Parlare inglese è uno dei fattori fondamentali e determinanti per la crescita delle aziende su scala internazionale: lo conferma il report presentato da Cambridge English and QS.

I dati

Si tratta di una ricerca a livello mondiale condotta sottoponendo un questionario a manager e imprenditori di aziende di diversi settori per comprendere aspettative e esigenze in merito alle skill di comunicazione in lingua inglese dei lavoratori in 38 Paesi diversi. L’inglese è la lingua business per eccellenza: saper leggere e comunicare in inglese viene considerata dai datori di lavoro un’importante competenza. Infatti, la maggior parte dei contratti commerciali, le istruzioni d’uso e gli articoli su riviste scientifiche vengono redatti in lingua inglese. L’indagine denuncia anche il divario tra le competenze richieste dal mercato del lavoro e quelle possedute dai dipendenti: in Italia il settore vendite è sicuramente quello con le maggiori carenze linguistiche e il problema è molto sentito anche sul nostro territorio, soprattutto dalle realtà che operano nel mondo dell’innovazione.

Le aziende del lecchese

«Le medie e grandi aziende del territorio investono continuamente nella formazione linguistica dei propri dipendenti. Questo coinvolge aziende altamente tecnologiche, ma anche manifatturiere – precisa Fabio Sgotto di Team Lingue -. I percorsi che offriamo sono finalizzati da un lato a fornire competenze linguistiche specifiche in inglese (oltre che a sviluppare team working tra i dipendenti), dall’altro sono anche finalizzati ad ottenere una certificazione Cambridge. Tali attestati rappresentano per l’azienda la garanzia del livello linguistico acquisito dai dipendenti e quindi il ritorno del loro investimento». Un ottimo esempio di percorso aziendale avviato su più livelli è certamente quello intrapreso da Tecnhoprobe, «Con la famiglia Crippa abbiamo avviato un’importante collaborazione che vede coinvolti i dipendenti, ma anche le loro famiglie grazie alle proposte di Team Lingue che spaziano dalle vacanze studio all’estero, summer camp e corsi di formazione linguistica; proposte che sono sempre più spesso incluse nei programmi di welfare aziendale: oggi più che mai un grande valore aggiunto alla formazione culturale di ciascuno».