Sfida ai fornelli per gli studenti degli istituti alberghieri delle province di Lecco e Sondrio. Torna il Concorso Agroalimentare di Confindustria.

Sfida ai fornelli: 4 scuole in gara

E’ in calendario per lunedì 14 maggio la settima edizione del concorso promosso dalla categoria merceologica Alimentare di Confindustria Lecco e Sondrio. Quattro le realtà scolastiche aderenti al Concorso Agroalimentare 2018. Sono il Cfpa di Casargo, l’istituto alberghiero Alberti di Bormio, il Crotto Caurga di Chiavenna, e il Pfp Valtellina di Sondrio.

Le novità di quest’anno

L’edizione 2018 della sfida presenta diverse novità. Si terrà in un’unica giornata e l’evento sarà ospitato dall’agriturismo La Fiorida di Mantello, in Bassa Valtellina. Inoltre, le squadre dovranno presentare il menù anche in inglese. E ancora: le squadre dovranno proporre alla giuria una colazione di lavoro composta da tre finger food, un piatto unico e un light dessert. Per il piatto unico gli aspiranti chef dovranno utilizzare carne di manzo di secondo taglio, abbinata a un prodotto delle province di Lecco e Sondrio tutelato da marchio. Il tutto rispettando il limite delle 950 chilocalorie complessive, esclusi i vini. Vini che, così come formaggi e salumi, dovranno essere di provenienza territoriale, ovvero delle due province.

Leggi anche:  Lecco: l’Agenzia Generali Lecco Manzoni amplia la rete dei suoi partner

Il commento

“Il Concorso Agroalimentare propone quest’anno qualche piccolo fattore di sfida aggiuntivo, ad esempio con la richiesta di presentare descrizioni e menù anche in lingua inglese – sottolinea il presidente della categoria merceologica Alimentare di Confindustria Lecco e Sondrio, Emilio Mottolini – Un’accortezza che non può mancare in una proposta che guardi anche all’offerta turistica e a un’ospitalità di carattere internazionale. Abbiamo inoltre voluto attribuire una maggiore enfasi all’utilizzo e alla valorizzazione dei prodotti territoriali, che ha rappresentato sin dall’inizio uno degli elementi centrali della competizione. Il nostro obiettivo resta quello di sempre: avvicinare i giovani al mondo delle imprese e del lavoro e offrire loro un’occasione di crescita, un incentivo al miglioramento e uno sprone a non trascurare la valorizzazione delle eccellenze in campo agroalimentare espresse dalle nostre province, anche grazie all’introduzione di queste novità”.