Questa mattina  nell’aula magna degli istituti Viganò e Agnesi a Merate si sono tenute le conferenze del progetto  Questo mostro amore.

Lezioni d’amore con la conferenza Questo mostro amore

Questo mostro amore è il titolo del progetto che questa mattina ha coinvolto con due conferenze gli studenti dell’Istituto Viganò (lunedì era toccato ai colleghi del liceo). Complessivamente il progetto, finanziato dall’associazione “Dietro la lavagna” e “portato in scena” dalla compagnia teatrale comasca “AttivaMente”, ha coinvolto quasi quattrocento studenti delle classi terze. Le lezioni d’amore hanno avuto come obiettivo insegnare agli adolescenti come prevenire e riconoscere i comportamenti dannosi all’interno di una coppia.  Le conferenze, tenute dal regista teatrale Jacopo Boschini e dalla psicopedagogista Valerie Moretti, hanno permesso di trattare  un argomento complesso e delicato con un linguaggio e una modalità per i ragazzi molto coinvolgente.

La violenza fisica e quella online

In particolare i relatori hanno spiegato ai ragazzi quali emozioni sono da considerarsi positive e costruttive in una sana relazione di coppia.Raccontando storie realmente accadute a coppie di adolescenti, i relatori hanno poi affrontato anche il tema spinoso della violenza fisica e di quella, non meno preoccupante e dannosa, che serpeggia nella rete. “Online basta un click per scegliere tra l’umiliazione e il rispetto” ha commentato la psicopedagogista Moretti. Obiettivo del progetto “Questo mostro Amore” è infatti quello di agire sul fronte dell’educazione emotiva, con la consapevolezza che prevenire l’instaurarsi di relazioni abusanti in adolescenza abbia risvolti positivi in termini di riduzione degli episodi di violenza subita o imposta in età adulta. Le conferenze sono servite a far riflettere gli studenti sulle loro emozioni e su come le esprimono all’interno di una relazione affettiva o amicale. L’iniziativa si concluderà il 6 marzo con uno spettacolo al Teatro Manzoni di Merate dal titolo “Io non sono quel che sono”.

 

Leggi anche:  Birrificio dell'anno: il secondo posto è di Hammer | La classifica