Dopo il successo dei due precedenti concorsi rivolti alle scuole del territorio – rispettivamente sui temi del “Cibo” (2015) e dei “Beni comuni” (2016) – è giunto a conclusione il terzo concorso sul tema “Un museo (quasi) dietro casa”. La premiazione delle classi vincitrici avverrà venerdì 11 maggio 2018 alle 17.00 presso l’Aula Magna del Politecnico di Lecco. L’iniziativa si svolgerà alla presenza dei rappresentanti istituzionali del territorio lecchese e sarà l’occasione per festeggiare la conclusione del concorso con le centinaiadi ragazze e ragazzi che hanno partecipato al concorso.

Il concorso della Fondazione comunitaria del Lecchese

L’iniziativa, promossa dalla Fondazione comunitaria del Lecchese in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale, ha voluto promuovere e valorizzare la rete dei 32 musei del Sistema Museale provinciale e dei 5 del Sistema Museale della Città di Lecco. Le classi partecipanti sono state chiamate a produrre un elaborato descrittivo della visita in uno dei musei del territorio, esperienza che ha permesso un significativo arricchimento dell’attività scolastica ordinaria.

I numeri dell’iniziativa

La risposta delle scuole lecchesi è stata, ancora una volta, molto significativa: sono pervenuti elaborati inerenti le visite di 42 classi del territorio (17 appartenenti alle primarie e 25 alle secondarie di primo grado).Come previsto dal regolamento, la Fondazione comunitaria premierà le 25 classi che hanno  proposto gli elaborati ritenuti più meritevoli dall’apposita commissione esaminatrice. A ciascuna classe vincitrice verrà corrisposto un premio dal valore di 1.000 euro da utilizzare per l’acquisto di materiale didattico.

Leggi anche:  Valmadrera, Rusconi: “Avanzo di bilancio per scuole e casa di riposo”

 

Mario Romano Negri

“Siamo molto soddisfatti della risposta delle scuole lecchesi, sia per l’alto numero di classi coinvolte che per il livello qualitativo proposto”, afferma Mario Romano Negri,Presidente della Fondazione comunitaria del Lecchese. “L’attivazione diretta di oltre 1.000 studenti, che – grazie al concorso – hanno potuto conoscere, studiare ed apprezzare la rete dei musei locali, costituisce un elemento di grande soddisfazione per la nostra Fondazione. Voglio esprimere un sentito ringraziamento alla dirigenza ed agli insegnanti delle scuole, che con passione e dedizione si sono impegnati per rispondere adeguatamente alla proposta”.