Al termine di un complesso iter di approvazione che ha coinvolto l’autority nazionale (ARERA), l’Ufficio d’ambito di Lecco, i Sindaci dei Comuni e il Consiglio provinciale, sono state introdotte, con decorrenza 1° gennaio 2018, importanti novità nelle tariffe per il servizio idrico.

«Fino a fine 2017 le tariffe idriche lecchesi presupponevano che tutte le famiglie fossero composte da 3 persone, sulla base di un dato statistico dell’ISTAT – spiega Vincenzo Lombardo, direttore generale di Lario Reti Holding –. A partire dal 2018 e a seguito delle delibere degli Enti regolatori nazionale e locale, viene introdotto  un nuovo sistema di calcolo che tiene conto dell’effettiva composizione di ogni nucleo famigliare, garantendo un’adeguata “dotazione” pro capite giornaliera e incentivando il risparmio dell’acqua. Con questo aggiornamento si va perciò incontro alle esigenze delle famiglie più numerose».

Il nuovo sistema tariffario prevede novità anche in altri ambiti:

  • la suddivisione della quota fissa nelle tre componenti di acquedotto, fognatura e depurazione;
  • la modifica della tariffa di fognatura e depurazione per gli scarichi autorizzati di acque industriali e meteoriche contaminate;
  • il superamento del sistema di acquisto delle quote di concessione per le utenze commerciali, artigianali e industriali, a favore di una tariffazione similare a quella delle utenze domestiche, basato quindi sui reali consumi.

La quota fissa è dovuta al gestore indipendentemente dal consumo e copre i costi fissi che Lario Reti Holding sostiene per l’erogazione del servizio. Grazie alla nuova tariffa, tale quota, che rimane invariata nel suo valore complessivo, viene scomposta secondo i tre servizi di acquedotto, fognatura e depurazione, consentendo una riduzione in bolletta a coloro che vivono in zone prive di pubblica fognatura. Il fac-simile per la dichiarazione di utenza in zona non servita è disponibile sul sito www.larioreti.it/moduli.

Permane la necessità che tali utenze siano dotate di un sistema individuale di trattamento dei reflui e della relativa autorizzazione allo scarico rilasciata dalla Provincia di Lecco. Ogni informazione in merito è reperibile sul sito www.provincia.lecco.it, sezione “Ambiente”, sottosezione “Acque”.

Date e termini di applicazione delle nuove tariffe

Su decisione dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), le novità introdotte vengono applicate dallo scorso 1° gennaio 2018. Eventuali conguagli verranno di conseguenza riportati sulla prima bolletta utile a partire da novembre 2018.

Per adeguarsi al nuovo sistema tariffario, uniformato a livello nazionale, è stato necessario elevare la quota agevolata prevista per le utenze domestiche residenti. Tale operazione comporterà una ridistribuzione dei costi, determinando un aumento per le utenze fino a 3 componenti ed una riduzione per le famiglie più numerose, per via dell’introduzione del principio del consumo pro capite.

La nuova veste grafica della bolletta idrica è in uso da settembre 2018. La revisione ha il compito di facilitare la lettura e l’interpretazione dei consumi e delle principali informazioni riportate in fattura, mantenendo un’impaginazione coerente con i criteri stabiliti dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

Ma quali sono e dove sono le informazioni più importanti della nuova bolletta?

«I dati di contratto, il riepilogo importi ed i contatti utili rimangono in prima pagina – conferma Vincenzo Lombardo, direttore generale di Lario Reti Holding –. E sono stati resi più leggibili con l’introduzione di un grafico e di apposite icone».  Ulteriori innovazioni riguardano l’autolettura del contatore e le analisi di qualità dell’acqua, ora rese più visibili con l’ausilio di tabelle ed immagini, a pagina tre. Per chi volesse invece usufruire dell’opzione di rateizzazione della fattura oppure volesse consultare la situazione dei pagamenti pregressi oppure i metodi di pagamento a disposizione della clientela, li può trovare, in forma riassunta, a pagina 4. Infine, in un’ottica di trasparenza del servizio, sono stati introdotti a pagina 7 e 8 i dettagli relativi alla qualità commerciale del servizio: tabelle di facile lettura che riportano i tempi a disposizione di Lario Reti Holding per svolgere le varie pratiche, il numero di servizi resi per ciascuna tipologia nonché le medie di tempi dell’ultimo anno fiscale (2017). «Con la chiusura dell’anno fiscale 2018 inseriremo anche le variazioni in miglioramento o peggioramento rispetto al precedente anno – chiude Lombardo – e questo porterà ancora maggior trasparenza nei confronti dei nostri clienti, che potranno giudicare in prima persona la bontà del nostro operato».

Leggi anche:  Confartigianato Imprese Lecco: "Le imprese meritano un 2019 meno burrascoso"

La bolletta di Lario Reti Holding cambia grafica

La nuova veste grafica della bolletta idrica è in uso da settembre 2018. La revisione ha il compito di facilitare la lettura e l’interpretazione dei consumi e delle principali informazioni riportate in fattura, mantenendo un’impaginazione coerente con i criteri stabiliti dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

Ma quali sono e dove sono le informazioni più importanti della nuova bolletta?

«I dati di contratto, il riepilogo importi ed i contatti utili rimangono in prima pagina – conferma Vincenzo Lombardo, direttore generale di Lario Reti Holding – .E sono stati resi più leggibili con l’introduzione di un grafico e di apposite icone».  Ulteriori innovazioni riguardano l’autolettura del contatore e le analisi di qualità dell’acqua, ora rese più visibili con l’ausilio di tabelle ed immagini, a pagina tre. Per chi volesse invece usufruire dell’opzione di rateizzazione della fattura oppure volesse consultare la situazione dei pagamenti pregressi oppure i metodi di pagamento a disposizione della clientela, li può trovare, in forma riassunta, a pagina 4. Infine, in un’ottica di trasparenza del servizio, sono stati introdotti a pagina 7 e 8 i dettagli relativi alla qualità commerciale del servizio: tabelle di facile lettura che riportano i tempi a disposizione di Lario Reti Holding per svolgere le varie pratiche, il numero di servizi resi per ciascuna tipologia nonché le medie di tempi dell’ultimo anno fiscale (2017). «Con la chiusura dell’anno fiscale 2018 inseriremo anche le variazioni in miglioramento o peggioramento rispetto al precedente anno – chiude Lombardo – e questo porterà ancora maggior trasparenza nei confronti dei nostri clienti, che potranno giudicare in prima persona la bontà del nostro operato».