Reddito di cittadinanza? A Lecco lo vogliono (almeno) in 7000. Nel pomeriggio di ieri, giovedì  14 febbraio, si è svolto a Lecco un incontro di approfondimento su Reddito di cittadinanza e «Quota 100». Ad organizzatrlo è stata la Cisl Monza e Brianza. I lavori sono stati introdotti da Rita Pavan, segretaria generale della Cisl Monza Brianza Lecco, che ha ricordato, tra l’altro, come le prime stime sul Reddito di cittadinanza, prevedano 7 mila domande a Lecco e 20 mila in Brianza.

Reddito di cittadinanza? A Lecco lo vogliono (almeno) in 7000

Ha poi preso la parola Anna Fumagalli, responsabile degli sportelli sociali della Fnp (i pensionati della Cisl). Dopo aver ricordato che in Italia 5 milioni di persone vivono sotto la soglia della povertà, la Fumagalli ha ricordato i caratteri distintivi del Reddito di cittadinanza: il contrasto alla povertà e la politica attiva del lavoro. Successivamente è entrata nel merito dei requisiti necessari per ottenerlo evidenziandone anche le non poche criticità.

LEGGI ANCHE  Reddito di cittadinanza: tutto quello che c’è da sapere ECCO I CAF LECCHESI

Il ruolo dei centri per l’impiego

Cristina Pagano del Centro per l’impiego di Lecco, ha illustrato la situazione in merito ai nuovi compiti che spetteranno ai Centri per l’impiego. Al di là delle indicazioni contenute nella legge, la sua raccomandazione, per coloro che otterranno il Reddito di cittadinanza, è stata quella di recarsi personalmente ai Centri per iniziare l’iter di ricerca di un posto di lavoro.

Leggi anche:  Il saluto del sindaco di Merate agli studenti: "Siate protagonisti attivi"

LEGGI ANCHE Reddito di cittadinanza: informazioni al Centro per l’impiego di Lecco

La gestione di questo nuovo provvedimento richiederà un potenziamento del personale dei Centri per l’Impiego al netto dei 6/7 navigatori che dovrebbero essere assegnati a Lecco. Vanessa Gaddi, anche lei del Centro per l’Impiego di Lecco, ha poi fornito i numeri e le casistiche di coloro (165) che lo scorso anno sono stati presi in carico per il reinserimento lavorativo a fronte del Reddito di Inclusione.

Quota 100

Infine, Norberto Pandolfi, responsabile Inas di Lecco, ha affrontato le questioni tecniche relative a Quota 100. A questo proposito va rilevato che in questi giorni gli sportelli dell’Inas di Lecco sono stati frequentati per questa problematica da un numero notevole di utenti.