I progetti di alternanza scuola-lavoro per i licei e gli indirizzi tecnici dell’istituto Greppi di Moticello sono valsi alla scuola due premi.

Istituto Greppi: esito positivo per l’alternanza scuola-lavoro

Venerdì 16 novembre Sofia Motta di 4^SC e Alessandro Bestetti, Daniele Beretta, Camilla Arce Lopez di 5^LB si sono recati a Lariofiere di Erba per la cerimonia di premiazione “Storie di alternanza, edizione 2018, seconda sessione”. I quattro liceali, l’anno scorso, hanno infatti sviluppato un importante piano di lavoro: nei giorni di alternanza, sono andati a Chernobyl con l’Associazione Chernobyl della Brianza, per visitare alcune scuole e conoscere com’è organizzata l’istruzione in Bielorussia. Hanno potuto vedere con i loro occhi la realtà dei ragazzi e delle loro famiglie dopo quarant’anni dal disastro nucleare. La giuria, che ha valutato i lavori presentati al concorso, ha molto apprezzato questa loro esperienza perché ha contribuito a far parlare di un fatto europeo da non dimenticare.

Smile on Air

Anche le classi 3^IA, 3^IB e 4^IB dell’indirizzo Informatica e Telecomunicazioni hanno assunto un incarico non da poco. In modalità “project work”, sia durante le ore curricolari di informatica, sia in ore aggiuntive pomeridiane nei laboratori della scuola, hanno preso parte al progetto Smile On Air. Quest’ultimo, nasce dalla collaborazione con l’istituto scientifico per la ricerca e la riabilitazione nell’età evolutiva Eugenio Medea, in particolare con la sezione di ricerca dell’Associazione La Nostra Famiglia di Bosisio Parini.

Leggi anche:  Oltre 60 imprese alla serata Lia FOTO

Il progetto ha permesso di realizzare un’applicazione di realtà aumentata per smartphone che consente di animare oggetti tridimensionali interattivi quando il telefono in quadra delle immagini che sono poste in alcuni ambienti del Medea destinati alla riabilitazione dei bambini. Lo scopo è quello di realizzare un’app che possa rendere più giocosa la presenza dei bambini durante le terapie riabilitative. L’impegno di molti studenti in questo progetto è andato ben oltre quello che era stato chiesto loro di fare, a dimostrazione del fatto che quando gli studenti sono inseriti in lavori stimolanti, l’impegno diventa una naturale conseguenza di un contesto di apprendimento coinvolgente.