Anche una delegazione lecchese oggi ha raggiunto Roma un incontro al Ministero tra le organizzazioni sindacali e i vertici di Conad, che ha rilevato i supermercati del gruppo  Sma Auchan. Per quanto riguarda la nostra provincia due punti vendita passeranno subito al nuovo acquirente: l’Iper di Merate (200 dipendenti), lo Sma di Lecco (40 dipendenti).Nulla di certo sulle sorti di Barzanò che non rientra nei negozi che effettueranno la prima fase di passaggio.

Sciopero Sma Auchan: delegazione lecchese a Roma

“La richiesta di incontro delle OOSS al MISE è servita per dare un segnale di responsabilità all’impresa” spiegano i sindacalisti  lecchesi che oggi  hanno partecipato alla manifestazione nella Capitale.

“I numeri dei lavoratori coinvolti e delle possibili ricadute sono gravi: 16.000 dipendenti  ad oggi (una parte di lavoratori sono già usciti) su  18.000. Ci serve tutta l’attenzione da parte del MiSE. Sono già state ventilate dichiarano riduzioni  di metrature e quindi esuberi.  Le eccedenze potrebbero essere cedute a terzi e quindi anche il personale, si parla di oltre  3000 persone a livello nazionale”.

Leggi anche:  A Lecco la presentazione del libro curato da Yuri Guaiana per parlare dell'omofobia

La mobilitazione continua

“Noi non siamo disponibili a frammentare gli esuberi sulle piccole realtà  e chiediamo  una regia unica ed un unico tavolo  – proseguono i sindacalisti –   Un leader del mercato del lavoro come si dichiara di essere Conad non può non avere regole. Conad deve sapere che le cooperative hanno la responsabilità sui propri soci garantendo la qualità del lavoro e la salvaguardia occupazionale.
Questa è una vertenza  tra le prime in ambito di rischio occupazionale a livello nazionale e chiediamo al Governo la massima attenzione. La mobilitazione, per quanto ci riguarda continua”.