giornale di Lecco.

]]>
773 milioni di e-mail violate, controlla se c’è anche la tua https://giornaledilecco.it/attualita/773-milioni-di-e-mail-violate-controlla-se-ce-anche-la-tua/ Fri, 18 Jan 2019 09:19:53 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77893 La mail che avete è intasata da spam? Vi propongono creme miracolose oppure un fantomatico principe africano vi offre possibilità di ereditare somme da capogiro? O ancora ricevete avvisi di sicurezza per un problema con la carta di credito VISA anche se non ne possedete una? Molto probabilmente il vostro indirizzo mail è stato violato […]

Continua la lettura di 773 milioni di e-mail violate, controlla se c’è anche la tua su Giornale di Lecco.

]]>
La mail che avete è intasata da spam? Vi propongono creme miracolose oppure un fantomatico principe africano vi offre possibilità di ereditare somme da capogiro? O ancora ricevete avvisi di sicurezza per un problema con la carta di credito VISA anche se non ne possedete una? Molto probabilmente il vostro indirizzo mail è stato violato e i vostri dati non sono più al sicuro.

773 milioni di mail violate

Ultimo allarme a livello mondiale è accaduto pochi giorni fa: un archivio di 87GB contenente 773 milioni di indirizzi e-mail e 22 milioni di password è stato condiviso pubblicamente su Mega, un sito di file hosting. Un vero disastro per la privacy che potrebbe coinvolgere ciascun utente di internet.

Scoprire se l’indirizzo e-mail è stato violato

Per scoprire se il proprio indirizzo di posta elettronica è tra quelli violate è semplice bisogna visitare il sito https://haveibeenpwned.com/ e inserire l’indirizzo interessato. Se comparirà una schermata verde il vostro indirizzo email sarà al sicuro, mentre se lo sfondo sarà rosso significa che l’indirizzo e-mail è presente in qualche database. In questo caso la soluzione migliore è quella di cambiare la password con una più sicura, facendovi aiutare sa un password manager o selezionandone una sufficientemente complessa.

Continua la lettura di 773 milioni di e-mail violate, controlla se c’è anche la tua su Giornale di Lecco.

]]>
Auto in fiamme nei boschi vicino all’Osservatorio VIDEO https://giornaledilecco.it/cronaca/auto-in-fiamme-nei-boschi-vicino-allosservatorio-video/ https://giornaledilecco.it/cronaca/auto-in-fiamme-nei-boschi-vicino-allosservatorio-video/#respond Fri, 18 Jan 2019 20:07:05 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=78005 Auto in fiamme nei boschi situati nei pressi del laghetto di San Rocco a Merate. A lanciare l’allarme  i residenti nella zona. Auto in fiamme nei boschi vicino al laghetto di San Rocco A notare per primi le fiamme che avvolgevano un’auto abbandonata nei boschi, intorno alle 20, sono stati i residenti nella zona che […]

Continua la lettura di Auto in fiamme nei boschi vicino all’Osservatorio VIDEO su Giornale di Lecco.

]]>
Auto in fiamme nei boschi situati nei pressi del laghetto di San Rocco a Merate. A lanciare l’allarme  i residenti nella zona.

Auto in fiamme nei boschi vicino al laghetto di San Rocco

A notare per primi le fiamme che avvolgevano un’auto abbandonata nei boschi, intorno alle 20, sono stati i residenti nella zona che hanno allertato il 112. Immediato l’intervento dei Vigili del fuoco del distaccamento di Merate, che in breve tempo hanno avuto ragione del rogo evitando che potesse propagarsi alla vegetazione intorno.  L’episodio è accaduto in una zona segnalata ai Carabinieri della Compagnia di Merate per la presenza di un sospetto andirivieni di persone dedite allo spaccio.

Continua la lettura di Auto in fiamme nei boschi vicino all’Osservatorio VIDEO su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cronaca/auto-in-fiamme-nei-boschi-vicino-allosservatorio-video/feed/ 0
Lo minacciano con la siringa e lo rapinano appena sceso dal treno https://giornaledilecco.it/cronaca/lo-minacciano-con-la-siringa-e-lo-rapinano-appena-sceso-dal-treno/ Fri, 18 Jan 2019 18:02:48 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=78000 Lo minacciano con la siringa e lo rapinano appena sceso dal treno. E’ accaduto ieri nella stazione di Molteno. L’uomo era appena sceso dal Besanino. Lo minacciano con la siringa e lo rapinano appena sceso dal treno Sarebbe stato rapinato appena sceso dal Besanino alla stazione di Molteno da due giovani, che lo avrebbero prima […]

Continua la lettura di Lo minacciano con la siringa e lo rapinano appena sceso dal treno su Giornale di Lecco.

]]>
Lo minacciano con la siringa e lo rapinano appena sceso dal treno. E’ accaduto ieri nella stazione di Molteno. L’uomo era appena sceso dal Besanino.

Lo minacciano con la siringa e lo rapinano appena sceso dal treno

Sarebbe stato rapinato appena sceso dal Besanino alla stazione di Molteno da due giovani, che lo avrebbero prima minacciato con una siringa per poi costringerlo a consegnare tutto quello che aveva nel portafogli. Circa 400 euro in contanti. 

E’ accaduto ieri pomeriggio, intorno alle 17.30, alla stazione di Molteno, una delle fermate della tratta che da Lecco porta a  Milano passando, tra le altre stazioni, anche per Besana in Brianza.

Le indagini sono in corso: dopo l’accaduto si sono portate sul posto diverse pattuglie dei Carabinieri. Il Comando provinciale di Lecco in queste ore sta appunto cercando di far luce sul grave episodio.

De Corato: “Negli ultimi giorni troppi episodi”

Quanto accaduto ieri nella stazione Lecchese è stato oggetto, oggi, anche dei commenti dell’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale, Riccardo De Corato

“Ritengo necessario che vengano impiegati soldati a presidio delle stazioni lombarde che ancora ne sono sprovviste e a bordo dei treni” – ha detto De Corato. “Questo non è l’unico episodio violento registrato negli ultimi giorni lungo la rete ferroviaria lombarda. Ieri un 26enne ha sfondato il vetro di un convoglio partito da Colico in direzione Milano
Centrale e costretto a rimanere fermo a Monza, creando non pochi disagi ai pendolari”.

QUI TROVATE LA NOTIZIA COMPLETA

“Mercoledì pomeriggio, invece, alla stazione di Erba, un capotreno è stato aggredito da una donna straniera, anche lei poi fuggita, alla quale aveva prima chiesto il biglietto e poi, visto che ne era sprovvista, di scendere”.

Le tratte più a rischio

“Ritengo sia non più rinviabile l’impiego dei militari in determinati luoghi – ha aggiunto – in particolare nelle tratte più critiche come la S9 (Saronno-Seregno-Milano-Albairate), la S8 m(Milano-Carnate-Lecco), la S7 (Lecco-Molteno-Monza-Milano), la Mortara-Milano, la Voghera-Pavia-Milano, la Domodossola-Arona-Milano, la Milano-Carnate-Bergamo così che tengano monitorata la situazione e che servano da deterrente”.

In arrivo rinforzi

“Sono in arrivo nella nostra regione 279 nuovi agenti di Polizia – ha concluso l’assessore regionale – parte dei quali verranno destinati alla Polfer. Purtroppo è chiaro che, nonostante questo piccolo rinforzo da parte del Ministro dell’Interno e i grandi sforzi quotidiani degli agenti della polizia ferroviaria, i circa 600 uomini attualmente utilizzati sono pochi per controllare i 2.500 km della rete ferroviaria lombarda”.

Continua la lettura di Lo minacciano con la siringa e lo rapinano appena sceso dal treno su Giornale di Lecco.

]]>
Incendio nei boschi sul lago: due denunciati. Stavano preparando cibo… https://giornaledilecco.it/cronaca/incendio-nei-boschi-sul-lago-due-denunciati-stavano-preparando-cibo/ https://giornaledilecco.it/cronaca/incendio-nei-boschi-sul-lago-due-denunciati-stavano-preparando-cibo/#comments Fri, 18 Jan 2019 09:26:27 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77887 Ci sono due persone denunciate per il reato di incendio boschivo colposo dopo i fatti di Sorico.  Lo riporta il giornaledicomo.it Due denunciati per incendio boschivo colposo a Sorico Il personale del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale del Gruppo Carabinieri Forestale di Como e dei Comandi Stazione di Gera Lario e Pellio Intelvi ha […]

Continua la lettura di Incendio nei boschi sul lago: due denunciati. Stavano preparando cibo… su Giornale di Lecco.

]]>
Ci sono due persone denunciate per il reato di incendio boschivo colposo dopo i fatti di Sorico.  Lo riporta il giornaledicomo.it

Due denunciati per incendio boschivo colposo a Sorico

Il personale del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale del Gruppo Carabinieri Forestale di Como e dei Comandi Stazione di Gera Lario e Pellio Intelvi ha denunciato due persone in merito all’evento di Sorico nella giornata di domenica 30 dicembre 2018. I due facevano parte di un gruppo di amici che voleva trascorrere la fine dell’anno in una baita della zona.

LEGGI ANCHE  Allarme incendi: revocato il codice arancione

Stavano preparando il cibo

Sulla base delle indagini effettuate dai reparti interessati è stato accertato che l’evento ha avuto origine in corrispondenza di un punto di cottura limitrofo ad una baita in località Fordeccia. Stavano preparando cibo che doveva essere consumato per il pranzo del giorno in cui si è sviluppato l’incendio. Le condizioni climatiche della giornata, caratterizzate da un vento particolarmente intenso, hanno fatto sì che la brace utilizzata per la cottura provocasse l’innesco delle fiamme nella vegetazione secca di un prato vicino all’abitazione. In pochissimi secondi la combustione si è propagata alle aree boscate limitrofe trasformandosi in un incendio incontrollabile.

La conta dei danni

Gli accertamenti dei Carabinieri forestali, svolti attraverso l’applicazione di tecniche di indagine basate sull’applicazione del metodo delle evidenze fisiche, hanno consentito di individuare l’area di inizio dell’evento e risalire, tramite ulteriori approfondimenti, ai responsabili dell’incendio. L’evento, che a causa del perdurare delle condizioni di vento intenso si è protratto per diverse settimane ed è stato dichiarato estinto soltanto nella giornata di ieri, ha comportato la distruzione di una superficie di circa 1000 ettari di bosco di cui 350 ettari di conifere, per lo più pinete di pino silvestre, e 650 ettari di latifoglie (carpino, castagno e faggio). L’intensità delle fiamme ha cagionato anche il danneggiamento e la distruzione di diversi fabbricati, il ferimento di una persona e la morte di decine di animali(pecore, conigli, ecc) custoditi presso alcune stalle della zona. Nelle operazioni di spegnimento sono stati impegnati per diversi giorni decine operatori tra forze dell’ordine, vigili del fuoco, volontari e dipendenti degli enti territoriali, e si è reso necessario per diverse centinaia di ore l’impiego di mezzi aerei antincendio costituiti da Canadair ed elicotteri.

Continua la lettura di Incendio nei boschi sul lago: due denunciati. Stavano preparando cibo… su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cronaca/incendio-nei-boschi-sul-lago-due-denunciati-stavano-preparando-cibo/feed/ 1
Maltempo: dalla Regione arrivano i fondi per il Lecchese https://giornaledilecco.it/attualita/maltempo-dalla-regione-arrivano-i-fondi-per-il-lecchese/ https://giornaledilecco.it/attualita/maltempo-dalla-regione-arrivano-i-fondi-per-il-lecchese/#respond Fri, 18 Jan 2019 16:51:19 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77988 “Regione Lombardia ha stanziato per la nostra Provincia 75.000 euro per il finanziamento di 4 azioni di ripristino dei danni arrecati alle foreste dagli eccezionali eventi atmosferici del 29 e 30 ottobre 2018 (denominati ‘tempesta ‘Vaia’)”. Lo ha reso noto, Mauro Piazza Consigliere regionale di Forza Italia. Maltempo: dalla Regione arrivano i fondi per il […]

Continua la lettura di Maltempo: dalla Regione arrivano i fondi per il Lecchese su Giornale di Lecco.

]]>
“Regione Lombardia ha stanziato per la nostra Provincia 75.000 euro per il finanziamento di 4 azioni di ripristino dei danni arrecati alle foreste dagli eccezionali eventi atmosferici del 29 e 30 ottobre 2018 (denominati ‘tempesta ‘Vaia’)”. Lo ha reso noto, Mauro Piazza Consigliere regionale di Forza Italia.

Maltempo: dalla Regione arrivano i fondi per il Lecchese

“Regione Lombardia -sottolinea Piazza- si è mossa subito dopo quell’evento atmosferico eccezionale per raccogliere le richieste degli Enti locali e accelerare così gli interventi .Gli interventi finanziati riguarderanno il taglio ed esbosco di alberi caduti, la sistemazione idraulico-forestale (riassetto idrogeologico, regimazione idraulica, consolidamento di versanti in frana ) e la manutenzione straordinaria per il ripristino della viabilità agro-silvo-pastorale” prosegue il Consigliere regionale.

Contributi alle Comunità Montane

“Per la provincia di Lecco sono stati stanziati 75.000 euro: 17.800 euro andranno alla Comunità montana Lario Orientale, Valle San Martino, mentre alla Comunità montana Valsassina, Valvarrone, Val d’Esino e Riviera verrà erogato un finanziamento per un importo pari 44.000 euro per il collegamento stradale Alpe Dolcigo e ripristino danni forestali a Crandola Valssasina, ed ulteriori 13.600 euro per la messa in sicurezza della località Cornisella a Pasturo” conclude l’azzurro. “Ringrazio i tecnici della comunità Montana, Regione Lombardia e il Consigliere regionale Mauro Piazza per l’attenzione che dimostra alla fragilità del nostro territorio” dichiara Matteo Manzoni, Sindaco di Crandola Valsassina.

Continua la lettura di Maltempo: dalla Regione arrivano i fondi per il Lecchese su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/attualita/maltempo-dalla-regione-arrivano-i-fondi-per-il-lecchese/feed/ 0
Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek VIDEO https://giornaledilecco.it/politica/anci-lombardia-e-upl-in-visita-nella-sede-netweek-video/ Fri, 18 Jan 2019 15:43:45 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77980 Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek. L’incontro a Merate di oggi, venerdì 18 gennaio, è stata l’occasione per fare il punto sul ruolo della Casa dei Comuni e sulle prospettive dell’Unione delle Province lombarde. Anci Lombardia e Upl Un’occasione per confrontarsi sulle sfide del futuro, per mettere in rete strategie e tracciare […]

Continua la lettura di Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek VIDEO su Giornale di Lecco.

]]>
Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek VIDEOAnci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek. L’incontro a Merate di oggi, venerdì 18 gennaio, è stata l’occasione per fare il punto sul ruolo della Casa dei Comuni e sulle prospettive dell’Unione delle Province lombarde.

Anci Lombardia e Upl

Un’occasione per confrontarsi sulle sfide del futuro, per mettere in rete strategie e tracciare le linee guida di quanto fatto finora. L’incontro avvenuto oggi, venerdì 18 gennaio, nella sede del nostro gruppo editoriale Netweek nella sede di Merate tra Anci Lombardia e Upl – Unione delle Province lombarde – è stata un’opportunità per cononoscere da vicino il ruolo delle due istituzioni e mostrare le potenzialità offerte dal nostro Gruppo nell’ambito dell’editoria, sia cartacea che digital.

 

Le delegazioni presenti

In rappresentanza di Anci Lombardia c’erano il presidente Virginio Brivio, il segretario generale Rinaldo Redaelli, il vice segretario Egidio Longoni, il presidente del dipartimento Anci e assessore di Monza, Pierfranco Maffè, il presidente del dipartimento Anci e sindaco di Cologno Monzese, Dania Perego, Onelia Rivolta e Pietro Maria Sekules per AnciLab, Lauro Sangaletti responsabile relazioni esterne Anci, Laura Bello e Giorgio Oldrini dell’Ufficio comunicazione. Per Upl, invece, c’erano il presidente Vittorio Poma, il responsabile della segreteria Dario Rigamonti, il presidente della Provincia di Lecco, Claudio Usuelli e Stefano Donarini dell’Ufficio comunicazione. Ospiti il sindaco di Monza, Dario Allevi, Marco Scaramellini sindaco di Sondrio e Vincenzo Magistrelli, primo cittadino di Pogliano Milanese.

La visita alla sede

Prima di entrare nel vivo della tavola rotonda che ha visto come protagonisti il presidente di Anci Lombardia, Virginio Brivio, il presidente di Upl, Vittorio Poma, i cui interventi sono stati mediati dal responsabile dell’area Monza del Gruppo Netweek, Maurizio Colombo e dal collega Stefano Giudici, responsabile del nostro settimanale “Settegiorni”, tutti i presenti hanno visitato gli spazi della sede di Merate. Poi il gruppo si è diretto nell’auditorium per iniziare il confronto sui temi all’ordine del giorno.

Virginio Brivio, Anci Lombardia

“Anci è un po’ un sindacato dei Comuni, una vera e propria Casa dei Comuni – ha introdotto Brivio – Ma non solo di quelli più grandi. Funzioniamo come un supporto in tutte le occasioni in cui, per esempio, bisogna attuare provvedimenti attuativi. Siamo degli interlocutori, in altre parole, tra Comuni, Governo nazionale e regionale”. Un ente in grado di “fare servizi” per i Comuni, quindi, anche gestionali, grazie alla collaborazione con la società AnciLab. “Oltre a quelle che sono le nostre prerogative – ha continuato – stiamo pensando a una terza via. Vogliamo investire sui progetti. Partiamo, come sindaci, dai problemi di tutti i giorni per dare delle risposte ai cittadini. In questo quadro è importante registrare il ruolo crescente degli amministratori di condominio, che si stanno gradualmente imponendo come interlocutori tra le istituzioni e i cittadini. Perché per ottenere risultati serve il contributo di tutti”.

Tutti gli approfondimenti sulla visita, le fotografie e le interviste ai protagonisti sui settimanali del gruppo Netweek in edicola da lunedì.

Continua la lettura di Anci Lombardia e Upl in visita nella sede Netweek VIDEO su Giornale di Lecco.

]]>
Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna https://giornaledilecco.it/cronaca/trovato-nel-bresciano-il-corpo-carbonizzato-di-una-donna/ Fri, 18 Jan 2019 20:28:34 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=78022 Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna. A scoprirlo e ad allertare le Forze dell’ordine è stato un ciclista di passaggio. Al vaglio le denunce di scomparsa. Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna Macabro ritrovamento questo pomeriggio intorno alle 15 nelle campagne di Erbusco, in Franciacorta (Brescia). Qui, un ciclista […]

Continua la lettura di Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna su Giornale di Lecco.

]]>

Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna. A scoprirlo e ad allertare le Forze dell’ordine è stato un ciclista di passaggio. Al vaglio le denunce di scomparsa.

Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna

Macabro ritrovamento questo pomeriggio intorno alle 15 nelle campagne di Erbusco, in Franciacorta (Brescia). Qui, un ciclista di passaggio ha allertato i Carabinieri dopo aver notato la presenza di un corpo carbonizzato abbandonato nell’erba. Corpo che risulta essere irriconoscibile ma dal busto e dal bacino risulta essere quello di una donna.

A riportare la notizia sono i nostri colleghi di BresciaSettegiorni.it. Le indagini sono in corso e intanto la Procura di Brescia ha confermato potrebbe trattarsi di omicidio.

“Riteniamo si tratti di omicidio”, ha confermato la Procura di Brescia che sta ora vagliando tutte le denunce di scomparsa.

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI E GUARDA GLI ALTRI VIDEO SU BRESCIASETTEGIORNI.IT

Continua la lettura di Trovato nel Bresciano il corpo carbonizzato di una donna su Giornale di Lecco.

]]>
Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata” VIDEO https://giornaledilecco.it/politica/vittorio-poma-upl-la-riforma-delrio-e-stata-una-scelta-scellerata-video/ Fri, 18 Jan 2019 15:42:44 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77977 Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata”. Duro l’affondo del presidente dell’Unione delle Province lombarde, soprattutto in merito alla riforma del Titolo V della Costituzione. Vittorio Poma, Upl “Il ruolo dell’Unione delle Province lombarde in questi anni? Curare la depressione degli amministratori provinciali, sedare gli isterismi e somministrare lezioni di ottimismo”. […]

Continua la lettura di Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata” VIDEO su Giornale di Lecco.

]]>

Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata”. Duro l’affondo del presidente dell’Unione delle Province lombarde, soprattutto in merito alla riforma del Titolo V della Costituzione.

Vittorio Poma, Upl

“Il ruolo dell’Unione delle Province lombarde in questi anni? Curare la depressione degli amministratori provinciali, sedare gli isterismi e somministrare lezioni di ottimismo”. Non ha usato mezzi termini il presidente dell’Upl in occasione dell’incontro che si è tenuto oggi, venerdì 18 gennaio nella sede del nostro gruppo editoriale Netweek insieme ad Anci Lombardia, per descrivere lo scenario generato dalla riforma Delrio. “La situazione che stanno vivendo numerosi amministratori provinciali è davvero drammatica – ha proseguito – E i presidenti delle province possono davvero a buon titolo essere definiti come dei capitani coraggiosi, o come degli irresponsabili”. E poi ha continuato l’affondo. “Questo per colpa di una legislazione scellerata, di riforme come la Delrio ma anche come tante altre leggi di accompagnamento. Mi vien da dire che tutte quelle scelte avevano un solo obiettivo: togliere risorse alle province”.

Continua la lettura di Vittorio Poma, Upl: “La riforma Delrio è stata una scelta scellerata” VIDEO su Giornale di Lecco.

]]>
Mercato, teatro, tribunale: progetti per la Lecco di domani https://giornaledilecco.it/politica/mercato-teatro-tribunale-progetti-per-la-lecco-di-domani/ https://giornaledilecco.it/politica/mercato-teatro-tribunale-progetti-per-la-lecco-di-domani/#respond Fri, 18 Jan 2019 13:34:25 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77958 Mercato, teatro, tribunale: progetti per la Lecco di domani. Durante l’ultima seduta infatti il Consiglio Comunale di Lecco ha approvato uno dei documenti più importanti della pubblica amministrazione di un Comune, il suo bilancio di previsione, con un equilibrio di bilancio di 54 milioni di euro nella parte di spesa ed entrata corrente e di 21 […]

Continua la lettura di Mercato, teatro, tribunale: progetti per la Lecco di domani su Giornale di Lecco.

]]>
Mercato, teatro, tribunale: progetti per la Lecco di domani. Durante l’ultima seduta infatti il Consiglio Comunale di Lecco ha approvato uno dei documenti più importanti della pubblica amministrazione di un Comune, il suo bilancio di previsione, con un equilibrio di bilancio di 54 milioni di euro nella parte di spesa ed entrata corrente e di 21 milioni per la parte in conto capitale, quella dedicata agli investimenti 2019. “Ed è su questo punto, su questa ritrovata possibilità di applicare risorse alla crescita del nostro territorio attraverso la realizzazione di opere pubbliche di una certa importanza e dimensione, che mi voglio soffermare – spiega il primo cittadino Virginio Brivio attraverso la sua newsletter –  Con il bilancio di previsione approvato abbiamo infatti stabilito un triennio di impegni in questo senso e nel triennio 2019-2020 il Comune di Lecco destinerà ben 35 milioni di euro agli investimenti”.

Mercato, teatro, tribunale e non solo

Nel 2019, accanto alla storica acquisizione dell’area mercatale di Lecco (5,6 milioni) e alla sua messa in sicurezza (ulteriori 200 mila auro), al recupero dell’edificio scolastico di via Ghislanzoni (2 milioni), all’ampliamento del Palazzo di Giustizia di Lecco (7,6 milioni) e alla necessaria manutenzione straordinaria del Teatro della Società (1,3 milioni di euro) saranno effettuati gli interventi di manutenzione straordinaria delle scuole Cesare Battisti e Antonio Stoppani (650 mila euro).

LEGGI ANCHE L’area della Piccola è del Comune: esulta il Pd di Lecco

 

“Non solo, complessivamente ben 770 mila euro saranno dedicati alle strade, alle vie e piazze cittadine e alla segnaletica stradale, mentre complessivi 470 mila serviranno alla sistemazione del suolo e agli interventi per contrastare il rischio di dissesto idrogeologico. 200 mila euro sono riservati alla manutenzione straordinaria del ponte Kennedy, 150 mila alla pubblica illuminazione e, ancora, oltre 70 mila all’eliminazione delle barriere architettoniche” sottolinea il sindaco.

 

2020: progetti per la Lecco di domani

Nel 2020 le risorse saranno concentrate sull’importante ristrutturazione dell’edificio acquisito in via Marco D’Oggiono e destinato a dare una nuova dignitosa e moderna sede agli uffici del Municipio e ai cittadini di Lecco (4 milioni)

LEGGI ANCHE Il Comune trasloca nell’ex Poli: Pd “Solo aspetti positivi”

1,5 milioni contribuiranno al restauro di Villa Manzoni, già in corso. Gli stanziamenti per la riqualificazione del lungolago (2 milioni) e per la realizzazione del porto turistico della Malpensata (1,1 milione) sono stati programmati per il 2021.

Continua la lettura di Mercato, teatro, tribunale: progetti per la Lecco di domani su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/politica/mercato-teatro-tribunale-progetti-per-la-lecco-di-domani/feed/ 0
Valgreghentino, svelato il nuovo candidato sindaco di “Rinnovamento e Partecipazione” https://giornaledilecco.it/politica/valgreghentino-candidato-rinnovamento/ https://giornaledilecco.it/politica/valgreghentino-candidato-rinnovamento/#respond Fri, 18 Jan 2019 15:44:52 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77974 E’ il giovanissimo Matteo Colombo, 29 anni il prossimo mese, il nuovo candidato sindaco per le prossime elezioni comunali del gruppo civico “Rinnovamento e Partecipazione”. Colombo, attuale assessore, raccogliere il testimone del sindaco Sergio Brambilla che ha deciso di non ricandidarsi per il secondo mandato. Passaggio di consegne Nella giornata di oggi, venerdì 28 gennaio, l’attuale […]

Continua la lettura di Valgreghentino, svelato il nuovo candidato sindaco di “Rinnovamento e Partecipazione” su Giornale di Lecco.

]]>
E’ il giovanissimo Matteo Colombo, 29 anni il prossimo mese, il nuovo candidato sindaco per le prossime elezioni comunali del gruppo civico “Rinnovamento e Partecipazione”. Colombo, attuale assessore, raccogliere il testimone del sindaco Sergio Brambilla che ha deciso di non ricandidarsi per il secondo mandato.

Passaggio di consegne

Nella giornata di oggi, venerdì 28 gennaio, l’attuale sindaco Sergio Brambilla ha svelato il nome del nuovo candidato del gruppo “Rinnovamento e Partecipazione” alle prossime elezioni: si tratta del giovane assessore Matteo Colombo. “Dopo 25 anni in Consiglio Comunale ho deciso di non ricandidarmi al ruolo di sindaco per motivi personali e lavorativi – ha detto Brambilla – Il mio però non è un addio, anzi, continuo a credere fortemente nel progetto di “Rinnovamento e Partecipazione” e cercherò di continuare a collaborare con loro”. Raccoglie il testimone il giovane Matteo Colombo. “Ho accettato con grande entusiasmo, pur sapendo che si tratta di una vera e propria scelta di vita, soprattutto alla mia età. Sono pronto però a dare il massimo sempre nel segno della continuità”.

Continua la lettura di Valgreghentino, svelato il nuovo candidato sindaco di “Rinnovamento e Partecipazione” su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/politica/valgreghentino-candidato-rinnovamento/feed/ 0
Novità maturità 2019, ecco le materie e la data VIDEO https://giornaledilecco.it/economia/novita-maturita-2019-ecco-materie-e-data/ Fri, 18 Jan 2019 14:27:09 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77967 Maturità 2019, il Ministro Bussetti annuncia su Facebook le materie della seconda prova “Organizzeremo giornate nazionali per la simulazione degli scritti”. Più discipline Come si legge sul sito del MIUR, la prova quest’anno riguarderà più discipline caratterizzanti l’indirizzo di studi, fatta eccezione per quegli indirizzi in cui la disciplina caratterizzante è una sola. Una novità […]

Continua la lettura di Novità maturità 2019, ecco le materie e la data VIDEO su Giornale di Lecco.

]]>

Maturità 2019, il Ministro Bussetti annuncia su Facebook le materie della seconda prova “Organizzeremo giornate nazionali per la simulazione degli scritti”.

Più discipline

Come si legge sul sito del MIUR, la prova quest’anno riguarderà più discipline caratterizzanti l’indirizzo di studi, fatta eccezione per quegli indirizzi in cui la disciplina caratterizzante è una sola. Una novità possibile in base al decreto legislativo 62 del 2017 che ha riformato l’Esame.

Materie

In particolare, ci saranno Latino e Greco per il Liceo classico, Matematica e Fisica allo Scientifico, Scienze umane e Diritto ed Economia politica per il Liceo delle Scienze umane – opzione economico sociale, Discipline turistiche e aziendali e Inglese per l’Istituto tecnico per il turismo, Informatica e Sistemi e reti per l’Istituto tecnico indirizzo informatica, Scienze degli alimenti e Laboratorio di servizi enogastronomici per l’Istituto professionale per i servizi di enogastronomia. Questi alcuni esempi. L’elenco completo delle discipline oggetto della prova è disponibile da oggi sul sito del Ministero.

CLICCA QUI per scoprire le materie

In largo anticipo

“Comunichiamo le materie con largo anticipo – sottolinea il Ministro nel video di annuncio pubblicato su Facebook, rivolgendosi agli studenti -. Come sapete da quest’anno ci sono delle novità. Per questo da ottobre abbiamo cominciato a fornire tutte le informazioni utili per le prove a voi e ai vostri docenti. Per sostenervi nella vostra preparazione organizzeremo delle simulazioni della prima e della seconda prova. Si svolgeranno nei mesi di febbraio, marzo e aprile”, ha annunciato Bussetti.

Calendario simulazioni

Le simulazioni nazionali si terranno secondo il seguente calendario:

Prima prova scritta: 19 febbraio e 26 marzo.
Seconda prova scritta: 28 febbraio e 2 aprile.
È la prima volta che il MIUR organizza simulazioni di questo tipo. La volontà è quella di sostenere il più possibile ragazzi e docenti nella preparazione del nuovo Esame. Con un’apposita circolare saranno fornite alle scuole tutte le indicazioni operative. Intanto il Ministero ha già pubblicato, nel mese di dicembre, alcuni esempi di traccia, sia per la prima che per le seconde prove. Per illustrare a studenti e docenti le nuove regole sono stati effettuati anche specifici incontri sul territorio. Lo stesso Ministro Bussetti si è confrontato con oltre 300 studenti a Milano. Nuovi momenti di incontro saranno organizzati con i ragazzi a febbraio e marzo.

Prova orale

Il decreto con le materie pubblicato oggi illustra anche le modalità di svolgimento del colloquio orale che sarà, come sempre, pluridisciplinare. La commissione partirà proponendo agli studenti di analizzare testi, documenti, esperienze, progetti, problemi che saranno lo spunto per sviluppare il colloquio. I materiali di partenza saranno predisposti dalle stesse commissioni, nei giorni che precedono l’orale, tenendo conto del percorso didattico effettivamente svolto dagli studenti descritto nel documento che i Consigli di classe consegneranno come ogni anno in vista degli Esami. Il giorno della prova, per garantire la massima trasparenza e pari opportunità ai candidati, saranno gli stessi studenti a sorteggiare i materiali sulla base dei quali sarà condotto il colloquio. Durante l’orale i candidati esporranno anche le esperienze di alternanza scuola-lavoro svolte. Una parte del colloquio riguarderà, poi, le attività fatte nell’ambito di “Cittadinanza e costituzione”, sempre tenendo conto delle indicazioni fornite dal Consiglio di classe sui percorsi effettivamente svolti.

Sia la prima che la seconda prova scritta, da quest’anno, saranno corrette secondo griglie nazionali di valutazione che sono state diffuse nel mese di novembre. Nel decreto con le materie pubblicato oggi sono individuate anche le discipline affidate a commissari esterni.

Continua la lettura di Novità maturità 2019, ecco le materie e la data VIDEO su Giornale di Lecco.

]]>
Le conseguenze del Decreto Sicurezza a Lecco: l’appello agli amministratori FOTO E VIDEO https://giornaledilecco.it/attualita/le-conseguenze-del-decreto-sicurezza-a-lecco-lappello-agli-amministratori-foto-e-video/ https://giornaledilecco.it/attualita/le-conseguenze-del-decreto-sicurezza-a-lecco-lappello-agli-amministratori-foto-e-video/#respond Fri, 18 Jan 2019 10:20:02 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77892 Decreto Sicurezza: Lecco ha sete di sapere quali saranno le conseguenze sul territorio. Lo ha ben  dimostrato il folto pubblico (Sala Ticozzi gremita al di là delle più rosee aspettative degli organizzatori) che nella serata di ieri, giovedì 17 gennaio ha preso parte alla  serata promossa da  Anpi provinciale di Lecco, Arci Spazio Condiviso, DinamoCulturale, […]

Continua la lettura di Le conseguenze del Decreto Sicurezza a Lecco: l’appello agli amministratori FOTO E VIDEO su Giornale di Lecco.

]]>

Decreto Sicurezza: Lecco ha sete di sapere quali saranno le conseguenze sul territorio. Lo ha ben  dimostrato il folto pubblico (Sala Ticozzi gremita al di là delle più rosee aspettative degli organizzatori) che nella serata di ieri, giovedì 17 gennaio ha preso parte alla  serata promossa da  Anpi provinciale di Lecco, Arci Spazio Condiviso, DinamoCulturale, Les Cultures, Comunità Il Gabbiano Onlus, ARCI Lecco, Qui Lecco Libera, Comitato Noi Tutti Migranti, CGIL, CISL, UIL, ANOLF, ANPI, ARCI, Ass. Senegalesi di Lecco, Circolo Arci Lezioni al campo, Comunità Via Gaggio, L’altra Via, Mani Tese, Pax Christi, Rete Radiè Resh sulle nuove norme nel campo dell’immigrazione introdotte dal decreto che porta la firma del ministro Matteo Salvini (Sul Giornale di Lecco in edicola da lunedì una pagina speciale dedicata alla serata con tutti gli approfondimenti).

 

Il presidente dell’Anpi Lecco

A introdurre la serata è stato Enrico Avagnina che ha posto l’accento sul contrasto tra la nostra Costituzione e le nuove norme invocando di fatto una reazione da parte della società civile. “Come durante il Fascismo una minoranza di persone  riuscì a ridare dignità a un  intero Paese,  dopo il disastro morale in cui era stato trascinato così anche oggi una minoranza di donne e uomini di alta coscienza può riscattare il nostro paese” (vedi video in apertura)

Addio protezione umanitaria

All’incontro, organizzato con il patrocinio del Comune di Lecco e coordinato da Duccio Facchini, hanno partecipato l’avvocato Giulia Vicini, socio dell’Associazione studi giuridici sull’immigrazione, che ha illustrato nel dettaglio le novità introdotte dal provvedimento del Governo Gialloverde a partire dalla totale abolizione della protezione umanitaria e all’introduzione di una visione estremamente restrittiva nel campo della tutela dei diritti fondamentali dell’uomo garantiti dalla nostra Carta e dal diritto internazionale. Aspetto che è stato messo in luce anche da Brizida Haznedari, operatrice della cooperativa L’Arcobaleno di Lecco. “Senza protezione umanitaria vengono meno una serie di diritti fondamentali come la possibilità di iscriversi all’anagrafe dei comuni, quella di accedere a bandi per la residenza, quella di iscriversi ai centri per l’impiego, quella di avere un assistenza sanitaria…”

Crolla i sistema di accoglienza sul territorio lecchese

Ma tra gli aspetti fondamentali emersi durante la serata c’è quello messo in luce soprattutto da Filippo Galbiati, primo cittadino di  Casatenovo e presidente dei sindaci del distretto di Lecco. “Lecco ha creato un modello di accoglienza virtuoso che ora, a causa del decreti Sicurezza, sta crollando. E a pagarne le conseguenze saranno i Comuni e quindi tutti i cittadini. Ciò sia da un punto di vista prettamente economico, quanto da quello della sicurezza a causa delle persone che il decreto porterebbe in strada”.  Un rischio concreto che però Lecco non vuole correre. “Non non vogliamo comunque lasciare in strada nessuno” ha sottolineato Galbiati che di fatto ha già dato una prima risposta all’appello lanciato dai promotori della serata che riportiamo integralmente.

Le conseguenze del Decreto Sicurezza a Lecco

“Come ha ben sintetizzato la rivista Questione Giustizia “Il decreto legge 113/2018 (cd. decreto Salvini), convertito con l. 132/2018, rivela un disegno unificatore, lucido e crudele: colpire gli emarginati, privandoli di dignità e diritti”.
L’attacco ai diritti, la violazione dei principi della Costituzione e la promozione dell’intolleranza, in atto nel nostro Paese, ci indignano e preoccupano. Così come la trattazione congiunta di immigrazione e sicurezza nel decreto, operazione che ha “l’evidente obiettivo di indurre (o consolidare) la convinzione che i responsabili dell’insicurezza diffusa sono i migranti e di contribuire alla realizzazione di un nazionalismo autoritario” (Livio Pepino).
Le conseguenze del decreto legge in materia di immigrazione e sicurezza, con le dovute distinzioni di contesto, sono e saranno drammatiche anche nella provincia di Lecco. Si pensi ad esempio all’allontanamento di persone meritevoli di protezione dai circuiti dell’accoglienza, all’aggravarsi di situazioni di marginalità, esclusione e vulnerabilità sociale, alla creazione di un inefficiente sistema “parcheggio” concentrato in centri di grandi dimensioni con drastica riduzione di servizi, a danno del modello di accoglienza diffusa, smantellato dal Governo”.

L’appello agli amministratori

“Ci appelliamo quindi a tutti gli amministratori locali del territorio -chiamati dalla Costituzione sulla quale hanno prestato giuramento ad adempiere alle proprie funzioni pubbliche con disciplina e onore- a promuovere ogni iniziativa che conduca a un ripensamento politico e ogni azione, anche giudiziaria, idonea ad abrogare le norme ingiuste contenute nel decreto o a farne dichiarare dalla Corte costituzionale l’illegittimità. L’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione (ASGI) -attiva dagli anni 90 a livello nazionale e locale nell’analisi e nello studio della disciplina della condizione degli stranieri asilanti e migranti presenti sul territorio, dell’evoluzione normativa e nella tutela dei diritti- ha già annunciato la propria “completa disponibilità a fornire il pieno appoggio e il pieno sostegno” a iniziative di questo tipo: pensiamo sia un’opportunità preziosa da approfondire e raccogliere.
 Accanto a questo invitiamo gli amministratori del territorio ad attivarsi per istituire e rafforzare ulteriormente progetti di accoglienza diffusa, con particolare attenzione agli “esclusi” dal sistema nazionale (tra i quali richiedenti asilo, titolari di permesso di soggiorno per motivi umanitari, titolari di permesso di soggiorno per protezione speciale (regime transitorio)), e a promuovere l’organizzazione di corsi di italiano e di formazione professionale , siano questi fuori o dentro i centri di accoglienza. Potrebbe inoltre essere utile organizzare momenti pubblici di informazione e dibattito sui contenuti e sul quadro di riferimento del decreto.
Alla luce di quanto avvenuto a Napoli, Parma, Palermo e in altre città, a proposito dell’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo, invitiamo i sindaci e gli assessori comunali competenti della provincia di Lecco a emanare tutti i provvedimenti possibili utili a consentire la assoluta parità di diritti dei richiedenti asilo, nell’ambito della normativa vigente. Chiediamo quindi che vengano impartite istruzioni precise ai propri uffici circa il diritto del richiedente di accedere a tutti i servizi (pubblici e privati) erogabili sul territorio comunale (corsi di formazione, di istruzione, Centro per l’impiego, nidi, scuole, banche e quant’altro), facendo applicare rigorosamente l’art. 5, co. 3 d.lgs 142/2015. Che recita: “L’accesso ai servizi comunque erogati sul territorio ai sensi delle norme vigenti è assicurato nel luogo di domicilio”.

 

Ci appelliamo infine alla prefettura di Lecco in riferimento ai provvedimenti di cessazione delle misure di accoglienza presso i CAS adottati nei confronti di titolari di permesso di soggiorno per motivi umanitari (anche donne con bambini) a seguito di domanda presentata anche prima del 5.10.2018, data di entrata in vigore del decreto.
Come Asgi ha già segnalato alla prefettura di Potenza (e non solo), è errato sostenere che il decreto legge abbia escluso la possibilità di trasferire negli SPRAR i titolari di permesso di soggiorno per richiesta asilo o protezione umanitaria.
Infatti ASGI afferma che “coloro che avevano presentato domanda di protezione internazionale prima del 5.10.2018 avrebbero avuto pieno diritto di accedere allo SPRAR e solo un fatto contingente (persistenti deficienze organizzative della pubblica amministrazione), non da loro dipendente, quale la mancanza di posti disponibili ha impedito che nei confronti di parte dei richiedenti asilo la norma (art. 14 d.lgs. 142/2015) trovasse piena e corretta applicazione. Ma ciò non significa che queste persone non abbiano diritto di accedere allo SPRAR oggi o, comunque, che alle stesse non debba essere garantito, pur dentro una struttura diversa, il godimento di diritti identici a quelli di chi era già accolto o trasferito in un centro afferente allo SPRAR, perché il diritto all’accesso nel sistema è sorto al momento della presentazione della domanda di protezione”.

Continua la lettura di Le conseguenze del Decreto Sicurezza a Lecco: l’appello agli amministratori FOTO E VIDEO su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/attualita/le-conseguenze-del-decreto-sicurezza-a-lecco-lappello-agli-amministratori-foto-e-video/feed/ 0
Lario basso e inquinato: mercoledì ne discute la Commissione regionale Ambiente https://giornaledilecco.it/politica/lario-basso-e-inquinato-mercoledi-ne-discute-la-commissione-regionale-ambiente/ https://giornaledilecco.it/politica/lario-basso-e-inquinato-mercoledi-ne-discute-la-commissione-regionale-ambiente/#respond Fri, 18 Jan 2019 11:55:27 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77932 Lario basso e inquinato: si terrà mercoledì prossimo, 23 gennaio, l’audizione richiesta dal M5S Lombardia in Commissione regionale Ambiente sui problemi del Lago di Como. LEGGI ANCHE  Allarme siccità, lago basso: il Lario ha sete FOTO IMPRESSIONANTI Lago invaso dalla plastica La situazione del lago basso e inquinato approda in Regione  “Dopo l’ennesimo sollecito, finalmente, […]

Continua la lettura di Lario basso e inquinato: mercoledì ne discute la Commissione regionale Ambiente su Giornale di Lecco.

]]>
Lario basso e inquinato: si terrà mercoledì prossimo, 23 gennaio, l’audizione richiesta dal M5S Lombardia in Commissione regionale Ambiente sui problemi del Lago di Como.

LEGGI ANCHE 

Allarme siccità, lago basso: il Lario ha sete FOTO IMPRESSIONANTI

Lago invaso dalla plastica

La situazione del lago basso e inquinato approda in Regione

 “Dopo l’ennesimo sollecito, finalmente, il Consiglio regionale e i commissari che si occupano di ambiente saranno aggiornati sui gravi problemi nei quali versa il Lago Di Como. Mi auguro che l’audizione sia l’inizio di un percorso virtuoso che possa trovare soluzioni concrete all’inquinamento da microplastiche e al problema del livello delle acque che è tenuto artificiosamente e costantemente sotto lo zero idrometrico” commenta Raffaele Erba, consigliere regionale del M5S Lombardia. “L’economia della zona dipende dal nostro lago ed è ora che la Regione Lombardia faccia la sua parte”.

Continua la lettura di Lario basso e inquinato: mercoledì ne discute la Commissione regionale Ambiente su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/politica/lario-basso-e-inquinato-mercoledi-ne-discute-la-commissione-regionale-ambiente/feed/ 0
Alunni delle elementari a tu per tu con il presidente Mattarella https://giornaledilecco.it/cronaca/alunni-dal-presidente-mattarella/ https://giornaledilecco.it/cronaca/alunni-dal-presidente-mattarella/#respond Fri, 18 Jan 2019 13:53:13 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77962 Alunni delle elementari di Valmadrera a colloquio con il presidente Sergio Mattarella. L’incontro con il presidente Mattarella è fissato per il 28 gennaio Nei giorni scorsi la dirigente scolastica Stefania Perego ha ricevuto la comunicazione dal Ministero dell’Istruzione che lunedì 28 gennaio una delegazione delle classi quinte sarà ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, […]

Continua la lettura di Alunni delle elementari a tu per tu con il presidente Mattarella su Giornale di Lecco.

]]>
Alunni delle elementari di Valmadrera a colloquio con il presidente Sergio Mattarella.

L’incontro con il presidente Mattarella è fissato per il 28 gennaio

Nei giorni scorsi la dirigente scolastica Stefania Perego ha ricevuto la comunicazione dal Ministero dell’Istruzione che lunedì 28 gennaio una delegazione delle classi quinte sarà ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica, nell’ ambito dei percorsi di cittadinanza attiva, promossi per avvicinare i giovani alle istituzioni. In tale occasione il Presidente Mattarella incontrerà, presso il Palazzo del Quirinale, alcune delegazioni di studenti provenienti da tutta Italia.

“Una splendida notizia per la comunità di Valmadrera”

Gli studenti avranno anche la possibilità di visitare il Palazzo del Quirinale prima dell’udienza prevista alle 12, durante la quale gli stessi potranno rivolgere alcune domande al Presidente. La dirigente scolastica Perego e il sindaco Donatella Crippa saranno tra gli accompagnatori dell’importante iniziativa. “Una splendida notizia per la comunità di Valmadrera – recita il comunicato diramato dal Comune – L’Amministrazione comunale e la Giunta in particolare ringraziano la dottoressa Perego e i docenti ed evidenziano la propria gratitudine verso la nostra scuola”.

Continua la lettura di Alunni delle elementari a tu per tu con il presidente Mattarella su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cronaca/alunni-dal-presidente-mattarella/feed/ 0
Quanto cosa vivere a Lecco? I DATI https://giornaledilecco.it/attualita/quanto-cosa-vivere-a-lecco-i-dati/ https://giornaledilecco.it/attualita/quanto-cosa-vivere-a-lecco-i-dati/#respond Fri, 18 Jan 2019 06:34:12 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77858 Quanto cosa vivere a Lecco? secondo l’analisi curata dal’ Ufficio Statistica del Comune di Lecco  in media, nel 2018, la crescita dei prezzi al consumo  a Lecco si è attestata  all’1,7% quando la media del paese  è circa l”1% Quanto cosa vivere a Lecco? Ecco una  una breve sintesi delle principali variazioni registrate nel mese di dicembre 2018 […]

Continua la lettura di Quanto cosa vivere a Lecco? I DATI su Giornale di Lecco.

]]>
Quanto cosa vivere a Lecco? secondo l’analisi curata dal’ Ufficio Statistica del Comune di Lecco  in media, nel 2018, la crescita dei prezzi al consumo  a Lecco si è attestata  all’1,7% quando la media del paese  è circa l”1%

Quanto cosa vivere a Lecco?

Ecco una  una breve sintesi delle principali variazioni registrate nel mese di dicembre 2018  sulle variazioni dei prezzi al consumo a livello locale.  La variazione mensile dell’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC) al lordo dei tabacchi, risulta in leggero aumento (+0,1%). E comunque una variazione decisamente inferiore a quelle registrate nello stesso periodo del biennio precedente quando la variazione si attestava a quasi mezzo punto percentuale.  La variazione annuale cala al +1,7% dal +2% del mese di novembre, valore comunque più sostenuto di quello registrato nel 2017 (+0,9%) e nel dicembre del 2016 (variazione nulla). In media, nel 2018, la crescita dei prezzi al consumo si attesta all’1,7%.

I prezzi livello nazionale

A livello nazionale la variazione mensile permane di segno meno (-0,1%) anche se più contenuta di quella del mese precedente (-0,2%). La variazione annuale nazionale si attesta al +1,1%,  in calo rispetto al mese di novembre (+1,6%). e ancora decisamente inferiore a quella locale.  L’indice locale aumenta al  102,2 ancora molto contenuto se si considera che  la base è anno 2015=100 e che pertanto in quasi 3 anni l’aumento dei prezzi al consumo è stato di poco più di 2 punti percentuali. A livello nazionale lo stesso indicatore si attesta a 102,3. E’ di un solo decimo di punto il differenziale rispetto al dato locale.

Componente di fondo

Le variazioni della Componente di fondo, cioè l’indice generale al netto degli energetici e alimentari freschi sono entrambe di segno più: quella mensile, più contenuta, è pari a +0,3% (il dato nazionale si attesta a +0,6%) e quella  annuale registra un valore del + 1,3% (ormai stabile rispetto al dato dell’ultimo bimestre e molto più alta del dato nazionale (+0,6%).

Analisi delle variazioni per divisione di spesa:

– la divisione con la maggiore variazione mensile in aumento è  Ricreazione spettacoli e cultura (+2,2%) da imputare al forte aumento dei pacchetti vacanza nazionali (variazione di oltre 40 punti) e dei servizi turistici in generale legati a fattori stagionali (festività natalizie), nonché della variazione di segno più di parecchi tecnologici.

Seguono le variazioni dei segno più di Abitazione, acqua elettricità e altri combustibili e di mobili e articoli per la casa   (entrambe +0,3%);

– le contrazioni maggiori sono registrate dalla divisione Bevande alcoliche e tabacchi (-1,8%) dove tutti gli aggregati di prodotto registrano prezzi inferiori a quelli del mese di novembre ad esclusione delle birre a basso contenuto alcoliche che aumentano leggermente e dei tabacchi che invece non registrano alcuna variazione.

Contrazione anche per i trasporti (-0,6%) a causa della forte variazione congiunturale dei carburanti (benzina -5,6%; gasolio per autotrazione – 4,6% gas gpl -4,4%). Tutte le altre voci della divisione, soprattutto quelle dei servizi di trasporto registrano prezzi in aumento rispetto al mese precedente;

Aumentano molto i costi per la casa

– le maggiori variazioni a livello annuale sono quelle della divisione Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+6,3%) riconducibile ad aumenti avvenuti nei mesi scorsi circa le diverse tariffe/utenze (acqua, energia elettrica, gas, rifiuti, gasolio per riscaldamento, ecc.) e quella della divisione Altri beni e servizi (+5,5%);

– in diminuzione di 7,1 punti (la più alta variazione annuale) è la divisione comunicazione in diminuzione nel corso di tutto il 2018, ma che in questo ultimo mese ha mantenuto costante il valore della contrazione senza inasprirlo.

 

Continua la lettura di Quanto cosa vivere a Lecco? I DATI su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/attualita/quanto-cosa-vivere-a-lecco-i-dati/feed/ 0
Domani Maurizio Martina a Lecco https://giornaledilecco.it/politica/domani-maurizio-martina-a-lecco/ https://giornaledilecco.it/politica/domani-maurizio-martina-a-lecco/#respond Fri, 18 Jan 2019 11:48:00 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77923 Conoscere e discutere la mozione con cui Maurizio Martina presenta la propria candidatura a Segretario del Partito Democratico: questo l’obiettivo del doppio appuntamento in programma a Lecco. LEGGI ANCHE Pd Lecco in assemblea in vista delle primarie nazionali Maurizio Martina a Lecco Si parte domani, sabato 19 gennaio, alle ore 14.30, presso il Circolo Arci “Promessi Sposi” di Lecco, in Viale Lombardia […]

Continua la lettura di Domani Maurizio Martina a Lecco su Giornale di Lecco.

]]>
Conoscere e discutere la mozione con cui Maurizio Martina presenta la propria candidatura a Segretario del Partito Democratico: questo l’obiettivo del doppio appuntamento in programma a Lecco.

LEGGI ANCHE Pd Lecco in assemblea in vista delle primarie nazionali

Maurizio Martina a Lecco

Si parte domani, sabato 19 gennaio, alle ore 14.30, presso il Circolo Arci “Promessi Sposi” di Lecco, in Viale Lombardia 7- “Maurizio Martina sarà con noi per presentarci di persona il suo programma” sottolinea l’onorevole dem lecchese Gian Mario Fragomeli.  “Lunedì 11 febbraio, sempre a Lecco, alle ore 20.30, incontreremo invece Graziano Delrio che interverrà in sostegno a Maurizio Martina Segretario PD”

Continua la lettura di Domani Maurizio Martina a Lecco su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/politica/domani-maurizio-martina-a-lecco/feed/ 0
Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali https://giornaledilecco.it/politica/autonomia-della-lombardia-una-mozione-in-tutti-i-consigli-comunali/ https://giornaledilecco.it/politica/autonomia-della-lombardia-una-mozione-in-tutti-i-consigli-comunali/#respond Fri, 18 Jan 2019 10:45:49 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77906 Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali per sostenere la Regione nella trattativa con il Governo. Si lavora per l’autonomia della Lombardia “Con questa mozione ci rivolgiamo direttamente ai Sindaci di tutta la Lombardia perché ritengo sia necessario e fondamentale che su un tema così importante come quello dell’autonomia tutti i Comuni […]

Continua la lettura di Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali su Giornale di Lecco.

]]>
Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali per sostenere la Regione nella trattativa con il Governo.

Si lavora per l’autonomia della Lombardia

“Con questa mozione ci rivolgiamo direttamente ai Sindaci di tutta la Lombardia perché ritengo sia necessario e fondamentale che su un tema così importante come quello dell’autonomia tutti i Comuni lombardi e i rispettivi Consigli comunali siano direttamente coinvolti e resi partecipi del percorso in atto per raggiungere l’obiettivo di ottenere maggiori competenze e risorse. Chiamando i Consigli comunali a votare e approvare questo documento, vogliamo dare un segnale forte al Governo e che parta direttamente dal basso,  in un momento in cui il percorso avviato con il referendum del 22 ottobre 2017 sta dando l’impressione di arenarsi. Il raggiungimento di maggiori forme di autonomia, una volta formalizzato, avrà risvolti storici per l’intero territorio e per tutti gli enti della nostra regione”.  E’ quanto ha sottolineato il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi presentando nella mattinata di oggi, venerdì 18 gennaio 2018,  a Palazzo Pirelli l’iniziativa che si propone di sollecitare e coinvolgere tutti i Comuni lombardi nell’approvazione di una mozione che chieda al Governo Conte di mantenere gli impegni presi sul tema dell’autonomia senza più ulteriori ritardi e senza tradire le richieste avanzate dalla grande maggioranza dei cittadini lombardi con il referendum del 22 ottobre 2017.

Il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Alessandro Fermi

LEGGI ANCHE  Autonomia a inizio 2019, nell’interesse di tutti | Il governatore risponde

“Lo scopo –ha aggiunto Fermi– è ovviamente quello di rafforzare anche grazie alla partecipazione, al sostegno e al coinvolgimento dei Comuni, l’azione di Regione Lombardia e del Presidente Attilio Fontana nell’ambito della trattativa con il Governo così da poter sottoscrivere davvero in tempi brevi l’intesa finale con lo Stato. In questi mesi il confronto con l’Amministrazione centrale ha fatto sì che venisse redatto un documento nel quale la nostra Regione ha elencato una serie di funzioni legislative e  amministrative, con le relative risorse finanziarie”.
“In questi ultimi mesi si è parlato sempre e molto di competenze, troppo poco però delle relative risorse finanziarie –ha sottolineato infine il Presidente Fermi che, richiamandosi anche agli appelli e alle sollecitazioni del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha rinnovato l’invito “a definire quanto prima e in modo certo l’entità delle risorse spettanti alla Lombardia per fare fronte alle competenze richieste e per dare così piena attuazione ai contenuti e allo spirito del referendum”.

Una azione corale

LEGGI ANCHE Autonomia Lombardia il governatore Fontana: “Bene parole nuovo Ministro”

Oltre al Presidente Alessandro Fermi, erano presenti alla conferenza stampa di questa mattina a Palazzo Pirelli numerosi Sindaci, Consiglieri regionali e Parlamentari lombardi di Forza Italia, l’Assessore regionale ai Servizi sociali del Veneto Davide Bendinelli, il Capogruppo regionale di Forza Italia Gianluca Comazzi, il Presidente della Commissione speciale Autonomia Mauro Piazza, il Vice Presidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala e l’Assessore regionale al Welfare Giulio Gallera.

Mauro Piazza

“L’obiettivo principale di questa mozione -ha evidenziato il consigliere azzurro lecchese Mauro Piazza– è quello di rafforzare, dal basso, con la partecipazione e il coinvolgimento dei Comuni, il sostegno all’azione di Regione Lombardia nell’ambito della trattativa con il Governo per sottoscrivere in tempi brevi l’intesa finale con lo Stato affinché la nostra Regione possa gestire direttamente le materie richieste con le relative risorse. Regione Lombardia ha fatto la sua parte ora tocca al governo Conte fare altrettanto e su questo punto nelle prossime settimane non perderemo occasione per fare pressione e sollecitare continuamente il Governo ad agire senza più ulteriori tentennamenti e ripensamenti”.

Continua la lettura di Autonomia della Lombardia: una mozione in tutti i Consigli comunali su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/politica/autonomia-della-lombardia-una-mozione-in-tutti-i-consigli-comunali/feed/ 0
Abb: siglato il contratto dopo un anno di trattativa https://giornaledilecco.it/economia/abb-siglato-il-contratto-dopo-un-anno-di-trattativa/ https://giornaledilecco.it/economia/abb-siglato-il-contratto-dopo-un-anno-di-trattativa/#respond Fri, 18 Jan 2019 08:55:34 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77872 E’ stato siglato  il rinnovo del contratto aziendale di gruppo tra Fim Fiom Uilm e Abb, che in Italia conta più di 5.000 dipendenti, oltre la metà in Lombardia (Sesto San Giovanni, Vittuone, Tremezzina, Garbagnate Monastero, Bergamo, Dalmine, Lodi). “Si è chiusa una  trattativa che durava da più un anno – fa sapere la Cisl […]

Continua la lettura di Abb: siglato il contratto dopo un anno di trattativa su Giornale di Lecco.

]]>
E’ stato siglato  il rinnovo del contratto aziendale di gruppo tra Fim Fiom Uilm e Abb, che in Italia conta più di 5.000 dipendenti, oltre la metà in Lombardia (Sesto San Giovanni, Vittuone, Tremezzina, Garbagnate Monastero, Bergamo, Dalmine, Lodi). “Si è chiusa una  trattativa che durava da più un anno – fa sapere la Cisl Monza Brianza Lecco –  Il rinnovo è giunto dopo una riorganizzazione interna che ha impegnato le parti negli anni passati. Anni che saranno coperti da 224 euro di una tantum erogati sotto forma di welfare”.

Abb: siglato il contratto

L’Abb è una multinazionale svizzera che occupa oltre 100mila dipendenti a livello mondiale. È uno dei colossi dell’industria di componenti elettrici. Produce motori, interruttori, armadi elettrici, trasformatori, ecc. Recentemente è diventata famosa anche per la sponsorizzazione della Formula E, la Formula Uno delle auto elettriche.

«Prosegue positivamente la stagione dei rinnovi contrattuali – commenta Andrea Donegà, segretario generale della Fim Cisl Lombardia e coordinatore nazionale Fim del gruppo Abb-. Siamo soddisfatti per l’incremento salariale raggiunto che verrà spinto ulteriormente, con una quota aggiuntiva, per chi sceglierà, liberamente, di convertire una parte o la totalità del premio in welfare. Va inoltre sottolineata l’importanza di aver costruito uno spazio di confronto per monitorare e gestire i cambiamenti che Industria 4.0 sta già producendo, per consentirci anche di condividere percorsi formativi che sviluppino le competenze dei lavoratori e rafforzino la loro professionalità».

L’accordo

La nuova intesa, che scadrà nel 2021, porterà a regime un aumento di 620 euro e la possibilità di convertire il premio in welfare ricevendo un contributo ulteriore pari al 15% della cifra convertita. In aggiunta alla parte economica ci saranno ulteriori 170 euro, erogati con le modalità dei flexible benefit previsti dal contratto nazionale, che verranno consolidati anche per il futuro. Per sottolineare l’importanza del welfare viene aumentato a 200 € annui il contributo aggiuntivo per gli aderenti al fondo previdenziale Cometa e si è concordato il pacchetto aggiuntivo di Metasalute.

“Per quanto riguarda il sistema di orari e flessibilità sono previste importanti indennità economiche e riposi compensativi. Particolare attenzione è stata dedicata alla formazione con la costituzione di una commissione che potrà valutare, proporre e condividere interventi formativi che saranno certificati. La stessa commissione dovrà monitorare l’impatto che le trasformazioni di Industria 4.0 stanno producendo all’interno di Abb, in particolare per quanto riguarda le ricadute sulla professionalità dei lavoratori, sul loro coinvolgimento, sull’organizzazione del lavoro e sulla costruzione di un’efficace e adeguata formazione continua che dovrà, sempre più, essere coerente con le traiettorie di sviluppo dell’impresa in modo da migliorare le competenze dei lavoratori e stimolare la competitività dell’impresa stessa, con l’obiettivo di produrre benefici per tutti”.

Il ruolo delle Rsu

Con la partecipazione delle Rsu, verrà effettuata la mappatura delle competenze e professionalità presenti all’interno delle singole unità produttive in modo da rendere più efficace la programmazione delle attività formative e renderle coerenti con il fabbisogno aziendale e con le modifiche e novità introdotte dall’innovazione tecnologica. Importante anche il potenziamento delle misure a tutela della salute e sicurezza dei lavoratori come, a esempio, i break formativi effettuati nei reparti e il coinvolgimento degli Rls (rappresentanti dei lavoratori per al sicurezza) nella rilevazione dei «quasi infortuni», fondamentale per rafforzare l’azione di prevenzione. Infine, verranno regolamentate anche le ferie solidali.

«L’accordo è certamente positivo – conclude Pier Angelo Arnaboldi Fim Cisl Mbl – anche perché arriva dopo un lungo periodo di vacanza contrattuale e una trattativa veramente dura che è iniziata nel novembre 2017 per terminare oggi. Un’intesa che offre buone condizioni economiche, di welfare e che guarda al futuro».

Continua la lettura di Abb: siglato il contratto dopo un anno di trattativa su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/economia/abb-siglato-il-contratto-dopo-un-anno-di-trattativa/feed/ 0
Caos Brexit: i rischi per l’economia lecchese https://giornaledilecco.it/economia/caos-brexit-i-rischi-per-leconomia-lecchese/ https://giornaledilecco.it/economia/caos-brexit-i-rischi-per-leconomia-lecchese/#respond Fri, 18 Jan 2019 09:13:39 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77879 Quanto vale il mercato del Regno Unito per le PMI lecchesi? Secondo l’ultima elaborazione dell’Osservatorio MPI Confartigianato Lombardia su dati Istat, nel primo semestre 2018 (ultimo dato disponibile), l’export manifatturiero lecchese verso in Regno Unito è stato pari a 105 milioni di euro, stabile rispetto al secondo semestre 2017 (105milioni). L’export manifatturiero lecchese nel Regno […]

Continua la lettura di Caos Brexit: i rischi per l’economia lecchese su Giornale di Lecco.

]]>
Quanto vale il mercato del Regno Unito per le PMI lecchesi? Secondo l’ultima elaborazione dell’Osservatorio MPI Confartigianato Lombardia su dati Istat, nel primo semestre 2018 (ultimo dato disponibile), l’export manifatturiero lecchese verso in Regno Unito è stato pari a 105 milioni di euro, stabile rispetto al secondo semestre 2017 (105milioni).

L’export manifatturiero lecchese nel Regno Unito vale oltre 200 milioni di euro l’anno

A contribuire a questa cifra, con 44 milioni di euro nel 1° semestre 2018, le PMI con meno di 50 addetti. L’incidenza  dell’export manifatturiero verso il Regno Unito sull’export manifatturiero verso il Mondo a Lecco è pari al 4,5%: nel 1° semestre 2018 la nostra provincia ha esportato in tutto il globo per un valore di 2.302 milioni di euro. Nello stesso periodo il dato lombardo raggiunge i 2.535 milioni di euro di esportazioni solo in UK (782 milioni il contributo delle MPMI) e 62.173 milioni se si considerano le esportazioni mondiali. Il “Made in Lombardia” a più elevata concentrazione di MPMI più richiesto dai sudditi della Regina riguarda i prodotti alimentari, il tessile e l’abbigliamento, prodotti in metallo (esclusi macchinari e attrezzature), mobili e manufatti in legno.

 Daniele Riva, presidente di Confartigianato Imprese Lecco

“La Lombardia e il nostro territorio lavorano da sempre in modo proficuo con il Regno Unito – commenta il presidente di Confartigianato Imprese Lecco, Daniele Riva – I dati elaborati dal nostro Centro Studi dimostrano che, pur con qualche oscillazione, l’impegno si è sempre mantenuto costante (export in UK 2013 MPMI lecchesi 99 milioni, 93 milioni nel 2017, primo semestre 2018, 44 milioni; export manifatturiero lecchese in UK 225 milioni, 214 milioni nel 2017, 105 primo semestre 2018). Con la decisione del Parlamento inglese che rigetta l’accordo di recesso negoziato del Regno Unito dall’Unione europea si apre una fase di grande incertezza nelle relazioni commerciali”.

Caos Brexit: i rischi per l’economia lecchese

“Una Brexit non ordinata potrebbe determinare un periodo di caos alle dogane, deprimendo inevitabilmente i flussi di import/export, portando con sé conseguenze pesanti per le nostre aziende, soprattutto quelle che negli anni hanno fatto registrare le migliori performance di esportazioni, come la moda, la pelle, l’occhialeria, la gioielleria, mentre altri problemi potrebbero verificarsi per le aziende importatrici, che dal Regno Unito fanno giungere in Italia soprattutto autoveicoli, medicinali e aeromobili. Attendiamo di vedere cosa accadrà nei prossimi giorni, ma certamente questi continui colpi di scena non fanno che aumentare la tensione e l’ombra negativa che si sta pian piano stagliando sulla nostra economia”.

 

Continua la lettura di Caos Brexit: i rischi per l’economia lecchese su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/economia/caos-brexit-i-rischi-per-leconomia-lecchese/feed/ 0
Giovane studente lecchese in missione al Cern di Ginevra https://giornaledilecco.it/economia/giovane-studente-lecchese-in-missione-al-cern-di-ginevra/ https://giornaledilecco.it/economia/giovane-studente-lecchese-in-missione-al-cern-di-ginevra/#respond Fri, 18 Jan 2019 08:35:31 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77864 Anno nuovo, vecchie (buone) abitudini. Al liceo Grassi anche il 2019 si apre all’insegna della qualità e della valorizzazione delle eccellenze, in questo caso sul fronte scientifico. In continuità con il passato, si confermano solidi i legami tra l’istituto lecchese ed il Cern di Ginevra, il più prestigioso centro al mondo per lo studio delle particelle. Dopo […]

Continua la lettura di Giovane studente lecchese in missione al Cern di Ginevra su Giornale di Lecco.

]]>
Anno nuovo, vecchie (buone) abitudini. Al liceo Grassi anche il 2019 si apre all’insegna della qualità e della valorizzazione delle eccellenze, in questo caso sul fronte scientifico. In continuità con il passato, si confermano solidi i legami tra l’istituto lecchese ed il Cern di Ginevra, il più prestigioso centro al mondo per lo studio delle particelle. Dopo l’esperienza vissuta lo scorso anno scolastico da Chiara Riva, ora è il turno di Christian Frigerio, brillante studente della classe 3G che, nella settimana compresa fra lunedì 4 e venerdì 8 marzo, si recherà al Cern per occuparsi di “Fisica e Analisi tracce” nell’ambito di un percorso di Alternanza Scuola Lavoro.

 

Giovane studente lecchese in missione al Cern di Ginevra

Incontriamo Christian una mattina, a scuola, e subito gli leggiamo negli occhi un mix di determinazione ed emozione, comprensibili se pensiamo al prestigioso progetto che lo attende.

Ma come è nato il tutto?

“Un giorno, quasi per caso, leggendo i comunicati sul sito del liceo mi sono imbattuto in questo concorso”, ci racconta il ragazzo. “Per partecipare servivano una richiesta formale e una lettera motivazionale, che ho steso sottolineando l’importanza di applicare nella pratica la teoria studiata in classe, tanto più in un centro di ricerca di assoluto valore come il Cern”.

Un argomento che evidentemente è risultato convincente, se su 50 punti a disposizione – tra media dei voti in inglese, matematica e fisica e lettera motivazionale – Christian ne ha ottenuti ben 49! In questo modo si è aggiudicato l’unico posto riservato al Grassi e uno dei 30 per tutta l’Italia.

Tra le quattro scelte disponibili – Fisica e Analisi tracce, Robotica, Informatica e Criogenia – la scelta è caduta sulla prima. “Diciamo che ho trovato molto allettante la prospettiva di vedere da vicino il funzionamento del celebre acceleratore LHC e, attraverso tecniche di rivelazione delle particelle, scoprire il bosone di Higgs”, spiega il ragazzo. Che prosegue, trattenendo a stento l’entusiasmo: “In quel periodo, inoltre, l’acceleratore sarà spento, per cui potremo scendere per vederne da vicino il funzionamento”.

E le questioni pratiche?

“Soggiornerò a Ginevra, in uno dei pochi hotel che accolgono minorenni non accompagnati. Arriverò in treno la domenica sera e mi fermerò fino a venerdì pomeriggio, ma in hotel andrò solo a dormire: per il resto starò praticamente tutto il giorno al Cern”, precisa, molto emozionato.

In tutto questo c’è anche un aneddoto divertente: un giorno di novembre Christian è stato convocato dal Preside e, ignaro di quale fosse la ragione, si è spaventato, anche se era sicuro di non aver commesso alcuna infrazione al regolamento… All’ingresso in presidenza, il Dirigente l’ha accolto chiedendogli “Frigerio, cosa ha combinato?”, prima di sciogliersi in un largo sorriso e di fargli i meritatissimi complimenti per il risultato ottenuto.

Non ci resta, quindi, che augurare a Christian di trarre il massimo beneficio dall’esperienza ginevrina, nella certezza che, come non è stata la prima, così non sarà neppure l’ultima occasione per il liceo Grassi di dimostrare la sua caratura internazionale.

Continua la lettura di Giovane studente lecchese in missione al Cern di Ginevra su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/economia/giovane-studente-lecchese-in-missione-al-cern-di-ginevra/feed/ 0
Nuova Mini 60 Years Edition, un modello esclusivo https://giornaledilecco.it/motori/nuova-mini-60-years-edition/ Thu, 17 Jan 2019 23:07:53 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77854 Arriva la nuova Mini 60 Years Edition. Un modello originale che si reinventa costantemente – radicato saldamente nella tradizione ma sempre aperto al cambiamento: questo è Mini, a 60 anni dal lancio della piccola auto britannica che ha reso popolare in tutto il mondo alcune sue proprietà, come il Go-Kart Feeling e l’uso creativo dello spazio. Per celebrare […]

Continua la lettura di Nuova Mini 60 Years Edition, un modello esclusivo su Giornale di Lecco.

]]>
Arriva la nuova Mini 60 Years Edition. Un modello originale che si reinventa costantemente – radicato saldamente nella tradizione ma sempre aperto al cambiamento: questo è Mini, a 60 anni dal lancio della piccola auto britannica che ha reso popolare in tutto il mondo alcune sue proprietà, come il Go-Kart Feeling e l’uso creativo dello spazio. Per celebrare questo anniversario, Mini presenta un modello dal design caratteristico, che ne evidenzia sia le origini britanniche che il dinamismo.

Nuova Mini 60 Years Edition

Con dettagli di design ed equipaggiamento esclusivi e di alta qualità, la Mini 60 Years Edition diventa ambasciatrice dello spirito sportivo del brand. Una peculiarità che non viene mai a mancare, nemmeno nel traffico cittadino. L’edizione speciale sarà disponibile a partire da marzo 2019 per i modelli Mini 3 Porte e Mini 5 Porte, ciascuno con quattro motorizzazioni. La sportività è parte integrante del DNA Mini. Ancora prima del lancio della Mini classica nell’estate del 1959, apparve chiaro che le caratteristiche di design della nuova auto non solo ne avrebbero caratterizzato gli interni, ma definito anche una modalità di guida dinamica e agile.

Il background sportivo del marchio

La Mini 60 Years Edition rievoca il background sportivo del marchio, grazie anche alla livrea del classico colore delle vetture da corsa britanniche. La livrea della British Racing Green IV ne testimonia invece il carattere e le origini. Sono disponibili come alternative anche le finiture Midnight Black, Moonwalk Grey, e Melting Silver metallizzate e Mini Yours Lapisluxury Blue non metallizzato. Il colore scelto è poi abbinato a una finitura in Pepper White o Black per il tetto e le calotte degli specchietti esterni. Completano il look distintivo le Bonnet Stripes dedicate all’anniversario e i cerchi in lega leggera da 17 pollici esclusivi nella versione 60 Years Spoke a 2 toni.

Il logo “60 Years”

Il logo “60 Years” è posizionato non solo sulla fascia del cofano a sinistra, ma anche sui portellini laterali degli indicatori di direzione e sui battitacco del guidatore e del passeggero anteriore. All’interno, il logo è presente anche nelle finiture specifiche del modello, sui poggiatesta anteriori e sul volante. Il design creato per celebrare l’anniversario è utilizzato anche nella proiezione del logo a LED, visibile quando viene aperta la portiera del guidatore. L’equipaggiamento di serie include un volante sportivo in pelle e sedili con finitura in pelle Mini Yours Leather Lounge 60 Years, nell’esclusivo Dark Maroon.

Continua la lettura di Nuova Mini 60 Years Edition, un modello esclusivo su Giornale di Lecco.

]]>
Concept Nissan IMs presentato al Salone di Detroit https://giornaledilecco.it/motori/concept-nissan-ims-salone-detroit/ Thu, 17 Jan 2019 22:58:11 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77851 Al Salone dell’Automobile di Detroit 2019, il concept Nissan IMs si è presentato. Si tratta di una “berlina sportiva di lusso”, con piattaforma e sistema propulsivo sviluppati nell’ambito della Nissan Intelligent Mobility. Le proporzioni rivoluzionarie della concept car IMs, più simili a quelle di una berlina che di un crossover, definiscono un segmento a parte. […]

Continua la lettura di Concept Nissan IMs presentato al Salone di Detroit su Giornale di Lecco.

]]>
Al Salone dell’Automobile di Detroit 2019, il concept Nissan IMs si è presentato. Si tratta di una “berlina sportiva di lusso”, con piattaforma e sistema propulsivo sviluppati nell’ambito della Nissan Intelligent Mobility. Le proporzioni rivoluzionarie della concept car IMs, più simili a quelle di una berlina che di un crossover, definiscono un segmento a parte. L’identità 100% elettrica è il tratto distintivo dell’auto e la batteria, collocata sotto la scocca, determina una maggiore altezza dell’abitacolo. Interni spaziosi grazie ad un passo maggiorato e una configurazione “2+1+2” dei posti a sedere. Sedili anteriori orientabili e una fila posteriore modulare, con divanetto a tre posti che si può trasformare in un comodo “Premier Seat” centrale, abbattendo i due sedili laterali che si trasformano in ampi braccioli.

Un design nel segno della Nissan Intelligent Mobility

Il design esterno e interno di IMs è frutto delle innovative tecnologie di guida elettrica e autonoma sviluppate dalla Nissan Intelligent Mobility, la roadmap strategica che definisce il modo in cui i veicoli vengono guidati, alimentati e integrati nella società. IMs è un esercizio di dualismo e contrasto. In modalità di guida autonoma consente al guidatore di procedere senza dover toccare alcun comando, mentre in modalità manuale offre tutte le emozioni e le prestazioni sportive che solo un veicolo elettrico di categoria superiore può offrire. IMs dispone inoltre delle tecnologie più avanzate in termini di sicurezza e sistemi virtuali di connettività. Il tutto inserito in un contesto che rende omaggio al design giapponese, sospeso tra modernità e tradizione.

Concept Nissan IMs, il futuro è qui

Icona della Nissan Intelligent Mobility, IMs ne rappresenta a pieno i tre pilatri (Intelligent Driving, Intelligent Power, Intelligent Integration). E prosegue il percorso verso la creazione di una società mobile sostenibile fondata su veicoli elettrici, guida autonoma e connettività. La vettura è mossa da due motori elettrici, uno anteriore e uno posteriore, alimentati da una batteria da 115 kWh a ricarica rapida che eroga 489 CV (360 kW) di potenza e 800 Nm (590 lb-ft) di coppia, capace di competere con le berline sportive attualmente in commercio. Con un’autonomia stimata di 622 km con una sola carica, IMs garantisce percorrenze al pari di vetture mosse da motori a benzina. Il propulsore adotta un sistema a trazione integrale ad alte prestazioni. Questo offre una distribuzione ottimale dei pesi fra anteriore e posteriore, per una spinta eccezionale e un’ottima tenuta di strada.

Continua la lettura di Concept Nissan IMs presentato al Salone di Detroit su Giornale di Lecco.

]]>
Mulching o taglio tradizionale, chi la spunta? https://giornaledilecco.it/casa/mulching-o-taglio-tradizionale/ Thu, 17 Jan 2019 22:44:35 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77848 Mulching o taglio tradizionale? Sono sempre più numerosi gli appassionati che chiedono informazioni sul mulching. La risposta degli esperti più disinteressati non può che limitarsi a illustrare le caratteristiche tecniche di questo taglio e a far meditare il cliente sull’opportunità di attuarlo. E’ vero, infatti, che il mulching, polverizzando letteralmente l’erba tra le lame del […]

Continua la lettura di Mulching o taglio tradizionale, chi la spunta? su Giornale di Lecco.

]]>
Mulching o taglio tradizionale? Sono sempre più numerosi gli appassionati che chiedono informazioni sul mulching. La risposta degli esperti più disinteressati non può che limitarsi a illustrare le caratteristiche tecniche di questo taglio e a far meditare il cliente sull’opportunità di attuarlo. E’ vero, infatti, che il mulching, polverizzando letteralmente l’erba tra le lame del rasaerba, non richiede la raccolta eliminando l’incombenza del conferimento in discarica, ma è anche vero che, per ottenere risultati ottimali, occorre effettuare tagli con maggior frequenza rispetto a quelli tradizionali.

Mulching o taglio tradizionale?

Quindi, in primo luogo occorre chiedersi: «Ma io quante volte sono disposto a tagliare il prato nel tempo libero?». Si sappia che, scegliendo un rasaerba a mulching, si dovrà provvedere all’operazione nei periodi di forte crescita come la primavera almeno un paio di volte a settimana. Viceversa, una macchina a raccolta tradizionale richiede meno impegno. Sempre per orientare la clientela alle scelte migliori, è bene sottolineare che, secondo alcuni studi, è meno costoso del taglio tradizionale.

E il rasaerba tradizionale?

Detto questo, esistono ancora dei buoni motivi per acquistare oggi un rasaerba tradizionale? La risposta è affermativa. In primo luogo si sappia che il taglio a raccolta permette di mantenere il prato più pulito eliminando, per esempio, anche l’accumulo di pollini di graminacee spesso causa di allergie. Inoltre, gli scarti verdi potranno essere riutilizzati per la produzione di biogas e compost. E per la formazione del feltro? Le conclusioni in merito alla formazione di feltro sul suolo dicono che mulching non ha colpe. Il feltro, infatti, si forma solo in seguito a una cattiva organizzazione dei tagli e non per causa dell’erba polverizzata.

Continua la lettura di Mulching o taglio tradizionale, chi la spunta? su Giornale di Lecco.

]]>
Impianto anti-intrusione con e senza fili https://giornaledilecco.it/casa/impianto-anti-intrusione-con-e-senza-fili/ Thu, 17 Jan 2019 22:37:56 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77845 Come scegliere l’ impianto anti-intrusione più adatto alla propria abitazione? Occorre tenere presente alcune indicazioni. Relativamente agli impianti con cavo, sappiate che, affinché tutti gli elementi siano operativi, devono essere collegati a una rete di cavi incassati nel muro. Poiché i componenti sono collegati tra loro, qualora il ladro tagliasse repentinamente i fili il sistema […]

Continua la lettura di Impianto anti-intrusione con e senza fili su Giornale di Lecco.

]]>
Come scegliere l’ impianto anti-intrusione più adatto alla propria abitazione? Occorre tenere presente alcune indicazioni. Relativamente agli impianti con cavo, sappiate che, affinché tutti gli elementi siano operativi, devono essere collegati a una rete di cavi incassati nel muro. Poiché i componenti sono collegati tra loro, qualora il ladro tagliasse repentinamente i fili il sistema entrerebbe subito in azione facendo squillare la sirena. Lo svantaggio più pesante degli impianti con cavo è quello dei costi. Servono opere murarie, infatti, per collegare alla sirena i diversi sensori.

Impianto anti-intrusione: radio

L’impianto radio è senz’altro meno costoso di quello a cavo. I diversi elementi che lo compongono comunicano tra loro attraverso un segnale che sfrutta le onde elettromagnetiche. L’alimentazione dei dispositivi è assicurata da batterie a lunga durata: l’allarme resterà dunque attivo anche qualora mancasse la corrente. Le interferenze radio, purtroppo, talvolta possono impedire al sistema di funzionare. A ogni modo, oggi q è una tecnologia ormai evoluta: i malfunzionamenti, pertanto, sono sempre più rari.

Impianto anti-intrusione: misto e integrato

Ecco poi l’impianto misto che prevede una parte di sistema con cablaggio e un’altra con collegamento radio. Centrale d’allarme e sirene sono collegati all’alimentazione, mentre i sensori sono collegati via radio. Si tratta di un sistema molto utilizzato laddove si amplia un sistema di impianto anti-intrusione già esistente. Infine un cenno all’impianto integrato: è il metodo più completo per difendere la casa. Abbina protezione attiva e passiva proteggendo anche dai ladri più evoluti. Nell’impianto integrato la serratura della porta blindata è collegata alla centralina. In caso di scasso scatta la sirena.

Continua la lettura di Impianto anti-intrusione con e senza fili su Giornale di Lecco.

]]>
Cocktail … da leggenda, tutto iniziò in Messico! https://giornaledilecco.it/cucina/cocktail-da-leggenda-messico/ Thu, 17 Jan 2019 22:22:17 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77842 Dove c’è festa, c’è sempre un ottimo cocktail… da leggenda. Protagonista assoluto è il cocktail tanto che oggi non c’è evento di richiamo senza… un efficiente cocktail bar. Ecco perché, mossi dalla curiosità, siamo andati alla scoperta delle origini di questa gustosa bevanda e soprattutto del suo curioso nome. Alla base di tutto pare ci […]

Continua la lettura di Cocktail … da leggenda, tutto iniziò in Messico! su Giornale di Lecco.

]]>
Dove c’è festa, c’è sempre un ottimo cocktail… da leggenda. Protagonista assoluto è il cocktail tanto che oggi non c’è evento di richiamo senza… un efficiente cocktail bar. Ecco perché, mossi dalla curiosità, siamo andati alla scoperta delle origini di questa gustosa bevanda e soprattutto del suo curioso nome. Alla base di tutto pare ci sia una leggenda. Si racconta che nella zona di Campeche, località sul golfo del Messico, un giovane di origini Maya avesse problemi a conquistare una ragazza, figlia di un potente dignitario.

Quando il cocktail è da leggenda

Disperato cercò di risolvere il suo problema affidandosi all’esperienza di un valente sacerdote. Questi preparò un filtro propiziatore dell’amicizia da offrire agli irriducibili genitori della ragazza. Questi, entusiasti, dopo aver bevuto il filtro concessero al ragazzo la mano della loro figlia. La ragazza si chiamava Cochtil: ecco spiegata, secondo la leggenda l’etimologia della parola cocktail. Come ogni leggenda, anche questa avrebbe un fondo di verità: secondo le narrazioni di marinai inglesi, infatti, nella regione di Campeche, gli antichi Maya si attiravano il favore degli dei offrendo loro delle misture nate dalla miscelazione di bevande alcoliche e mescolate con l’ausilio di un lungo cucchiaio, denominato “coda di gallo” nome che, tradotto in inglese, suona proprio così: «Cocktail».

Continua la lettura di Cocktail … da leggenda, tutto iniziò in Messico! su Giornale di Lecco.

]]>
Nutrizionista, dietologo o dietista, cos’è meglio? https://giornaledilecco.it/cucina/nutrizionista-dietologo-dietista/ Thu, 17 Jan 2019 22:11:08 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77839 Nutrizionista, dietologo o dietista, chi scegliere? Diete fai-da-te o esperti da pagare profumatamente? Il dilemma si pone, ma è sempre meglio tener presente che affidarsi ad esperti è di solito la scelta migliore. Per chi vuol perdere peso o raggiungere il proprio peso-forma ci sono alcune dritte da seguire, prima fra tutte l’importanza delle figure […]

Continua la lettura di Nutrizionista, dietologo o dietista, cos’è meglio? su Giornale di Lecco.

]]>
Nutrizionista, dietologo o dietista, chi scegliere? Diete fai-da-te o esperti da pagare profumatamente? Il dilemma si pone, ma è sempre meglio tener presente che affidarsi ad esperti è di solito la scelta migliore. Per chi vuol perdere peso o raggiungere il proprio peso-forma ci sono alcune dritte da seguire, prima fra tutte l’importanza delle figure professionali di ciascun settore.

Nutrizionista, dietologo o dietista?

Il nutrizionista è un biologo regolarmente iscritto all’albo, specializzato in nutrizione umana che può stilare diete per soggetti senza patologie, ma non può effettuare diagnosi o prescrivere farmaci. Il suo compito principale è quello di educare a un’alimentazione sana e programmare menù per asili, scuole, ristoranti, mense. Esperto di educazione e informazione alimentare, è in grado di analizzare i bisogni degli individui per calcolare una dieta corretta in base alle attività svolte. Per diventarlo occorre la laurea in Scienze biologiche o in Farmacia; in più è consigliata una specializzazione in Scienza dell’alimentazione.

Il nutrizionista in Italia

In Italia un titolo ancora oggetto di discussione. Attualmente esso è associato al laureato che può svolgere la professione. In Italia si distinguono tre principali categorie professionali che si occupano di alimentazione: dietologo, dietista o nutrizionista a seconda dell’albo professionale cui sono iscritti e al luogo di lavoro in cui svolgono le loro mansioni.

Continua la lettura di Nutrizionista, dietologo o dietista, cos’è meglio? su Giornale di Lecco.

]]>
Massaggio olistico, olii e profumi per l’auto-guarigione https://giornaledilecco.it/salute/massaggio-olistico-olii-profumi/ Thu, 17 Jan 2019 22:01:56 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77836 Tutti i segreti del massaggio olistico spiegati anche ai neofiti. Come si può pensare di interagire con gli organi interni e con il benessere fisico di una persona toccando la sola epidermide? Chiunque con un minimo di sensibilità ne ha consapevolezza: la nostra pelle è ben connessa con tutto il resto di quanto le sta […]

Continua la lettura di Massaggio olistico, olii e profumi per l’auto-guarigione su Giornale di Lecco.

]]>
Tutti i segreti del massaggio olistico spiegati anche ai neofiti. Come si può pensare di interagire con gli organi interni e con il benessere fisico di una persona toccando la sola epidermide? Chiunque con un minimo di sensibilità ne ha consapevolezza: la nostra pelle è ben connessa con tutto il resto di quanto le sta sotto e gli sfoghi cutanei più gravi ne sono testimonianza.
Spesso, infatti, basta sfiorare la pelle in superficie per «sentire» fastidio in profondità o prurito altrove. Non è suggestione, ma quello che gli esperti di tecniche olistiche sfruttano a scopo terapeutico. Insomma, toccando una persona è possibile stabilire un contatto con la sua mente e comunicare per intero con il suo corpo.

Che cos’è il massaggio olistico

Cosa si intende però per olismo? L’olismo in medicina rappresenta uno stato di salute «globale», l’unione di mente, corpo, ambiente e società. La ricerca della salute è orientata alla persona e non alla malattia, alla causa e non al sintomo, al riequilibrio invece che alla cura, stimolando il naturale processo di auto-guarigione. Per massaggio olistico si intende un massaggio delicato finalizzato a portare sollievo e stimolare il naturale processo riequilibrante dei «meridiani energetici», i noti canali della medicina orientale. Su cosa si lavora dunque? Soprattutto sullo stress emotivo e sulla tensione muscolare, con particolare attenzione al rapporto tra mente e corpo. Vediamo alcuni dei concetti già universalmente riconosciuti: nelle spalle e nel torace si accumula la rabbia, mentre nei reni e nelle parti basse si cela la paura.

Come si effettua?

Ma come si effettua il massaggio olistico? L’approccio del massaggiatore è personalizzato. Di norma, si parte con un trattamento generalizzato su tutto il corpo. Successivamente si sciolgono le tensioni, utilizzando delle specifiche manovre servendosi anche di alcuni olii. A volte viene usata l’argilla. Da tempi immemorabili, poi, le piante utili per la salute dell’uomo usano il codice invisibile del profumo. Molti sostengono che il profumo e gli effluvi floreali abbiano potere curativo: l’aromaterapia nasce in Francia nel 1998, a Gravèson en Provence, un piccolo paese situato presso Avignone. Chiunque sia stato in quelle zone sa che la specialità sono le fragranze meravigliose, gli aromi naturali emessi dai diffusori presenti anche in musei olfattivi e della profumazione. La tradizione della profumeria e la cura con gli oli essenziali provenienti da piante aromatiche caratterizza profondamente la Provenza in particolare e un po’ tutto il sud della Francia da secoli.

E poi c’è l’aromacologia

C’è poi la branca forse più curiosa e intrigante, ovvero l’aromacologia: è un termine ispirato alla riscoperta delle conoscenze aromatiche delle più antiche civiltà. Alcuni importanti ricercatori scientifici di Francia, Italia e Giappone hanno proposto di studiare gli effetti a livello psichico dell’uso olfattivo degli oli essenziali. Non si tratta di un tentativo campato per aria: ci sono studi neurofisiologici delle diverse essenze, capaci di sollecitare aree cerebrali e produrre sostanze ormonali. D’altronde è assodato che certi profumi (quello del thé ad esempio) rilassano mentre altri (la benzina) possono eccitare ed atri ancora (il bruciato) allarmano. Al di là di tutto nel massaggio aroma-terapico si utilizza una combinazione di olii vegetali e di olii essenziali puri e naturali. L’utilizzo di oli vegetali di base agevola la manualità nel massaggio facilitando la penetrazione degli oli essenziali e quindi la loro efficacia. Di sicuro, un’esperienza da provare!

Continua la lettura di Massaggio olistico, olii e profumi per l’auto-guarigione su Giornale di Lecco.

]]>
Fibre e cereali, i benefici per la salute https://giornaledilecco.it/salute/fibre-e-cereali-i-benefici-per-la-salute/ Thu, 17 Jan 2019 21:55:23 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77833 Fibre e cereali sono importanti. Riso, avena e orzo integrali: possiamo mangiarne a iosa perché aiutano a perdere peso. Stando a quanto dimostrato scientificamente da una ricerca pubblicata dall’American journal of clinical nutrition, questi alimenti aiutano nella cosiddetta «regolazione del peso». Il test è stato effettuato su un paniere di ottanta persone, sia uomini che […]

Continua la lettura di Fibre e cereali, i benefici per la salute su Giornale di Lecco.

]]>
Fibre e cereali sono importanti. Riso, avena e orzo integrali: possiamo mangiarne a iosa perché aiutano a perdere peso. Stando a quanto dimostrato scientificamente da una ricerca pubblicata dall’American journal of clinical nutrition, questi alimenti aiutano nella cosiddetta «regolazione del peso». Il test è stato effettuato su un paniere di ottanta persone, sia uomini che donne. Nell’età considerata più critica per i cambiamenti morfologici del proprio corpo ovvero la fascia 40-65 anni.

Fibre e cereali

Ebbene, tenuti sotto controllo alimentare (somministrazione di stessi pasti in identiche quantità) i «pazienti» nutriti con cereali integrali consumavano 100 calorie al giorno in più rispetto agli altri. La ragione medica è tecnicamente «l’aumento del metabolismo a riposo». In sostanza, mangiando riso, orzo e avena con continuità il corpo dei 40-65enni brucia più energia anche quando non è in movimento o non fa attività fisica.

Un vero… «toccasana»

Un vero… «toccasana» per i pigri che si guardano la pancia pensando a come smaltire? Dipende, perché i medici raccomandano comunque di associare questa dieta a base di cereali integrali con movimento e tonicità. Uniti a un alto consumo di acqua naturale (sempre consigliati i canonici due litri al giorno). Fra l’altro, stando alle dichiarazioni dei pazienti studiati durante la sperimentazione, pare che la fame e il senso di pienezza non subiscano differenze sensibili tra questo tipo di dieta e uno tradizionale. Le calorie in eccesso perse erano più o meno equivalenti a quelle di una camminata di trenta minuti a passo medio. Niente male!

Continua la lettura di Fibre e cereali, i benefici per la salute su Giornale di Lecco.

]]>
Incendio in una abitazione: intervento di Vigili del Fuoco, sanitari e Carabinieri https://giornaledilecco.it/cronaca/incendio-in-una-abitazione-intervento-di-vigili-del-fuoco-sanitari-e-carabinieri/ https://giornaledilecco.it/cronaca/incendio-in-una-abitazione-intervento-di-vigili-del-fuoco-sanitari-e-carabinieri/#respond Thu, 17 Jan 2019 17:39:25 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77820 Ancora un incendio in una abitazione. Solo qualche giorno fa un rogo aveva creato non pochi danni in una casa a Valmadrera. Nel tardo pomeriggio di oggi invece Vigili del Fuoco, militari e sanitari sono intervenuti nella Brianza Casatese. LEGGI ANCHE  A fuoco il tetto di una casa: pompieri al lavoro per ore FOTO Incendio […]

Continua la lettura di Incendio in una abitazione: intervento di Vigili del Fuoco, sanitari e Carabinieri su Giornale di Lecco.

]]>
Ancora un incendio in una abitazione. Solo qualche giorno fa un rogo aveva creato non pochi danni in una casa a Valmadrera. Nel tardo pomeriggio di oggi invece Vigili del Fuoco, militari e sanitari sono intervenuti nella Brianza Casatese.

LEGGI ANCHE  A fuoco il tetto di una casa: pompieri al lavoro per ore FOTO

Incendio in una abitazione

L’incendio, che con tutta probabilità si è sviluppato a partire da una canna fumaria, è avvenuto a Missaglia, frazione Missagliola, in via Marconi. Purtroppo le fiamme hanno danneggiato parte del tetto dell’abitazione. Ingente la mobilitazione di mezzi e uomini del soccorso: sul posto sono intervenute diverse squadre dei Vigili del Fuoco sia da Lecco che da Merate che si sono prodigate per avere la meglio sul rogo. Non solo ma a Missaglia sono arrivati anche  i sanitari a bordo di una ambulanza nel timore che qualcuno fosse rimasto ferito o intossicato.   Fortunatamente però nessuno ha riportato traumi o lesioni. Sul posto sono arrivati poi anche i Carabinieri.

Intervento lungo e impegnativo

I Vigili del Fuoco al momento sono ancora al lavoro per domere le fiamme che stanno divorando il tetto. Un intervento decisamente impegnativo quello dei pompieri che stanno mettendo in sicurezza anche le abitazioni vicine a quella dove si è sviluppato il rogo.

 

 

Continua la lettura di Incendio in una abitazione: intervento di Vigili del Fuoco, sanitari e Carabinieri su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cronaca/incendio-in-una-abitazione-intervento-di-vigili-del-fuoco-sanitari-e-carabinieri/feed/ 0
La grande arte è al… cinema https://giornaledilecco.it/cultura-e-turismo/la-grande-arte-e-al-cinema/ https://giornaledilecco.it/cultura-e-turismo/la-grande-arte-e-al-cinema/#respond Fri, 18 Jan 2019 08:44:08 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77869 Torna al Cardinal Ferrari di Galbiate la Grande arte al cinema, un viaggio esclusivo nelle opere degli artisti più amati del pianeta raccontati attraverso il grande schermo. Un’esclusiva, targata Nexo Digital, che ormai contraddistingue la sala cinematografica galbiatese che è orgogliosa di presentare, nella sera del mercoledì, ogni mese circa e sempre con inizio alle […]

Continua la lettura di La grande arte è al… cinema su Giornale di Lecco.

]]>
Torna al Cardinal Ferrari di Galbiate la Grande arte al cinema, un viaggio esclusivo nelle opere degli artisti più amati del pianeta raccontati attraverso il grande schermo. Un’esclusiva, targata Nexo Digital, che ormai contraddistingue la sala cinematografica galbiatese che è orgogliosa di presentare, nella sera del mercoledì, ogni mese circa e sempre con inizio alle ore 21 (10 euro l’ingresso, 8 il ridotto) la seconda parte del ciclo.

La grande arte è al… cinema

A inaugurare a fine mese questo secondo round, DEGAS – PASSIONE E PERFEZIONE, in programma il 30 gennaio 2019. Viaggiando dalla superba mostra del Fitzwilliam Museum di Cambridge, con la sua straordinaria collezione di opere di Degas, sino alle strade di Parigi, il docu-film propone un accesso esclusivo ad opere rare realizzate dal celebre pittore delle ballerine, uno dei geni assoluti dell’Impressionismo. Un appuntamento che ripercorre l’affascinante storia della ricerca della perfezione di Degas, in cui sperimentazione di nuove tecniche e studio dei Maestri del passato si fondono nella mente e nel pennello di uno degli artisti più amati al mondo.

I film

Il 27 febbraio sarà il momento di TINTORETTO – UN RIBELLE A VENEZIA, una nuova eccitante produzione cinematografica firmata Sky Arte, ideata e scritta dal premio Strega Melania Mazzucco. Con la partecipazione straordinaria di Peter Greenaway, il film celebra il cinquecentesimo anniversario della nascita di uno dei giganti della pittura europea del XVI secolo, Jacopo Tintoretto. Accompagnato dalla mostra Tintoretto 1519-1594 di Palazzo Ducale, il film ripercorre i luoghi iconici della Venezia di Tintoretto, dalla prima bottega a Cannaregio alla Scuola Grande di San Rocco, definita ancora oggi la sua Cappella Sistina, esplorando anche le rivalità tra i più grandi artisti del tempo, Tintoretto, Tiziano e Veronese.

Con l’arrivo della primavera ci sposteremo in terre esotiche con GAUGUIN A TAHITI – IL PARADISO PERDUTO, in programma il 27 marzo. Da Tahiti alle Isole Marchesi, il docu-film prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital, proporrà un viaggio alla ricerca del paradiso perduto, tra i luoghi che Gauguin scelse come sua patria d’elezione e attraverso i grandi musei americani dove sono custoditi i suoi più grandi capolavori. Sulle tracce di una storia divenuta mito e sulle tracce di una vita e una pittura primordiali.

Il 17 aprile ci sposteremo quindi in Spagna con IL MUSEO DEL PRADO – LA CORTE DELLE MERAVIGLIE. Prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital in occasione delle celebrazioni del duecentesimo anniversario del museo, il film ci accompagna in uno spettacolare viaggio a Madrid per raccontare sei secoli di storia e arte spagnola, attraverso 8.000 opere di uno dei musei più grandi d’Europa. Perché un dipinto è una tela, colore, materia e forma, ma è anche la storia di uomini e donne, pittori e re, palazzi e regine, ricchezza e miseria.

Rimanendo in terre spagnole, l’8 maggio sarà il momento de IL GIOVANE PICASSO. Picasso è uno dei più grandi artisti di tutti i tempi, ed il più prolifico fino alla sua morte nel 1973. Molti film hanno raccontato gli anni del suo maggiore successo: l’arte, gli affari e l’ampia cerchia di amici. Ma dove è cominciato tutto questo? Cosa ha reso Picasso quel che è stato? “Il giovane Picasso” esplora i suoi inizi, per scoprire da dove si scatenò la scintilla del genio che era solito ricordare: “A quattro anni dipingevo come Raffaello, poi ho impiegato una vita per imparare a dipingere come un bambino”.

Il 29 maggio la stagione 2019 si chiuderà con DENTRO CARAVAGGIO. Perché, a oltre cinque secoli dalla morte, Caravaggio è uno dei pittori più popolari dei nostri tempi e continua ad essere protagonista di libri, mostre e approfondimenti? Un grande attore di teatro, Sandro Lombardi, da sempre appassionato di Caravaggio, visita la ricca mostra milanese dedicata all’artista e, un poco alla volta, scava attraverso i grandi temi legati alla biografia e all’opera del Merisi, per dare una risposta a questa domanda e per capire che cosa lo rende un nostro complice, un artista tanto vicino a noi.

Oltre agli under 25, agli over 65 e agli iscritti alle associazioni galbiatesi, anche i numerosi abbonati al cineforum “I colori del cinema” (quest’anno sono state vendute oltre 300 tessere, un vero record) hanno diritto all’entrata ridotta a 8 euro. Per informazioni www.cferrari.it.

Continua la lettura di La grande arte è al… cinema su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cultura-e-turismo/la-grande-arte-e-al-cinema/feed/ 0
Violenza sessuale sui minori: al via il nuovo processo per Guido Milani https://giornaledilecco.it/cronaca/violenza-sessuale-sui-minori-al-via-il-nuovo-processo-per-guido-milani/ https://giornaledilecco.it/cronaca/violenza-sessuale-sui-minori-al-via-il-nuovo-processo-per-guido-milani/#respond Thu, 17 Jan 2019 16:16:12 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77792 Ha preso il via questa mattina a Lecco la prima udienza del processo al regista Guido Milani, l’ex numero uno del Gruppo Ragazzi e Cinema nato a Oggiono, accusato di violenza sessuale sui minori. Alla sbarra con l’accusa di violenza sessuale Milani in particolare deve rispondere di violenza sessuale (articolo 609 bis e ter del […]

Continua la lettura di Violenza sessuale sui minori: al via il nuovo processo per Guido Milani su Giornale di Lecco.

]]>
Ha preso il via questa mattina a Lecco la prima udienza del processo al regista Guido Milani, l’ex numero uno del Gruppo Ragazzi e Cinema nato a Oggiono, accusato di violenza sessuale sui minori.

Alla sbarra con l’accusa di violenza sessuale

Milani in particolare deve rispondere di violenza sessuale (articolo 609 bis e ter del codice penale). Ad accusarlo alcuni giovani  residenti sia nel Lecchese che fuori provincia. Uno di loro, all’epoca dei fatti aveva solo 14 anni.

Il processo milanese

Quello a carico dell’ex deus ex machina di Ragazzi è Cinema non è il primo processo.  E’ infatti già stato o condannato a 4 anni e mezzo di carcere per prostituzione minorile, violenza sessuale e cessione di stupefacenti. Le indagini sfociate poi nel processo milanese erano iniziate con la denuncia di un ragazzino.  Nell’inchiesta era stato coinvolto anche don Alberto Paolo Lesmo, ex parroco di Santa Marcellina e decano di Milano – Baggio. La giovane vittima che, all’epoca dei fatti, aveva tra i 15 e 17 anni (stiamo parlando del 2009 – 2010), aveva sostenuto di aver avuto rapporti sessuali a pagamento con entrambi. L’ex sacerdote è stato poi condannato a un anno e 10 mesi (la procura aveva chiesto la condanna a tre anni e quattro mesi ma il giudice non aveva riconosciuto  l’aggravante dei rapporti sessuali a pagamento con un minore di 16 anni, perché, è probabile che il giovane avesse già più di quell’età quando ha iniziato a prostituirsi con don Lesmo).

Presenti tre degli otto giovani accusatori

Alla prima udienza, che si è svolta oggi, giovedì 17 gennaio 2019 a porte chiuse, come chiesto dal pm Silvia Zannini, erano presenti tre degli otto giovani accusatori che si sono costituiti parte civile.  Assente invece l’imputato che è rappresentato dall’avvocato Renato Pulcini di Brescia. Al termine delle prime scaramucce giudiziarie il processo è stato rinviato a maggio.

Continua la lettura di Violenza sessuale sui minori: al via il nuovo processo per Guido Milani su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cronaca/violenza-sessuale-sui-minori-al-via-il-nuovo-processo-per-guido-milani/feed/ 0
“Abusivi” nell’area dei pompieri: uno diventa violento e aggredisce un poliziotto https://giornaledilecco.it/cronaca/abusivi-nellarea-dei-pompieri-uno-diventa-violento-e-aggredisce-un-poliziotto/ https://giornaledilecco.it/cronaca/abusivi-nellarea-dei-pompieri-uno-diventa-violento-e-aggredisce-un-poliziotto/#respond Thu, 17 Jan 2019 15:47:28 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77794 “Abusivi” nell’area dei pompieri: uno diventa violento e aggredisce un poliziotto. L’uomo O.B., 25enne di origini nigeriane, irregolare sul territorio nazionale, è stato arrestato  per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale nel pomeriggio di ieri e nella mattinata di oggi, giovedì 17 gennaio 2019  è comparso  in Tribunale a Lecco. Il suo arresto è stato convalidato […]

Continua la lettura di “Abusivi” nell’area dei pompieri: uno diventa violento e aggredisce un poliziotto su Giornale di Lecco.

]]>
“Abusivi” nell’area dei pompieri: uno diventa violento e aggredisce un poliziotto. L’uomo O.B., 25enne di origini nigeriane, irregolare sul territorio nazionale, è stato arrestato  per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale nel pomeriggio di ieri e nella mattinata di oggi, giovedì 17 gennaio 2019  è comparso  in Tribunale a Lecco. Il suo arresto è stato convalidato e ora l’uomo ora si trova in carcere  in attesa di giudizio.

“Abusivi” nell’area dei pompieri

Ma andiamo con ordine. Tutto inizia nel pomeriggio di ieri. Gli uomini della Squadra Volanti si dirigono verso la zona del Bione  visto che erano state segnalate delle persone che bivaccavano ed urinavano sui mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco dismessi nell’area a fianco dei campi sportivi. Giunti sul posto i poliziotti inizialmente non notano nessuno. Al Bione arrivano anche i Vigili del Fuoco. Pompieri e agenti iniziano a ispezionare l’area e i mezzi fermi.  All’interno di uno di questi trovano un  cittadino straniero che dorme. E’  un 29enne di origini nigeriane, regolare sul territorio nazionale, tranquillo e collaborativo. Durante il controllo però  gli agenti notano un’altra persona, E.M., 26enne di origini nigeriane  che, scavalcando la recinzione dalla pista ciclabile, si introduce nella stessa area.

I controlli

I poliziotti procedono  pertanto anche al controllo di quest’ultimo che risulta privo di qualsiasi documento d’identità. A quel punto lo accompagnano  in Questura per accertamenti (verrà poi denunciato a piede libero per ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato). Nel frattempo i Vigili del Fuoco segnalano l’arrivo di un terzo uomo, O.B.,  all’interno dell’area. Quest’ultimo, incurante della presenza degli agenti, si dirige verso i veicoli in sosta e si rifiuta  di esibire ai poliziotti un documento d’identità. Con atteggiamento sprezzante e stizzito entra in un mezzo dei Vigili del Fuoco, prende i suoi effetti personali e si allontana.

Il 25enne aggredisce un poliziotto

I poliziotti lo raggiungono e a questo punto il giovane straniero  diventa improvvisamente violento.   Spintona  gli agenti e colpisce  poi un poliziotto al volto con una valigia rigida. Ne nasce quindi una colluttazione (due agenti feriti con prognosi di 5 e 10 giorni) ed alla fine il 25 viene  immobilizzato ed arrestato. Come detto al momento si trova in carcere.

 

 

 

 

Continua la lettura di “Abusivi” nell’area dei pompieri: uno diventa violento e aggredisce un poliziotto su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cronaca/abusivi-nellarea-dei-pompieri-uno-diventa-violento-e-aggredisce-un-poliziotto/feed/ 0
Sfonda un vetro sul treno, De Corato: “Basta, vogliamo i militari a bordo!” https://giornaledilecco.it/cronaca/sfonda-un-vetro-sul-treno-de-corato-basta-vogliamo-i-militari-a-bordo/ https://giornaledilecco.it/cronaca/sfonda-un-vetro-sul-treno-de-corato-basta-vogliamo-i-militari-a-bordo/#respond Thu, 17 Jan 2019 14:03:54 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77783 “È necessario, in attesa del rafforzamento e dell’adeguamento del numero dei poliziotti in Lombardia, utilizzare subito i militari a bordo dei treni”.  Lo ha detto l’assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato dopo l’ennesimo episodio di cronaca sui treni: un uomo, sul convoglio Lecco-Milano, ha sfondato un vetro causando […]

Continua la lettura di Sfonda un vetro sul treno, De Corato: “Basta, vogliamo i militari a bordo!” su Giornale di Lecco.

]]>
“È necessario, in attesa del rafforzamento e dell’adeguamento del numero dei poliziotti in Lombardia, utilizzare subito i militari a bordo dei treni”.  Lo ha detto l’assessore alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato dopo l’ennesimo episodio di cronaca sui treni: un uomo, sul convoglio Lecco-Milano, ha sfondato un vetro causando ritardi e disagi.

LEGGI QUI TUTTI I PARTICOLARI SULLA VICENDA

Sfonda un vetro sul treno, De Corato: “Basta, vogliamo i militari a bordo!”

“In molte stazioni lombarde – ha aggiunto l’assessore – oggi sono ormai presenti i militari. A bordo dei treni controllerebbero la situazione e servirebbero anche da deterrente per chi ha intenzione di delinquere, garantendo così la sicurezza di personale e passeggeri”. Non è certo la prima volta che l’assessore invoca la necessità di questo provvedimento

LEGGI ANCHE  Dopo l’aggressione agli agenti lecchesi De Corato torna a chiedere militari sui treni

 

In arrivo nuovi poliziotti… ma non bastano

Come già annunciato dal vicepremier Matteo Salvini in Lombardia arriveranno rinforzi per le forze dell’ordine. “Sono in arrivo nella nostra regione – ha sottolineato De Corato – 279 nuovi agenti di Polizia, parte dei quali verrà destinata alla Polfer. Nonostante questo piccolo rinforzo del Ministro dell’Interno, gli agenti della polizia ferroviaria non sono comunque abbastanza: meno di 600 agenti per controllare i 2.500 km della rete ferroviaria lombarda, davvero pochi”.

LEGGI ANCHE Salvini  scrive al Giornale di Merate: “Più poliziotti e pompieri per la sicurezza di tutti”

Le linee critiche

“Proprio per questo – ha concluso l’assessore regionale alla Sicurezza – per evitare episodi come quello di oggi, molestie, rapine e aggressioni, che sui treni si verificano spesso, è necessario utilizzare a bordo i militari, in particolare nelle tratte più critiche come la Linea S9 (Saronno-Seregno-Milano-Albairate), la linea S8 (Milano-Carnate-Lecco) e Valtellina, la linea S7 (Lecco-Molteno-Monza-Milano), la Mortara-Milano, la Voghera-Pavia-Milano, la Domodossola-Arona-Milano, la Milano-Carnate-Bergamo”.

Continua la lettura di Sfonda un vetro sul treno, De Corato: “Basta, vogliamo i militari a bordo!” su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cronaca/sfonda-un-vetro-sul-treno-de-corato-basta-vogliamo-i-militari-a-bordo/feed/ 0
Paura per un “botto” in un appartamento: intervento dei Vigili del Fuoco https://giornaledilecco.it/cronaca/paura-per-un-botto-in-un-appartamento-intervento-dei-vigili-del-fuoco/ https://giornaledilecco.it/cronaca/paura-per-un-botto-in-un-appartamento-intervento-dei-vigili-del-fuoco/#respond Thu, 17 Jan 2019 11:52:45 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77762 Paura per un “botto” in un appartamento a Merate  nella mattinata di oggi, giovedì 17 gennaio 2019. Un rumore forte, sordo, ha generato allarme nei residenti di via Gaetana Agnesi che hanno allertato immediatamente i  soccorritori. Paura per un “botto” in un appartamento Il timore di uno scoppio ha impensierito non poco. In via Agnesi […]

Continua la lettura di Paura per un “botto” in un appartamento: intervento dei Vigili del Fuoco su Giornale di Lecco.

]]>
Paura per un “botto” in un appartamento a Merate  nella mattinata di oggi, giovedì 17 gennaio 2019. Un rumore forte, sordo, ha generato allarme nei residenti di via Gaetana Agnesi che hanno allertato immediatamente i  soccorritori.

Paura per un “botto” in un appartamento

Il timore di uno scoppio ha impensierito non poco. In via Agnesi sono immediatamente intervenuti i pompieri.  Secondo le prime informazioni raccolte sul posto pare che a causare il “botto” sia stata una singolare reazione caldo-freddo. Nessuna esplosione o fuga di gas. Si è trattato comunque di un evento che ha provocato addirittura il sollevamento di alcune piastrelle. I vigili del fuoco hanno valutato la situazione mettendo tutto in sicurezza. Spavento a parte, fortunatamente, nessuno è rimasto ferito.

Continua la lettura di Paura per un “botto” in un appartamento: intervento dei Vigili del Fuoco su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cronaca/paura-per-un-botto-in-un-appartamento-intervento-dei-vigili-del-fuoco/feed/ 0
Incidente: auto esce fuori strada e abbatte un muro FOTO https://giornaledilecco.it/attualita/incidente-auto-esce-fuori-strada-e-abbatte-un-muro-foto/ https://giornaledilecco.it/attualita/incidente-auto-esce-fuori-strada-e-abbatte-un-muro-foto/#respond Thu, 17 Jan 2019 10:57:47 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77746 Incidente in centro a Olginate la scorsa notte, tra mercoledì 16 e giovedì 17 gennaio, all’altezza della scala storica di via Sant’Agnese. Un uomo ha perso il controllo della sua auto ed è uscito fuori strada, andando a sbattere contro il muro di protezione che è crollato nel vicolo sottostante. Individuato il responsabile Il responsabile […]

Continua la lettura di Incidente: auto esce fuori strada e abbatte un muro FOTO su Giornale di Lecco.

]]>
Incidente in centro a Olginate la scorsa notte, tra mercoledì 16 e giovedì 17 gennaio, all’altezza della scala storica di via Sant’Agnese. Un uomo ha perso il controllo della sua auto ed è uscito fuori strada, andando a sbattere contro il muro di protezione che è crollato nel vicolo sottostante.

Individuato il responsabile

Il responsabile dell’incidente è fuggito subito dopo l’abbattimento del muro e la sua caduta nella stradina sottostante per fortuna senza coinvolgere nessuno. Nella giornata di oggi, giovedì 17 gennaio, il guidatore “spericolato” è stato individuato grazie all’intervento dei Carabinieri ed è stato denunciato. “Il muro sarà ricostruito a spese del conducente – hanno fatto sapere dal Comune di Olginate – La strada sarà poi ripristinata in giornata, dopo che saranno rimosse le macerie”.

Continua la lettura di Incidente: auto esce fuori strada e abbatte un muro FOTO su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/attualita/incidente-auto-esce-fuori-strada-e-abbatte-un-muro-foto/feed/ 0
Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni https://giornaledilecco.it/attualita/lotta-allevasione-fiscale-il-disimpegno-dei-comuni/ Thu, 17 Jan 2019 16:54:27 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77817 Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni. A lanciare l’allarme è stata la Uil di Milano e Lombardia. Lotta all’evasione fiscale, calano i Comuni impegnati Il dato è preoccupante, a segnalarlo è la Uil con un comunicato stampa che fa il punto sulla compartecipazione dei Comuni al contrasto all’evasione fiscale e contributiva. Nel 2017 in […]

Continua la lettura di Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni su Giornale di Lecco.

]]>
Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni. A lanciare l’allarme è stata la Uil di Milano e Lombardia.

Lotta all’evasione fiscale, calano i Comuni impegnati

Il dato è preoccupante, a segnalarlo è la Uil con un comunicato stampa che fa il punto sulla compartecipazione dei Comuni al contrasto all’evasione fiscale e contributiva. Nel 2017 in Lombardia sono stati recuperati quasi 5 milioni di euro, per la precisione 4.949 milioni con una diminuzione di circa 256mila euro rispetto al 2016, quindi il 4,9% in meno. Il dato emerge da un’elaborazione dei dati del Ministero dell’Interno, a cura del Servizio politiche territoriali della Uil.

Risale a una norma del 2010, la possibilità per i Comuni italiani di compartecipare al contrasto all’evasione fiscale e ai quali viene riconosciuto il 100% di quanto recuperato dei tributi nazionali (Irpef, Iva, Ires, ecc…). Milano è la Città Metropolitana italiana che nel 2017 ha avuto il risultato migliore a livello nazionale con 1 milione e 309 mila euro circa recuperati; dato però in calo rispetto al 2016 di 439 mila euro. Sempre restando nei Comuni della Città Metropolitana di Milano, spicca il risultato ottenuto dal Comune di Baranzate che ha recuperato 271 mila euro.

Così nelle città  capoluogo di provincia

In Lombardia, sono stati 101 i Comuni (il 6.6%) ad aver attivato accertamenti per il contrasto all’evasione fiscale. Per quanto riguarda le città capoluogo di provincia, questa è la situazione del 2017: Bergamo 505.448 euro (+ 127 mila euro rispetto al 2016), Brescia 96.616 euro ( – 24.386), Como 1.992 euro ( – 413 euro), Cremona 108.073 euro ( + 56.308 euro), Lodi 100 euro ( – 250 euro), Mantova 8.947 euro ( – 9.142 euro), Milano 1.308.977 euro ( – 439.089 euro), Monza 0 ( – 44.774 euro), Pavia 6.670 euro (+ 2399 euro), Sondrio 0 ( – 725 euro), Varese 0 (0).

Questa invece la situazione nelle singole province nel 2017:

Bergamo 25 Comuni su 242 (il 10.6%), 4 in meno rispetto al 2016, hanno attivato le procedure per un totale di 1.286.322 euro recuperati (+ 78% rispetto al 2016)

Brescia 29 Comuni su 205 (14.1%), 1 in più rispetto al 2016, per un totale di 862.957 euro recuperati (- 27.3%)

Como 5 Comuni su 151 (3.3%), 3 in meno del 2016, recuperati 15.027 euro ( + 117.5%)

Cremona 5 Comuni su 115 (4.3%), 3 in meno del 2016, recuperati 160.568 euro (- 11.5%)

Lecco 1 Comune su 88 (1.1%), 3 in meno del 2016, recuperati 286 euro (- 85.6%)

Lodi 1 Comune su 61 (1.6%), uguale a 2016, recuperati 100 euro (- 71.4%)

Monza Brianza 3 Comuni su 55 (5.5%), 3 in meno del 2016, recuperati 36.117 euro ( – 66.2%)

Milano 18 Comuni su 134 (13.4%), 3 in meno del 2016, recuperati 2.462.011 euro ( – 10%)

Mantova 4 Comuni su 68 (5.9%), 4 in meno del 2016, recuperati 63.687 euro ( – 57.9%)

 

Continua la lettura di Lotta all’evasione fiscale, il disimpegno dei Comuni su Giornale di Lecco.

]]>
“Sono vivo grazie allo screening”, la storia di un sindaco lecchese che ha sconfitto il tumore https://giornaledilecco.it/attualita/sono-vivo-grazie-allo-screening-la-storia-di-un-sindaco-lecchese-che-ha-sconfitto-il-tumore/ https://giornaledilecco.it/attualita/sono-vivo-grazie-allo-screening-la-storia-di-un-sindaco-lecchese-che-ha-sconfitto-il-tumore/#respond Thu, 17 Jan 2019 10:31:34 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77741 Una malattia scoperta quasi per caso, il sollievo della guarigione e la consapevolezza che, se oggi può raccontare la sua esperienza, se può dire di aver sconfitto il tumore, lo deve soprattutto alla prevenzione. Per questo torna a raccontare la sua storia. “Sono vivo grazie allo screening”, la storia di un sindaco lecchese che ha […]

Continua la lettura di “Sono vivo grazie allo screening”, la storia di un sindaco lecchese che ha sconfitto il tumore su Giornale di Lecco.

]]>
Una malattia scoperta quasi per caso, il sollievo della guarigione e la consapevolezza che, se oggi può raccontare la sua esperienza, se può dire di aver sconfitto il tumore, lo deve soprattutto alla prevenzione. Per questo torna a raccontare la sua storia.

“Sono vivo grazie allo screening”, la storia di un sindaco lecchese che ha sconfitto il tumore

Da quando tutto è iniziato sono passati otto anni, ma gli occhi lucidi con cui il sindaco di Cassina Valsassina Roberto Combi, 63 anni appena compiuti, ripercorre i momenti e gli eventi legati alla scoperta di un tumore al colon sono sempre gli stessi.«La vicenda risale al giugno di otto anni fa – spiega – Avevo ricevuto a casa una lettera per aderire al programma di prevenzione e diagnosi del tumore al colon retto: dopo aver saltato il primo richiamo, mi sono poi deciso a sottopormi agli esami. Grazie alla colonscopia è stata poi riscontrata la presenza di un corpo estraneo di due centimetri. Fortunatamente il tumore è stato scoperto in fase iniziale, non so come sarebbe andata se fossimo arrivati con qualche mese di ritardo».

La lotta alla malattia

Combi, che è anche componente di Lario Reti Holding e presidente del Comprensorio caccia Prealpi Lecchesi, racconta la sua storia con serenità. Non cerca protagonismo, ma spera che la sua esperienza possa aiutare gli altri, ricordando a tutti quanto la prevenzione sia importante. Anzi, fondamentale.
«Sono stato operato subito, era il 9 settembre. Fortunatamente tutto si è risolto con dieci giorni di ospedale, in seguito all’intervento di endoscopia a cura del dottor Piero Carzaniga di Merate».

LEGGI ANCHE  In pensione per legge: lo storico primario va a lavorare in clinica

Nell’affrontare una malattia e momenti di questo tipo c’è, inevitabilmente, bisogno di almeno due fattori: una equipe medica esperta e capace, ma soprattutto di persone care intorno, in grado di offrire tutto il sostegno di cui si ha bisogno.
«Sono periodi duri, in cui si arrivano quasi a comprendere anche i gesti di sconforto che compiono alcune persone. Per tale motivo questi due elementi sono imprescindibili e non smetterò mai di riconoscerlo – sottolinea Combi – Oggi, il messaggio che voglio far passare è semplice, ma allo stesso tempo forte: voglio che il mio caso possa fungere da esempio e da testimonianza di incoraggiamento. Forte di questa esperienza e consapevole dell’importanza delle prevenzione, pochi mesi dopo l’intervento mi sono iscritto a Lilt (Lega italiana lotta tumori) a Cortabbio e ho organizzato diversi tipi di screening anche qui in comune».

L’importanza della prevenzione

Prevenzione. Sempre e il più spesso possibile. Concludendo il suo racconto il sindaco insiste su questo semplice, ma fondamentale concetto: «Oltre ai due fattori citati in precedenza, ce n’è un terzo ancor più fondamentale: il ruolo svolto dalla prevenzione. La prevenzione e le attività di screening sono importantissime a ogni livello, specialmente in casi come i tumori. Ma non bisogna fare distinzioni: a prescindere dalla tipologia del tumore – onestamente quello che mi è occorso è uno dei più “semplici” da affrontare – non bisogna rifiutare questo genere di indagini preventive. Va accettato qualsiasi tipo di esame. Probabilmente c’è troppa reticenza sulla tematica, sia da parte di chi effettua tali esami nel comunicare la loro importanza, sia nel recepire l’importanza da parte dei destinatari. Qualsiasi sintomo può rilevare un problema, piccolo o grande che sia, ma resta il fatto che la prevenzione è una misura fondamentale».

La campagna dell’Ats per il tumore al colon retto

E proprio in questi giorni prosegue la campagna di prevenzione per il tumore al colon retto in ATS Brianza. “Lo screening, completamente gratuito, interessa uomini e donne fra i 50 e i 74 anni e mira a prevenire una delle patologie tumorali più diffuse nella popolazione – spiega la dottoressa Nicoletta Castelli, Direttore Sanitario ff dell’Agenzia di Tutela della Salute – Si tratta della quarta neoplasia più frequente fra gli uomini (11,3% del totale dei tumori) e della terza più frequente fra le donne (11,5% del totale). La prevenzione garantisce ottimi risultati: la precocità della diagnosi consente una riduzione della mortalità di circa il 20%”.

Come funziona

L’Agenzia di Tutela della Salute della Brianza invia ogni due anni a domicilio la lettera di invito a sottoporsi allo screening per la ricerca del sangue occulto nelle feci alla popolazione target, con le indicazioni per il ritiro e la successiva consegna della provetta con il campione per l’esecuzione delle analisi. Dal punto di vista operativo per quanto riguarda l’area di Lecco in questi giorni e nei prossimi verranno recapitate 15.000 lettere di invito: sarà possibile restituire il campione fecale fino al 2 maggio, nella sede di via Tubi (dal lunedì al giovedì, dalle 9 alle 12).

I dati

“Dal 2018 ATS Brianza ha ampliato la fascia della popolazione che può effettuare gratuitamente lo screening coinvolgendo anche i soggetti in fascia di età compresa tra i  73 e i 74 anni – spiegano la dottoressa Antonina Ilardo e la dottoressa Faustina Lobuono responsabili degli screening oncologici rispettivamente per Lecco e per Monza in ATS Brianza – È importante aderire e farlo in modo costante, vale a dire rispondendo ogni due anni all’invito che la nostra Agenzia di Tutela della Salute manda al domicilio con posta ordinaria. L’individuazione di una lesione in fase iniziale, infatti, può favorire una prognosi migliore e la possibilità di guarigione”.

In caso di positività è necessario proseguire con gli approfondimenti proposti: se lo screening dà un risultato positivo il paziente viene invitato a sottoporsi ad ulteriori accertamenti (colonscopia) sempre gratuitamente.

Continua la lettura di “Sono vivo grazie allo screening”, la storia di un sindaco lecchese che ha sconfitto il tumore su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/attualita/sono-vivo-grazie-allo-screening-la-storia-di-un-sindaco-lecchese-che-ha-sconfitto-il-tumore/feed/ 0
Orrore in Brianza: trovato un cadavere murato in una casa FOTO E VIDEO https://giornaledilecco.it/cronaca/orrore-in-brianza-trovato-un-cadavere-murato-in-una-casa-foto-e-video/ https://giornaledilecco.it/cronaca/orrore-in-brianza-trovato-un-cadavere-murato-in-una-casa-foto-e-video/#respond Thu, 17 Jan 2019 12:21:12 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77768 Orrore in Brianza: trovato un cadavere murato in una casa. Nella giornata di martedì 15 gennaio alcuni operai stavano ristrutturando un’abitazione a Senago, in via XXIV Maggio, quando hanno allertato le Forze dell’Ordine per il ritrovamento di alcuni resti. A due giorni dalla macabra scoperta iniziano a emergere i primi inquietanti dettagli… Cadavere murato in una […]

Continua la lettura di Orrore in Brianza: trovato un cadavere murato in una casa FOTO E VIDEO su Giornale di Lecco.

]]>

Orrore in Brianza: trovato un cadavere murato in una casa. Nella giornata di martedì 15 gennaio alcuni operai stavano ristrutturando un’abitazione a Senago, in via XXIV Maggio, quando hanno allertato le Forze dell’Ordine per il ritrovamento di alcuni resti. A due giorni dalla macabra scoperta iniziano a emergere i primi inquietanti dettagli…

Cadavere murato in una casa

Come riporta il giornaledimonza.it il i carabinieri hanno recuperato corpo all’interno di una cavità nei pressi di una villa circondata da un ampio parco, si dispone secondo un impianto ad U. La parte padronale è costituita dall’ala est, porticata, a tre piani, caratterizzata da una facciata sobria. Nelle altre due ali si trova la scuderia. Nel fabbricato opposto a quello principale ci sono la portineria e le abitazioni rustiche.

le ipotesi degli inquirenti

L’ipotesi iniziale era che  le ossa potessero appartenere ad un uomo di età compresa tra i 35 e i 45 anni. L’esame dei poveri resti è stato affidato agli esperti del LabAnOf. Si tratta del laboratorio  di antropologia e odontologia diretto dalla dottoressa Cristina Cattaneo. La donna è anche docente di medicina legale all’Università di Milano. E’ famosa in tutto il mondo per aver lavorato ai casi di Yara Gambirasio ed Elisa Klaps. Secondo le indiscrezioni emerse oggi le possa potrebbero appartenere ad una persona scomparsa 5 anni fa .  Potrebbe trattarsi di un uomo di origini  albanese di cui si erano perse le tracce a Genova nel 2013. L’uomo sembrerebbe frequentasse ambienti criminali.

 

Continua la lettura di Orrore in Brianza: trovato un cadavere murato in una casa FOTO E VIDEO su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/cronaca/orrore-in-brianza-trovato-un-cadavere-murato-in-una-casa-foto-e-video/feed/ 0
Immigrazione, diritti e sicurezza. Gli effetti del Decreto Salvini sul territorio lecchese: se ne parla stasera a Lecco https://giornaledilecco.it/politica/immigrazione-diritti-e-sicurezza-gli-effetti-del-decreto-salvini-sul-territorio-lecchese/ https://giornaledilecco.it/politica/immigrazione-diritti-e-sicurezza-gli-effetti-del-decreto-salvini-sul-territorio-lecchese/#respond Thu, 17 Jan 2019 16:30:35 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=76575 Stasera, giovedì 17 gennaio, alle  20.45 in sala Ticozzi di via Ongania a Lecco è  in programma una serata pubblica per presentare i contenuti del provvedimento su immigrazione e sicurezza voluto dal Governo e convertito in legge dal Parlamento a fine 2018. L’evento  è organizzato dall’ANPI provinciale di Lecco, Qui Lecco Libera, Arci, Tutti Noi […]

Continua la lettura di Immigrazione, diritti e sicurezza. Gli effetti del Decreto Salvini sul territorio lecchese: se ne parla stasera a Lecco su Giornale di Lecco.

]]>
Stasera, giovedì 17 gennaio, alle  20.45 in sala Ticozzi di via Ongania a Lecco è  in programma una serata pubblica per presentare i contenuti del provvedimento su immigrazione e sicurezza voluto dal Governo e convertito in legge dal Parlamento a fine 2018. L’evento  è organizzato dall’ANPI provinciale di Lecco, Qui Lecco Libera, Arci, Tutti Noi Migranti,  sindacati lecchesi, Anolf, Associazione senegalesi Lecco, Anpl, Lezioni al Campo, Comunità di via Gaggio, L’altra Via, Mani Tese,  ax Christi,  Rete Radiè Resh con il patrocinio del Comune di Lecco.

Gli effetti del  Decreto Salvini sul territorio lecchese

Tanti i temi che verranno trattati. Dall’abrogazione della protezione umanitaria all’intervento sul Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR), dai nuovi tempi di trattenimento dei migranti all’esame della domanda di protezione, dall’iscrizione anagrafica alla tutela dei vulnerabili e degli esclusi, dall’accoglienza presso i grandi centri pollaio all’orientamento delle prefetture. Fino alle ricadute direttamente registrate dai Comuni e dai servizi sociali delle amministrazioni locali.L’avvocato Giulia Vicini, socio dell’Associazione studi giuridici sull’immigrazione, illustrerà nel dettaglio il testo della legge. Brizida Haznedari, operatrice della cooperativa L’Arcobaleno di Lecco, offrirà un’istantanea aggiornata dell’attuazione e degli effetti del cosiddetto “decreto Salvini” sul sistema di accoglienza del territorio. Interverrà anche Filippo Galbiati, presidente dell’assemblea dei sindaci, Distretto di Lecco. Aperta a tutti, dibattito a seguire (qui l’evento Facebook da condividere).

Serata a carattere progettuale

“L’iniziativa non è meramente tecnica ma ha un preciso carattere progettuale e si pone come obiettivo quello di rafforzare reti territoriali in grado di monitorare e far fronte ai risvolti drammatici del provvedimento governativo, coniugando azione umanitaria ad azione giuridica”sottolineano gli organizzatori. “Perché come giustamente ha ricordato Gianfranco Schiavone, studioso e vice-presidente dell’Associazione studi giuridici sull’immigrazione (ASGI), “sulla cosiddetta gestione delle migrazioni si misura la tenuta della democrazia nel nostro Paese”.

 

 

 

Continua la lettura di Immigrazione, diritti e sicurezza. Gli effetti del Decreto Salvini sul territorio lecchese: se ne parla stasera a Lecco su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/politica/immigrazione-diritti-e-sicurezza-gli-effetti-del-decreto-salvini-sul-territorio-lecchese/feed/ 0
#10yearschallenge: ecco come erano (e cosa facevano) i politici lecchesi 10 anni fa FOTO https://giornaledilecco.it/attualita/10yearcshallenge-ecco-come-erano-e-cosa-facevano-i-politici-lecchesi-10-anni-fa-foto/ https://giornaledilecco.it/attualita/10yearcshallenge-ecco-come-erano-e-cosa-facevano-i-politici-lecchesi-10-anni-fa-foto/#respond Thu, 17 Jan 2019 09:21:17 +0000 https://giornaledilecco.it/?p=77715 Si chiama #10yearcshallenge la moda del momento sui social: Instagram, sì, ma anche Facebook, di riflesso, e Twitter. In sostanza la “sfida” consiste nel postare un collage di due ritratti (tipicamente di se stessi) a distanza di dieci anni uno dall’altro. #10yearcshallenge: come si fa Tecnicamente, per farlo potete usare qualsiasi programma di fotoritocco, ma non mancano anche App ad hoc (Instagram […]

Continua la lettura di #10yearschallenge: ecco come erano (e cosa facevano) i politici lecchesi 10 anni fa FOTO su Giornale di Lecco.

]]>
Si chiama #10yearcshallenge la moda del momento sui social: Instagram, sì, ma anche Facebook, di riflesso, e Twitter. In sostanza la “sfida” consiste nel postare un collage di due ritratti (tipicamente di se stessi) a distanza di dieci anni uno dall’altro.

#10yearcshallenge: come si fa

Tecnicamente, per farlo potete usare qualsiasi programma di fotoritocco, ma non mancano anche App ad hoc (Instagram Layout, PicsArt, PicsArt, ad esempio) per cellulare per agevolare la pubblicazione su Instagram. Altra condizione, abbinare naturalmente l’hashtag di rito che identifica l’iniziativa: #10yearschallenge com’era intuibile. L’importante è rispettare il lasso di tempo 2009/2019.

Come funzionano gli hashtag

Su Instagram, come noto, gli hashtag sono il fulcro di ogni ricerca. Per acquisire maggior visibilità, oltre a quello “ufficiale” già citato (#10yearschallenge), ce ne sono anche altri che possono fare al caso vostro (ricordate che potete inserirne fino a un massimo di 30): #10Year, #10yearsold, #10yearanniversary, #10yearslater, #10yearschallengephoto.

E i  politici lecchesi?

Abbiamo deciso di giocare facendo fare un salto del tempo anche ai politici nostrani. Ecco come erano, e cosa facevano, alcuni di loro 10 anni fa messi a confronto con  ruolo e immagine di oggi.

Virginio Brivio 2009 e oggi

L’attuale primo cittadino di Lecco, nonchè presidente dell’Anci Lombardia Virginio Brivio, proprio 10 anni fa venne eletto presidente della Provincia di Lecco. Nella foto è ritratto con Pier Luigi Bersani che all’epoca era responsabile economico del Partito Democratico.

Paolo Arrigoni

L’attuale senatore e questore del Senato Paolo Arrigoni 10 anni fa era sindaco di Calolzio. Nella foto del 2009 il leghista è ritratto con l’ex ministro del Carroccio Roberto Caselli durante il taglio del nastro del Ponte Cantù di Olginate.

Antonella Faggi

2009 sindaco di Lecco, 2019 senatore della Repubblica. Ecco il 10 Years Challenge della leghista Antonella Faggi.

 

Michela Vittoria Brambilla

Sempre azzurra: Michela Vittoria Brambilla nel 2009 era Ministro al Turismo nel Governo Berlusconi. Nella foto di 10 anni fa era ritratta durante la Festa della Polizia di Lecco. Oggi è parlamentare, sempre in Forza Italia.

Antonio Rusconi

10 anni sono passati anche per Antonio Rusconi, nel 2009 senatore della Repubblica e oggi assessore a Valmadrera.

 

Mauro Piazza

Due lustri  di differenza infine per Mauro Piazza che nel 2009 era già esponente di rilievo di Forza Italia Lecco ed oggi è consigliere regionale.

 

Continua la lettura di #10yearschallenge: ecco come erano (e cosa facevano) i politici lecchesi 10 anni fa FOTO su Giornale di Lecco.

]]>
https://giornaledilecco.it/attualita/10yearcshallenge-ecco-come-erano-e-cosa-facevano-i-politici-lecchesi-10-anni-fa-foto/feed/ 0