Stop all’odio sul web: il Liceo Agnesi vince il concorso di React . Realizzato secondo una freschissima modalità “videocooking”,  il video prodotto dai ragazzi del Liceo Statale Agnesi di Merate con la supervisione della  regista Fiammetta Ravot e della formatrice Silvia Melis dell’Associazione Antisopore si intitola ”Il linguagggio d’odio: azione vs reazione”.

Stop all’odio sul web

Una giuria nazionale composta da esperti di settore e rappresentanti di svariate associazioni ha premiato ieri  questo elaborato, in cui con abilità e destrezza linguistica i ragazzi propongono una “ricetta di hate speech”, composta di qualche foglia di invidia mista a cattiveria e altre amenità,  in contrapposizione a una “ricetta di good speech”, composta da farina odio, pizzichi di buon senso e altri meravigliosi ingredienti.

Il Liceo Agnesi vince il concorso di React

Il video si è aggiudicato il primo posto nell’ambito del concorso promosso da React | Respect e Equality : Acting e Communicating Together il progetto europeo che ha come finalità quella di contrastare l’utilizzo di linguaggi di odio e altre forme di intolleranza mediante il coinvolgimento diretto di policy maker, insegnanti, operatori giovanili, rappresentanti delle comunità, ricercatori, rappresentanti dei social media, rappresentanti della stampa online e OSC.

Leggi anche:  Limonta, stop trattativa. Nuovo sciopero?

Arci Lecco

Coordinato sul territorio  lecchese da Giulia Venturini di Arci Lecco, React ha visto la partecipazione attiva anche di una classe dell’ Istituto Tecnico Statale F. Viganò, che con il supporto del videomaker Davide Tagliabue del Circolo Arci Spettacolare, ha prodotto  il video “re-ACTION” una interessante narrazione ispirata alla vita di ogni giorno, vissuta da un gruppo di adolescenti che si destreggiano fra buoni e cattivi commenti social, i cui contenuti determineranno scelte e futuro.

No a pregiudizi, stereotipi e discriminazioni

Circa 50 studenti sono stati quindi coinvolti in due laboratori in cui temi quali pregiudizi, stereotipi e discriminazioni sono stati affrontati mediante l’utilizzo di svariate tecniche formative e di differenti linguaggi creativi e narrativi , con un focus specifico sullo hate speech in ambito social utile a diffondere best practices di contro-narrativa e aumentare la media literacy nelle giovani generazioni.

Presto tutti i video del progetto React saranno diffusi sui canali social di Arci Lecco e del progetto React