Un presidio e un’assemblea pubblica davanti ai cancelli della Limonta a Costa Masnaga  si terranno domani 28 marzo alle14,45. A organizzare l’iniziativa Filctem Cgil, Femca Cisl e Uiltec, unitamente alla Rsu aziendali e ai lavoratori.

Presidio e assemblea alla Limonta

“L’iniziativa – spiegano i responsabili sindacali in un comunicato – si colloca nell’ambito di una serie di rivendicazioni avanzate dai lavoratori e dopo 4 ore di scioperogià effettuate con la partecipazione pressoché totale dei dipendenti nei reparti produttivi. I lavoratori Limonta rivendicano: una giusta revisione dei valori del premio di risultato legato alla qualità che tenga conto dei cambi di mix produttivo e dei maggiori margini aziendali; spazi idonei per consumare il sacchetto mensa per i lavoratori del 2° e 3° turno o in alternativa una giusta compensazione economica; che le trattative e discussioni già fatte per definire i giusti livelli di inquadramento dentro l’azienda diventino un accordo aziendale e non restino nei cassetti della direzione per un utilizzo a spot ed unilaterale; una maggior attenzione ai carichi di lavoro che causano stress e portano ad una esasperazione dei rapporti interpersonali le cui conseguenze ricadono poi tutte su di loro”.

Leggi anche:  Ferrarini-Vismara: "L'Offerta del gruppo Pini è ancora la migliore". Incertezza su Casatenovo

Rispetto della dignità di lavoratrici e lavoratori

“In sostanza – osservano i sindacalisti – si richiede di ristabilire non solo corrette relazioni industriali ma anche il rispetto della dignità di lavoratrici e lavoratori che quotidianamente si impegnano all’interno dell’azienda e che ne garantiscono le elevate performance economico-finanziarie”. L’assemblea prenderà anche le necessarie misure per continuare la lotta in assenza di risposte positive da parte della direzione e della proprietà.