Mette al centro i temi della salute e della sicurezza sul lavoro il seminario dal titolo “Dal Testo Unico della Sicurezza D.lgs. 81/08 alla ISO 45001”. E’ organizzato dalla Commissione Ambiente e Sicurezza di Confindustria Lecco e Sondrio in collaborazione con Inail Direzione Territoriale Lecco-Sondrio, ATS Brianza e TÜV Italia.

Salute e sicurezza sul lavoro: appuntamento il 16 maggio

Il seminario si tiene mercoledì 16 maggio alle ore 14.15. Lo ospita la sede Confindustria Lecco e Sondrio a Lecco. E’ comunque previsto un collegamento con la sede di Sondrio da dove si potranno seguire in diretta i lavori. Il seminario introdurrà anche la norma di recente pubblicazione ISO 45001, destinata a diventare il nuovo standard di riferimento in materia di salute e sicurezza sul lavoro per ogni tipo di organizzazione, indipendentemente da dimensione e tipologia, interessata a stabilire, implementare e mantenere un sistema di gestione H&S.

Il programma dei lavori

Dopo l’apertura lavori a cura di Andrea Barison, Responsabile Area Ambiente e Sicurezza di Confindustria Lecco e Sondrio, intervengono: Alberto Cicciù, Responsabile Processo Prevenzione INAIL di Lecco, sul tema “L’andamento degli infortuni e delle malattie professionali nel territorio nell’ultimo quinquennio”; Franco Frangi, Direttore UOC PSAL Responsabile UOS PSAL Lecco Agenzia di Tutela della Salute (ATS) della Brianza, sul tema “La promozione della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: i piani mirarti”; Alessio Galiazzo, Veto Power di TÜVItalia, su “Introduzione alla norma ISO 45001 e le novità rispetto a BS OHSAS 18001”.

Leggi anche:  Esselunga rilancia il codice etico per un mercato più trasparente

Il commento di Ferraris

“Sono proprio i dieci anni dall’entrata in vigore del Testo Unico ad averci offerto l’occasione per proporre un momento dedicato ad alcune valutazioni circa la crescita della cultura della prevenzione e dell’organizzazione per la sicurezza nelle imprese del territorio – commenta il Coordinatore della Commissione Ambiente e Sicurezza Edoardo Ferraris – Una cultura che certamente si è sviluppata e si sta sviluppando: l’incontro sarà un’occasione utile anche per un’analisi dei possibili margini di miglioramento. Saranno queste le nostre sfide per i prossimi anni”.