Brutte notizie per gli aspiranti pensionati lecchesi. All’Inas di Lecco, su 180 domande per la pensione anticipata , i «no» hanno toccato la percentuale dell’80%. Lo fa sapere La Cisl Monza Brianza Lecco.

Penzione anticipata, che delusione

“Gli addetti ai lavori avevano subito segnalato come le norme per l’accesso all’anticipo pensionistico sociale (a.pe) e ai benefici previdenziali per i lavoratori precoci fossero restrittive” sottolineano dal sindacato. “Infatti, al «boom» di domande (66mila a livello nazionale presentate entro la scadenza dello scorso 15 luglio), sta ora seguendo una pioggia di respingimenti”.

La situazione nel lecchese

La questione interessa ovviamente anche le provincia di Lecco.  Lo confermano i dati relativi alle sedi locali dell’Inas Cisl. All’Inas di Lecco, su 180 domande, i «no» hanno toccato la percentuale dell’80%. Il 60% riguarda l’a.pe, la restante quota i lavoratori precoci. Le domande potranno essere quindi  ripresentate entro il 30 novembre. Entro lo stesso termine, i potenziali beneficiari potranno fare domanda una prima volta, ma con limitate possibilità di accoglimento.

Pericolo di una bomba sociale

“Occorre trovare una soluzione perché i criteri attuali sono troppo rigidi” sottolinea Rita Pavan, segretaria generale Cisl Monza Brianza Lecco . “Si prefigura il pericolo di una bomba sociale. L’elevata percentuale di respingimenti rischia di spegnere speranze e aspettative”. Le domande andavano presentate tramite il portale telematico dell’Inps.

Leggi anche:  Ecco la carica dei nuovi ingegneri "made in Lecco". TUTTI I NOMI

Cosa è l’a.pe

E’ un’indennità economica, finanziata dalla fiscalità generale, destinata ad assicurare un sostegno al reddito fino a che non si raggiungano i requisiti per la pensione di vecchiaia. L’a.pe non è un prestito che deve essere restituito.  L’importo è calcolato in base all’ammontare del futuro trattamento pensionistico. Il massimale è di 1.500 euro mensili lordi. Tra i requisiti soggettivi ci sono l’avere compiuto almeno 63 anni di età, l’avere maturato almeno 30 anni di contributi, l’essere in stato di disoccupazione per licenziamento individuale o collettivo e dimissioni per giusta causa.

Lavoratori precoci

La pensione anticipata per i lavoratori precoci, invece, è una possibilità per chi ha almeno un anno di lavoro effettivo (sotto questo punto di vista non hanno valore il servizio militare o altri contributi figurativi) svolto prima del compimento del 19° anno di età. Questa opportunità non è un prestito, né un’indennità, ma un anticipo pensionistico riservato a chi raggiunge 41 anni di contribuzione. Le categorie di lavoratori interessate sono le stesse a cui è rivolto l’a.pe: disoccupati, invalidi civili, lavoratori che assistono disabili e chi svolge lavori faticosi.